Valle dell’Uso, un pezzo di paesaggio depredato in Romagna

Standard

un territorio che stato depredato in passato dall’estrazione di calcare e di sabbia, ma anche dalle speculazioni edilizie. Eppure dal 1990 la Valle dell’Uso, spicchio di Appennino tra Rimini e Cesena con il mare all’orizzonte e i castelli malatestiani sui picchi attorno, diventata anche ricettore di rifiuti, prima solido-urbani e poi speciali.

Non c’ solo la Val di Susa con la sua battaglia contro l’alta velocit, i comitati che difendono la loro terra dall’ampliamento dell’aeroporto di Fiumicino, i NoMuos di Niscemi, i genitori dei bambini oncologici della Terra dei fuochi. Andando a spasso per la penisola ci sono tante altre storie contro la depredazione del territorio che meritano di essere raccontate. Come quella della romagnola Valle dell’Uso che si batte (anche) contro la G4.

La G4 la discarica Ginestreto 4 che potrebbe mangiarsi un pezzo di paesaggio sotto tutela dove sorge l’Osservatorio naturalistico con il Museo della tessitura. E potrebbe mangiarsi anche la salute dei cittadini che proprio dal 1990, anno dell’avvio dello smaltimento, non pi stata sottoposta a screening, nonostante le tre preesistenti discariche.

Continua a leggere su IlFattoQuotidiano.it

“Il caso Ilaria Alpi”: un ebook di Fabio Amendolara che dalla Somalia porta ai depistaggi sulla Basilicata

Standard

Il caso Ilaria Alpi

Il giornalista della Gazzetta del Mezzogiorno Fabio Amendolara si fatto conoscere in passato per il suo lavoro (si veda il libro di fine 2013 Il segreto di Anna, Editrice Edimavi, sulla morte del commissario Anna Esposito e sul legame con il caso di Elisa Claps). E anche per i problemi sorti dalla caparbiet che dimostra lavorando. Ora appena uscito in ebook un suo nuovo lavoro, Il caso Ilaria Alpi, e di questo parla:

La giornalista Ilaria Alpi e loperatore Miran Hrovatin, inviati del Tg3, vengono uccisi a Mogadiscio nel marzo 1994. Non una rapina, ma una brutale esecuzione. Da allora ci si interroga sul movente di questo duplice omicidio. Ilaria aveva sicuramente scoperto qualcosa di indicibile. Una delle piste porta al traffico internazionale di rifiuti, tossici e nucleari, che dallItalia potrebbero essere finiti in Somalia. Non appena questipotesi acquista peso, per, compaiono sulla scena alcuni discutibili pentiti che dirottano le indagini sulla Basilicata, in particolare sul piccolo centro di Rotondella (Matera), dove si trova un centro di ricerche nucleari dellEnea. Si rivelano essere dei depistaggi. E c da chiedersi: perch qualcuno si scomodato per portare la magistratura su false piste?

Al libro sono dedicati un account Twitter, uno Facebook e un blog attraverso cui si continua a seguire la vicenda e si pubblicano anche documenti originali (come in questo caso sul Sisde).

I fusti dimenticati nel tarantino: sono migliaia, contengono materiale radioattivo e dal 1995 si sono deteriorati

Standard

La minaccia radioattiva alle porte di Taranto l’inchiesta pubblicata dal Corriere.it con immagini delle migliaia di fusti girate nel 1995 dal corpo forestale dello Stato. Si legge:

Da allora la situazione non migliorata e i fusti hanno subito un deterioramento inevitabile, secondo l’ex direttore del dipartimento nucleare dell’Ispra, Roberto Mezzanotte. Dopo una lunga vicenda giudiziaria il deposito […] stato sequestrato […]. A pagare la bonifica dovr essere anche in questo caso la collettivit, ma per ora sono stanziati solo i fondi per caratterizzare i rifiuti. Nessuno infatti ha ancora mai aperto i fusti per verificare cosa realmente contengano. Su alcuni dei fusti ritrovati nel deposito riportata una data di decadenza della radioattivit a 10 mila anni, ricordano gli ufficiali della forestale che eseguirono la perquisizione.

Continua qui.

Navi dei veleni: si riapre la vicenda del capitano Natale De Grazia che indagava sul traffico rifiuti tossici

Standard

Il Sole 24 Ore scrive che si riaprono i misteri sulle navi dei veleni: sparite le carte di un pentito e c’ pure una morte sospetta:

Non sarebbe morto di infarto ma di immunodepressione e immunodeficienza causate da sostanze tossiche presenti nel suo organismo. Sarebbe questa la sconvolgente novit contenuta nella terza perizia ordinata all’Universit di Roma dalla Commissione parlamentare di inchiesta sui rifiuti, che dopo anni di indagini ha voluto vederci ancor pi chiaro sulla morte del capitano Natale De Grazia, che proprio oggi avrebbe compiuto 56 anni.

Il comandante De Grazia mor il 13 dicembre 1995, improvvisamente, a Nocera Inferiore, mentre era in viaggio da Reggio Calabria a La Spezia nell’ambito delle indagini relative al traffico di rifiuti tossici e/o radioattivi: l avrebbe dovuto raccogliere importanti deposizioni e documenti nautici relativi ad affondamenti sospetti nel Mediterraneo, in particolar modo di fronte alle coste calabresi. Le indagini gli erano state delegate dall’allora capo della Procura di Reggio Francesco Scuderi. Quel giorno in viaggio con lui si trovavano anche il pm Francesco Neri, titolare delle indagini, l’autista e il suo collega Nicol Moschitta.

L’articolo, a firma di Roberto Galullo, continua qui.

Aggiornamento del 21 dicembre: sull’edizione cartacea del Manifesto due pagine sulla vicenda, la 8 e la 9.

Somalia e Italia: due nazioni legate da un filo di armi, rifiuti e trafficoni

Standard

In Somalia si pu morire in molti modi. Il pi frequente ammazzati, a seguire cronache che troppo spesso non trovano spazio sui giornali (ma per farsi un’idea si tenga d’occhio per un po’ questo indirizzo: http://it.peacereporter.net//area/32/1/Somalia). Un altro, di certo meno frequente, vedersi uccidere da un tumore della pelle dopo aver trascorso la vita a fare il marinaio. Quel tumore, un carcinoma, se fosse stato curato per tempo in Italia, avrebbe avuto una sufficiente percentuale di remissione e qualche probabilit in meno di metastatizzarsi. Invece il marinaio, che si vide crescere sul tronco e sulle braccia neoformazioni ulcerate, morto.

Non era anziano e di solito una malattia del genere insorge in persone che hanno la pelle chiara, non in chi di colore. Tra le sue cause, soprattutto per i bianchi, l’esposizione diretta e prolungata al sole: i raggi ultravioletti friggono la normale fisiologia delle cellule dell’epidermide e possono provocare mutazioni che sfociano nel cancro. Questi danni avranno pi effetto se incontreranno preesistenti cicatrici o ustioni guarite e il quadro fin qui descritto sembra adattarsi alla vita di chi andato sempre per mare, per quanto di fenotipo scuro.

Ma c’ anche un’altra causa a monte di questo tipo di tumore, pi frequente nella popolazione africana e afro-americana: l’esposizione a radiazioni o a sostanze chimiche, come i metalli pesanti, che diventano pi minacciose quando una persona maneggia a lungo materiale inquinante finendo per assorbirlo. Se a questa constatazione si aggiunge che il nostro marinaio stato per anni a bordo di un’imbarcazione di una flotta chiacchierata, come nel caso della Shifco, ecco che tornano in mente altre storie. E in particolare tutte le storie scritte e lette da oltre un quindicennio a proposito delle navi divenute di propriet di Omar Mugne, un imprenditore con doppia cittadinanza somala e italiana il cui nome ricorso fin troppo spesso nelle indagini legate alla morte di Ilaria Alpi.
Continue reading

“Scorie radioattive”: in un libro la ricostruzione dei viaggi in Francia e dei depositi in Italia. La Difesa Usa: “Problemi di sicurezza”

Standard

Scorie radioattiveOgni tanto, dell’argomento, se n’ sentito parlare e poi s’ di nuovo inabissato. Da qualche settimana diventato un libro di un giornalista, Andrea Bertaglio, e di un esperto di risparmio energetico Maurizio Pallante, presidente anche del Movimento per la decrescita felice. Si intitola Scorie radioattive. Chi sa trema, ma in silenzio (Aliberti) e di questo si occupa:

Di tanto in tanto, in date sconosciute, ci sono treni che fanno la spola tra l’Italia e la Francia attraversando paesi e citt. Trasportano scorie nucleari, solo che nessuno lo sa. Sulle rive della Dora Baltea, esattamente a Saluggia, stipato l’85 per cento dei rifuti radioattivi italiani, in gran parte in forma liquida. Dovevano essere solidifcati trent’anni fa, e invece sono ancora l. Insieme a cinque chili di plutonio, una quantit suffciente a uccidere cinquanta milioni di persone: un decimo di milligrammo, se inspirato, costituisce uffcialmente una dose mortale. Millecinquecento metri pi a valle c’ il pi grande acquedotto del Piemonte, e quando il fume in piena, chi sa trema. Ma in silenzio.

Ci sono depositi di rifuti radioattivi un po’ ovunque nel Paese. Gli scarichi di routine dei centri nucleari fniscono nei fumi e nei laghi, ma nessuno sembra notarlo. Sotto il terreno bresciano sono stipate quaranta bombe atomiche, altre cinquanta ad Aviano: secondo un rapporto del Dipartimento della Difesa Usa, nelle basi “italiane” ci sono problemi di edifci di supporto, alle recinzioni dei depositi, all’illuminazione e ai sistemi di sicurezza, mentre a guardia delle basi vi sono soldati di leva con pochi mesi di addestramento. Anche questo, di certo, sette italiani su dieci lo ignorano. In Italia due referendum hanno detto no all’atomo. Ma il nucleare qui, sotto i nostri piedi. E nessuno vuole farcelo sapere.

Se ne parla anche qui, sul sito del Fatto Quotidiano.

“Profumo d’Italia”: il viaggio di Fulvio Di Dio nella continua emergenza dei rifiuti

Standard

Profumo d'ItaliaA giorni in uscita il libro pubblicato da Editori Riuniti che si intitola Profumo d’Italia – Il paese della continua emergenza rifiuti, scritto dal giurista esperto in tematiche ambientali Fulvio Di Dio:

In un viaggio allucinante tra inceneritori e cumuli che avvelenano le falde freatiche, [l’autore] dopo averci raccontato gli interessi volutamente nascosti della privatizzazione dell’acqua, indaga sul business d’oro dei rifiuti in Italia, svelando crimini e colpevoli con la consueta attenzione e il rigore scientifico che lo contraddistinguono.

“Partendo dall’emergenza napoletana, quello che salta agli occhi che si sta consumando una durissima lotta di interessi e potere, di soldi e politica – spiega l’autore – in ballo ci sono proprio le centinaia di milioni di euro che la monnezza produce. Non una esagerazione quindi considerare il problema della gestione dei rifiuti un punto di vista privilegiato per osservare le relazioni tra la qualit delle istituzioni e della societ civile.

Nel volume sono inoltre raccolti anche il testo della sentenza della Commissione Europea che ammonisce l’Italia in merito alla gestione sul ciclo di smaltimento dei rifiuti, i risultati di uno studio della Protezione civile che indaga sugli effetti sanitari della gestione rifiuti in Campania.

La Valle del Sacco: un disastro ambientale tra ipotesi di dolo e danni per gli abitanti

Standard

Il luogo la Valle del Sacco, provincia di Frosinone, Lazio meridionale. E il tema un disastro ambientale di cui parlava l’estate scorsa Current.tv, provocato dall’inquinamento industriale e dall’interramento di fusti contenenti materiali tossici:

Dagli anni ’60 al ’90 sono stati seppelliti a ridosso delle falde del Fiume Sacco, centinaia e centinaia di barili con beta-esaclorocicloesano, ftalica, amianto e altro. Oggi questi sono percolati nel fiume […]. Per il rapporto di Legambiente – Ambiente Italia, la provincia laziale allultimo posto per qualit della vita tra le 103 province italiane. Implicazioni gravissime per la salute, indifferenza della politica, pericolose ipotesi di occultamento di prove e mancata bonifica dell’area.

Ulteriore materiale si pu trovare qui, qui e qui.

(Grazie all’attenzionato per le segnalazioni)

Beppe Sebaste: reportage dall’olocausto bianco dei rifiuti

Standard

Una segnalazione per un’inchiesta realizzata da Beppe Sebaste, “Spazzatour”: reportage dall’olocausto bianco dei rifiuti:

Ci fermiamo quindi nel triangolo della morte, ultimo girone, a poche centinaia di metri da Casal di Principe: Parco Saurini, S. Tammaro, Ferrandelle. Ogni rilievo, ogni collina (ce ne sono tante) racchiude una discarica interrata, su cui crescono cespugli giallastri. Ma ce ne sono altre speciali, incredibili: montagne incolori, ecoballe di rifiuti senza neanche la plastica, denudate e impudiche sotto un impietoso cielo azzurro. Quelle che Bertolaso aveva dichiarato di avere eliminato, che nessun manto vegetale ricopre.

Questo solo un passaggio, ma vale la pena di leggerla tutta, questa inchiesta.

La selva di Chiaiano, scavare e sversare. Il verbo dell’illegalit

Standard

Ancora a proposito di rifiuti, online il trailer del documentario La selva di Chiaiano, il parco delle sorprese realizzato da Cecilia Anesi e Giulio Rubino:

La Selva di Chiaiano l’ultimo grande polmone verde della citt di Napoli ed parte integrante del Parco Metropolitano delle Colline. caratteristica per la sua particolare conformazione geologica: contiene cinquantatr cave di tufo giallo napoletano, di cui una decina di grandi dimensioni, che sono oggetto dei progetti di riqualificazione ambientale voluti dall’Ente Parco […]. Ma la Selva, come altri luoghi della Campania di simile conformazione, stata sfruttata dalla camorra prima con attivit estrattiva selvaggia e poi, come appurato dalla Sezione Aerea della Guardia di Finanza nel 2008, come ricettacolo di sversamenti illeciti. Come spiega Tommaso Sodano, membro della Commissione parlamentare di inchiesta sul ciclo dei rifiuti e sulle attivit illecite ad esso connesse, quello delle cave sempre stato uno dei business principali […]: si scava e quando non si pu pi scavare si riempie.

Per leggerne di pi, si vedano gli articoli Lasciate ogni speranza (Carta del 9 aprile) e Rifiuti, a rischio l’ultimo polmone verde di Napoli (L’antefatto di 27 aprile).