Xaaraan – Il blog di Antonella Beccaria

Non credo nelle otto del mattino. Però esistono. Le otto del mattino
sono l'incontrovertibile prova della presenza del male nel mondo
Gli ultimi giorni, Andrew Masterson


A (s)proposito

| More

Xaaraan è una parola somala. Significa “impuro secondo il rito” e viene utilizzata anche per indicare la “carne macellata in maniera impropria”. È un vocabolo che contrassegna ciò che è oscuro, immorale o illegale, qualcosa che va contro la legge dell’uomo o di dio, per chi ha fede almeno in una delle due. Anche dal suono si capisce: asciutto, staffilato, quasi il sibilo di una lama o di una cinghia.

La realtà, quella in cui si è immersi tutti i giorni, è xaaraan. Vale per la realtà singola, sempre parziale, sempre mitigata e distorta da una lente individuocentrica, e vale anche per quella più complessiva che si muove lungo l’asse – reale o apparente – del tempo. In queste pagine virtuali, così come in quelle cartacee, si va alla ricerca di alcune forme xaaraan.

È un percorso empirico che si manifesta attraverso la scrittura. Un percorso per capire meglio. A iniziare da personali lenti distorsive.

Antonella BeccariaVeniano infine alle informazioni più tecniche. Giornalista, fixer, scrittrice e blogger, per Socialmente Editore ho pubblicato E rimasero impuniti – Dal delitto Calvi ai nodi irrisolti di due repubbliche (2010), Schegge contro la democrazia (2010) e Il programma di Licio Gelli (2009). Per Stampa Alternativa/Nuovi Equilibri, per la quale curo la collana Senza finzione, ho scritto NoSCOpyright – Storie di malaffare nella società dell’informazione (2004), Permesso d’autore (2005), Bambini di Satana (2006), Uno bianca e trame nere (2007), Pentiti di niente (2008) e Attentato imminente (2009). Con Nutrimenti Editore è uscito nel 2010 il libro Piccone di Stato – Francesco Cossiga e i segreti della Repubblica. Nel 2012, sempre per Nutrimenti, è uscito Divo Giulio – Andreotti e sessant’anni di potere in Italia, scritto con Giacomo Pacini.

Appassionata di fotografia, politica, Internet, cultura Creative Commons, letteratura horror ed Europa orientale (non necessariamente in quest’ordine), scrivo per Il fatto quotidiano e per il mensile La voce delle voci, collaboro con la trasmissione televisiva Lucarelli racconta (RaiTre) e dal 2004 curo questo blog. Vivo e lavoro a Bologna. Frequenti le trasferte, per quanto quasi mai in luoghi da cui si vede il mare.

Print

Wikileaks affair


A (s)proposito


Foto Carlo Beccaria
Per scrivermi, l'indirizzo è
antonella[at]beccaria.org

Sottoscrivi i feed RSS Inviami una mail Ascolta i miei podcast Seguimi su Flickr
Seguimi su Twitter Seguimi su FriendFeed Seguimi su Facebook Seguimi su Scrive.it

Arcoris.tv

IRPI - Investigative Reporting Project Italy

Su Radio Città del Capo



In libreria


Italia. La fabbrica degli scandali
Italia. La fabbrica degli scandali
Newton Compton
Scheda e acquisto

PhotoStream

In lettura


Luna bugiarda

Luna bugiarda
di Ben Pastor
Sellerio

Ultime letture


ADV



Text Link Ads



Licenze sui contenuti

Creative Commons License
I contenuti di questo blog, laddove non diversamente specificato, sono rilasciati con Licenza Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Condividi allo stesso modo 2.5 Italia

Da Twitter


Ultimi commenti

Categorie

Archivio


Credits

Copyleft © - "Xaaraan – Il blog di Antonella Beccaria" è realizzato con WordPress ed è ospitato da Carlo Beccaria. Il tema Illacrimo è stato creato da Design Disease e LifeSpy. La personalizzazione è opera di Claudio Cicali.