A trent’anni dalla strage del Rapido 904, a Bologna una mostra per non dimenticare quei fatti

Standard

La strage del treno Rapido 904

Marted prossimo, 23 dicembre, saranno trascorsi 30 anni dalla strage di Natale provocata dalla bomba piazzata sul Rapido 904. Sabato, a Bologna, viene inaugurata una mostra su quei fatti organizzata da Unione Fotografi Organizzati, associazione Piantiamolamemoria, Libera Emilia-Romagna e Rete degli archivi per non dimenticare.

Renato Caccioppoli, la “Vita di un matematico napoletano” nella nuova edizione del libro di Roberto Gramiccia

Standard

Vita di un matematico napoletanoIl medico e scrittore Roberto Gramiccia esce per Editori Eir con la nuova edizione di un libro su un personaggio interessante. Il libro si intitola Vita di un matematico napoletano e il personaggio Renato Caccioppoli:

Renato Caccioppoli stato uno dei grandi personaggi del ‘900 italiano. Matematico geniale e cattedratico anticonformista, amatissimo a Napoli, sua citt natale, stato anche un magnifico pianista e un cultore di tutte le arti. Nipote dell’anarchico Mikhail Bakunin, spirito libertario e inquieto, il ruolo politico svolto nella lotta antifascista prima e in quella per la pace poi, sar la testimonianza di un impegno irriducibile liberato da ogni retorica. La sua sar una vita eccentrica, in cui il disordine finir per essere piegato agli scopi della ricerca del vero e del bello, fino ad assumere dignit di metodo. Vivere senza riprendere fiato sar il suo modo di esistere anche nelle molte e importanti relazioni umane e sentimentali, sino al suicidio avvenuto l’8 maggio del 1959 e raccontato nel film di Mario Martone “Morte di un matematico napoletano”. Il libro non si occupa di acquisizioni scientifiche – a queste dedicata l’appendice – ma di un’esistenza tormentata e affascinante dalla quale deriva la sintesi di un pensiero critico di irresistibile energia e attualit.

“Il popolo tradito” nelle parole di Riccardo Iacona: un mondo a parte, quello dell’Italia e dei suoi quartieri abbandonati dalla politica (e non solo)

Standard

Questo libro elettronico, Il popolo tradito, uscito a inizio estate per Chiarelettere, si legge d’un fiato ed un percorso in un pezzo d’Italia, la Campania, raccontata in presa diretta. Vuoi perch lo ha scritto Riccardo Iacona, volto e autore di una trasmissione a cui ha dato come titolo proprio Presa diretta, vuoi perch davvero si vanno a vedere scorci non del tutto sconosciuti, ma non troppo di frequente raccontati:

La prima tappa di un work in progress che condurr [l’autore] in un mondo a parte che l’Italia dei quartieri abbandonati dalla politica. Le persone, le storie, le testimonianze, tutto riportato con uno stile spiazzante, in prima persona, direttamente sul posto, faccia a faccia con i personaggi. Una temperatura narrativa che scompagina tutte le pi consuete ricostruzioni giornalistiche, restituendoci un ritratto dell’Italia e degli italiani come non abbiamo mai visto. Fino alla storia di Raffaellina e di suo figlio Salvatore, tredici anni, che in un giorno di gennaio del 2003 doveva essere al campetto a giocare a pallone con gli amici e invece finito morto ammazzato. La prima stazione Napoli, il popolo in ostaggio nel cosiddetto Lotto Zero. Un reportage duro, sincero, violento.

Ponticelli, il post terremoto del 1980 mai superato, omicidi come quello di Marcello Torre e il racconto dalla viva voce di chi quelle zone le vive tutti i giorni sono solo alcuni degl scorci che si incrociano.

“Il casalese”: il tribunale civile di Napoli respinge la richiesta di sequestro del libro

Standard

Il casalese. Ascesa e tramonto di un leader politico di Terra di lavoroCi sono novit a proposito del libro Il casalese. Ascesa e tramonto di un leader politico di Terra di lavoro e delle mosse legali per farlo sparire chiedendo agli autori un indennizzo milionario di cui si parlava poco tempo fa. Le racconta Giuseppe Parente su Notte criminale:

Sequestro immediato e distruzione di tutte le copie attualmente in vendita nelle migliori librerie italiane, oltre al risarcimento di un milione e 200 mila euro. Questa era la richiesta formulata al tribunale di Napoli, da Giovanni Cosentino, amministratore unico dell’Aversana Petroli e della Ip service, fratello del deputato del Popolo delle libert Nicola Cosentino, gi sottosegretario all’economia nel governo Berlusconi III ed ex coordinatore regionale del popolo delle libert in Campania, nei confronti dei nove autore e dell’editore del libro […] pubblicato dalla giovane e coraggiosa casa editrice Cento Autori […]. [Il volume] al momento, salvo, non sar quindi n ritirato dal commercio n mandato al macero. Una buona notizia, in questi tempi, davvero tristi e difficili. Il giudice del tribunale civile di Napoli, Angela Carbone, ha respinto la richiesta dei legali di Giovanni Cosentino, di procedere ex articolo 700 per il sequestro del libro, rinviando la decisione al giudizio di merito.

L’articolo prosegue qui e merita di essere letto il profilo che traccia di alcuni personaggi citati dagli autori del libro.

Sequestrano un basso a capo clan della camorra e quel locale diventa la “casa del giornalista”

Standard

Scrive Vincenzo Iurillo sul Fatto Quotidiano che a Napoli nasce la Casa del giornalista nel “basso” confiscato al boss:

Ciro Mariano stato il capo clan dei ‘Picuozzi’ dei Quartieri Spagnoli di Napoli, mandante ed autore di alcune delle pi efferate stragi di camorra, come quella del Circolo Canottieri nel 1989, in cui persero la vita quattro pregiudicati. Mariano non amava la stampa e non amava essere fotografato. E riusc a ottenere dal presidente della Corte che lo process il divieto di essere ripreso dai fotoreporter. Disse di non volere essere vittima di “un linciaggio mediatico”. Per una singolare legge del contrappasso, un bene confiscato al clan Mariano stato assegnato a un gruppo di cronisti della carta stampata e della televisione, riuniti in un consorzio: il primo caso in Italia, quello che verr illustrato stasera alle 23 durante la trasmissione Linea Notte di Rai 3.

Continua qui.

Lucia, Margherita, Carlo e gli altri dipendenti licenziati: “In Campania la Coop ci ha venduti ed ora siamo senza lavoro”

Standard

Domani di Maurizio ChiericiRicordate la vicenda della Fiat di Melfi? Dopo il licenziamento, tre dipendenti vennero reintegrati dal giudice del lavoro, ma per loro non c’era posto in azienda. Qualcosa di analogo successo anche altrove. Solo che questa volta accaduto in un supermercato campano, a Solofra, provincia di Avellino, che fino a poco meno di un paio d’anni fa era a marchio Coop. Ed successo a due lavoratrici, Lucia Di Maio e Margherita Molinari. La quali, licenziate prima dalla Unicoop Tirreno e poi dalla societ che ha rilevato il ramo d’azienda a cui la loro unit commerciale apparteneva, si sono viste riconoscere per due volte dal tribunale del lavoro di Avellino il diritto a essere reintegrate nel colosso della grande distribuzione toscano. Ma senza risultato perch, in una lettera inviata a fine estate, la scrivente cooperativa [non] ha la possibilit di adibirla presso altre unit produttive alle medesime mansioni da quelle […] svolte in precedenza. Non sussiste quindi alcuna opportunit di […] utile impiego.

Peccato per che in Campania la situazione sia tutt’altro che immobile, per i grandi magazzini. Il 3 dicembre prossimo, per esempio, verr inaugurato un superstore da 2.200 metri quadrati con 150 posti auto nel quartiere Arenaccia di Napoli (in quest’occasione sono annunciate manifestazioni di protesta). Ed altri siano in corso d’apertura, con relative campagne di assunzione. Ma la storia di Lucia Di Maio e di Margherita Molinari ben pi estesa. Oltre al supermercato di Solofra, la cessione ha compreso infatti anche i supermercati di Castellammare di Stabia, Soccavo e Nocera Inferiore. E il successivo licenziamento di tutti i lavoratori.
Continue reading

Beppe Sebaste: reportage dall’olocausto bianco dei rifiuti

Standard

Una segnalazione per un’inchiesta realizzata da Beppe Sebaste, “Spazzatour”: reportage dall’olocausto bianco dei rifiuti:

Ci fermiamo quindi nel triangolo della morte, ultimo girone, a poche centinaia di metri da Casal di Principe: Parco Saurini, S. Tammaro, Ferrandelle. Ogni rilievo, ogni collina (ce ne sono tante) racchiude una discarica interrata, su cui crescono cespugli giallastri. Ma ce ne sono altre speciali, incredibili: montagne incolori, ecoballe di rifiuti senza neanche la plastica, denudate e impudiche sotto un impietoso cielo azzurro. Quelle che Bertolaso aveva dichiarato di avere eliminato, che nessun manto vegetale ricopre.

Questo solo un passaggio, ma vale la pena di leggerla tutta, questa inchiesta.

La selva di Chiaiano, scavare e sversare. Il verbo dell’illegalit

Standard

Ancora a proposito di rifiuti, online il trailer del documentario La selva di Chiaiano, il parco delle sorprese realizzato da Cecilia Anesi e Giulio Rubino:

La Selva di Chiaiano l’ultimo grande polmone verde della citt di Napoli ed parte integrante del Parco Metropolitano delle Colline. caratteristica per la sua particolare conformazione geologica: contiene cinquantatr cave di tufo giallo napoletano, di cui una decina di grandi dimensioni, che sono oggetto dei progetti di riqualificazione ambientale voluti dall’Ente Parco […]. Ma la Selva, come altri luoghi della Campania di simile conformazione, stata sfruttata dalla camorra prima con attivit estrattiva selvaggia e poi, come appurato dalla Sezione Aerea della Guardia di Finanza nel 2008, come ricettacolo di sversamenti illeciti. Come spiega Tommaso Sodano, membro della Commissione parlamentare di inchiesta sul ciclo dei rifiuti e sulle attivit illecite ad esso connesse, quello delle cave sempre stato uno dei business principali […]: si scava e quando non si pu pi scavare si riempie.

Per leggerne di pi, si vedano gli articoli Lasciate ogni speranza (Carta del 9 aprile) e Rifiuti, a rischio l’ultimo polmone verde di Napoli (L’antefatto di 27 aprile).