Dati e infografica a servizio del giornalismo: il Guardian racconta cos tre anni e mezzo di crisi e di dolore in Europa

Standard

Eurozone crisis: three-and-a-half years of pain

E dopo i dati sui cronisti minacciati usati per rappresentare la loro condizione in Italia attraverso il progetto Ma chi me lo fa fare, ecco un altro esempio di come fare informazione in questo senso quella del Guardian con l’infografica sulle condizioni economiche dei Paesi europei: si tratta di Eurozone crisis: three-and-a-half years of pain, che racconta gli accadimenti prendendo in considerazione banche e proteste, austerit e mercati, politiche nazionali e piani di salvataggio.

Ancora cronisti minacciati: strani ladri a casa di Silvia Resta (La7)

Standard

Alberto Spampinato, direttore dell’osservatorio Ossigeno per l’informazione che si occupa di cronisti minacciati, ha inviato il testo riportato in forma integrale, su nuove intimidazioni. Si intitola “Giornalisti, strani ladri a casa di Silvia Resta (La7)” e accompagna un lancio Ansa che si trova sotto.

La strana incursione nell’abitazione della giornalista Silvia Resta ha un evidente significato intimidatorio e ricorda tempi bui che pensavamo di avere superato per sempre. Spero che desti l’attenzione e la solidariet di tutti i giornalisti e di tutti quanti hanno a cuore il diritto di cronaca e la libert di espressione. Suscita il nostro allarme perch si aggiunge a recenti episodi dello stesso segno che si sono verificati a Roma. In particolare fa pensare al furto dei computer presso la redazione di Articolo 21, a cui ha fatto seguito un “hackeraggio” selettivo sul sito dell’associazione stessa e la cancellazione delle notizie sulla presunta “trattativa” Stato-mafia e un’incursione informatica uguale sul sito della Fondazione Libera Informazione, dove un articolo particolarmente critico sulle indagini condotte a proposito della “trattativa” stato sostituito con l’immagine di un teschio.

La stessa Silvia Resta lo scorso novembre stata al centro di una forte contrapposizione quando ha protestato contro un intervento censorio del direttore de La7 che ha bloccato la messa in onda di una sua inchiesta sulla vicenda della presunta “trattativa”. Recentemente gravi minacce sono state indirizzate a un giornalista del Messaggero che ha osato scrivere a proposito di inspiegabili trattamenti di favore nei confronti di una organizzazione di estrema destra. E i sindaci dei municipi hanno manifestato contro chi scrive articoli non propriamente elogiativi. evidente che l’informazione indipendente, autonoma, critica sempre meno tollerata. Lo testimoniano numerosi altri episodi, a Roma e in tutta Italia, dove il numero dei giornalisti bersagliati da intimidazioni esplicite o subdole, e da minacce alto, e sta aumentando. Non si pu fare finta di niente. Chi protesta contro il bavaglio che verrebbe messo ai giornalisti con il ddl intercettazioni non pu sottovalutare questi segni di imbarbarimento e di oscuramento dell’informazione.
Continue reading

Anatomia di un’annunciata ingiustizia italiana: “Avamposto” e i cronisti minacciati

Standard

Il blog Reporter racconta di Avamposto, un documentario sui giornalisti minacciati dalle mafie:

Sono oltre quaranta i giornalisti italiani nel mirino della mafia. L’ultimo, come scrive Ossigeno per l’informazione, Gianni Lannes, direttore del giornale online Terranostra, impegnato in inchieste su navi dei veleni e inceneritori: “La sua auto saltata in aria venerd scorso a Orta Nuova, a 23 chilometri da Foggia. A luglio gli avevano messo a fuoco un’altra auto. Prima di lui Alessandro Bozzo di Calabria Ora, Angelo Civarella della Gazzetta del Mezzogiorno, Jos Trovato del Giornale di Sicilia. Cinque solo nell’ultimo mese. Attentati, minacce, intimidazioni”. Di questi quaranta, dieci vivono sotto scorta. Alcune di queste storie sono state raccolte nel documentario “Avamposto” da Roberto Rossi, redattore di Ossigeno e redattore di Problemi dell’informazione, e Roberta Mani, caporedattore di Studio Aperto. Saranno otto storie in quaranta minuti. Da Gioia Tauro, Vibo Valenzia, Crotone ma anche da piccoli centri come Cinquefondi, parleranno i cronisti dell’Ora di Calabria, della Gazzetta del Sud, del Quotidiano della Calabria. Nel video un’anticipazione del documentario che attualmente in fase di montaggio.

Qui c’ il trailer del documentario mentre altri dettagli se ne possono leggere su Megachip. E dire poco tempo fa si parlava, sempre su argomento analogo, della Russia e dell’anatomia di un’ingiustizia.