Sete di Alberto Riva: un romanzo per raccontare l’assalto e la predazione dell’acqua

Standard

Il giornalista Alberto Riva appena uscito con il libro Sete (Mondadori), storia di attivisti, speculatori, predazione e acqua nel sud del nuovo continente. A questo proposito, Peacereporter ha pubblicato l’intervista video che si trova in apertura di questo post e un’altra, scritta, intitolata Un romanzo sull’acqua che nasce dalle facce degli anonimi

Il romanzo nato circa due anni e mezzo fa, da facce e luoghi. Dalla mia esperienza di giornalista in Brasile, dove al piacere di lavorare si unito quello del viaggio in vari parti di un Paese cos immenso. Soprattutto nel Nord Est, uno dei luoghi protagonisti, nella regione del Semiarido brasiliano. Nella zona Sud scorre il Sao Francisco, uno dei principali fiumi del Brasile. L, a parte la problematica legata al fiume, c’era un grande progetto del governo Lula che prosegue con Dilma Rousseff: prendere acqua e portarla in regioni pi aride negli Stati del Pernambuco e altri. Il problema del Sao Francisco che uno dei grandi specchi d’acqua del mondo e vive una forte depredazione che ha portato alla fame una parte rilevante della popolazione.

Continua qui. Qui invece, oltre alla scheda del romanzo, c’ il booktrailer.

Peacereporter: manovra economica da “lacrime e sangue” ma non sulla guerra

Standard

Tremonti non risparmia sulla guerra

Peacereporter racconta che, malgrado la manovra da 47 milioni di euro, Tremonti non risparmia sulla guerra.

Si tira la cinghia su tutto, dalla salute all’istruzione, ma non sulle guerre. La cifra di 700 milioni (che comprende la guerra in Afghanistan e le missioni in Libano, Kosovo, Bosnia, Iraq, Pakistan, Somalia, Sudan e Congo) infatti in linea con i precedenti finanziamenti semestrali.

Questo stanziamento militare, tra l’altro, non comprende le spese per la guerra in Libia, che nei primi tre mesi costata da sola oltre un miliardo di euro (almeno 700 milioni di spese correnti per la Difesa per bombe, missili e carburante per aerei e navi, e altri 400 milioni di finanziamenti ai ribelli provenienti dal ministero degli Esteri).

E l’articolo prosegue dettagliando qualche altra spesa in armamenti (con possibilit di risparmio eventuali).

“Il grido della farfalla”: tre giorni a Fusignano (Ravenna) per il meeting dell’informazione libera

Standard

Il grido della Farfalla

Terza edizione per il meeting dell’informazione libera Il grido della Farfalla (cliccando sul titolo e sull’immagine si pu scaricare il programma completo in formato pdf, 1,9MB), organizzato dal Gruppo dello zuccherificio dal 7 al 9 luglio a Fusignano (Ravenna).

  • gioved 7 luglio
    • ore 20.30 – “Dossier: le Mafie in Emilia Romagna”
    • ore 21.15 – “Segni particolari: antimafia” con Pino Maniaci (giornalista e fondatore di Telejato), Gaetano Saffioti (imprenditore calabrese, sotto scorta per essersi opposto alla ‘ndrangheta) e Gaetano Alessi (giornalista, vincitore del Premio Pippo Fava 2011)
  • venerd 8 luglio
    • ore 20.30 – “Dudal Jam a scuola di pace” con Michele Dotti
    • ore 21.15 “Un Mondo di informazione” con Maso Notarianni (direttore di Peace Reporter e della rivista di Emergency E-il mensile), Michele Dotti (autore de “L’Anticasta, l’Italia che Funziona”) e Giorgio Fornoni (collaboratore di Report e autore di “Ai confini del mondo”)
  • sabato 9 luglio
    • ore 20.30 – “L’Aids non va pi di moda”
    • ore 21.15 – “Potere e contropotere” con Anna Vinci (autrice di “La P2 nei diari segreti di Tina Anselmi”), Loris Mazzetti (capostruttura Rai3 e autore di “Che tempo che fa”) e Giuliano Turone (magistrato, ha scoperto gli elenchi della P2 insieme a Gherardo Colombo)

Referendum, tra vittorie e minacce dal nucleare all’acqua pubblica. Da vedere ora che accadr

Standard

Acqua bene comune - Foto di ateneinrivolta.org

In una giornata in cui per la seconda volta va dritta (e probabilmente questa pi importante, visti i temi in ballo), sembra utile tornare su alcuni dei temi dei referendum. Per questo Peacereporter segnala qualche approfondimento:

Inoltre adesso occorrer vedere se alcune delle minacce portate avanti dal fronte del no al secondo quesito sull’acqua negli ultimi giorni della campagna referendaria verranno concretizzate. La minaccia in questione si trova nell’articolo Hera: “Se vince il s smettiamo di investire”.

L’Europa delle destre: Peacereporter pubblica un dossier su populisti, conservatori e nazionalisti nel Vecchio Continente

Standard

L'Europa delle destre

Peacereporter pubblica un dossier sull’Europa delle destre (qui la gif con l’ingrandimento della mappa). Curato da Luca Galassi, ecco su alcuni dei temi su cui si concentra:

Sono solo due (riferito a Finlandia e Danimarca, ndb) delle spie, accese in tutta Europa, che segnalano l’aumento del consenso per i partiti populisti, conservatori e nazionalisti. I meccanismi ricalcano ormai modelli noti. Se il voto alle destre riflette condizioni diverse da Paese a Paese, ad accomunare tutti l’identificazione dello stesso nemico, individuato nell’altro, nel diverso, nello straniero. Contro di esso, l’elettorato si chiude, rilanciando nazionalismo e protezionismo. Questo prende forme spesso xenofobe, e influenza l’azione di governo nell’elaborazione di misure anti-immigrati: dalla sospensione di Schengen al divieto di indossare il velo, al bando sulla costruzione di moschee e via dicendo. Dal 2009, anno delle europee, e in quasi tutte le consultazioni successive, le formazioni della destra populista hanno raggiunto e superato il dieci percento in undici Stati: Austria, Belgio, Bulgaria, Danimarca, Francia, Italia, Lituania, Norvegia, Olanda, Ungheria, Svizzera.

Continua qui.

Peacereporter: scomparso testimone argentino contro la dittatura

Standard

L'auto in cui perse la vita monsignor Horacio Ponce de LeonE si torna a parlare di Argentina con questa notizia data, ancora una volta, da Peacereport, scomparso testimone di un processo contro militare della dittatura:

Cristina Ferandez, presidente argentina, ha ordinato alle forze di sicurezza del paese sudamericano di mettersi alla ricerca di un testimone chiave di un caso che riguarda la dittatura militare. L’uomo risulta scomparso da luned scorso [e si chiama] Victor Oscar Martinez, ha 52 anni ed l’unico testimone della misteriosa morte di monsignor Horacio Ponce de Leon, avvenuta nel 1977.

I due stavano viaggiando a bordo di un auto che si stava dirigendo verso il rappresentante del Vaticano in Argentina per informarlo su presunti crimini perpetrati nei confronti della popolazione dal governo militare dittatoriale. Poco prima di giungere a destinazione l’auto si schiantata e a causa delle ferite riportaste il vescovo era deceduto. Secondo le dichiarazioni rilasciate da Martinez prima di scomparire il vescovo sarebbe stato minacciato di morte dal colonnello Fernando Saint Amant, che verr processato per crimini contro l’umanit.

Qualche informazione ulteriore (in spagnolo) su monsignor Ponce de Leon disponibile qui mentre una versione pi estesa della scomparsa attuale si pu leggere sulla Nacion.

Peacereporter, guerra tra Islam: dal Mediterraneo al Golfo Persico, la religione uno strumento

Standard

Guerra tra Islam

Chi dice che l’Islam un corpo unico indifferenziato e/o che il “movente”, pu leggere lo speciale di Peacereporter dal titolo Fitna – Guerra Fredda nel cuore dell’Islam:

Arabia Saudita contro Iran, sunniti contro sciiti. Una lotta senza quartiere, dove anche la religione diventa uno strumento.

E magari pu iniziare proprio dall’articolo Il mosaico del Golfo Persico di Christian Elia.

Peacereporter: come in Colombia i paramilitari non si sono mai estinti

Standard

Peacerporter racconta, dalla Colombia, dell’emergenza di un paramilitarismo mai morto.

Emergenza di un paramilitarismo mai morto

E aggiunge:

Avendo curato la documentazione ufficiale pi recente su queste bande, Villarraga pu affermare come il ritorno alle armi di molti ex Auc (Autodensas unidas de Colombia) non significhi altro che il ritorno del paramilitarismo, un problema che il governo Santos dovr sapere affrontare, iniziando a riconoscere il fenomeno reale perch siamo di fronte a ben altro che a semplici gruppi di delinquenti. “Si parla di almeno seimila effettivi legati o pi o meno sei strutture principali – spiega -. Ma una situazione in pieno divenire. Questi gruppi sono particolari proprio perch si trasformano, si fondono e si sostituiscono con grande facilit. E i leader, i capi, coloro che reclutano sono tutti ex Auc, coloro che assicurano continuit a forme di dominio territoriale armato vecchio di anni. Ecco perch la situazione preoccupante”.

Processo Massera: muore il reo e non si procede ma “obiettivi e univoci [gli] elementi” dell’accusa

Standard

Ancora da Peacereporter e ancora sull’Argentina, arriva questa notizia a proposito del processo Massera: sentenza di non luogo a procedersi per morte dell’imputato:

Con la sentenza dell’1 febbraio 2010 si chiude in Italia il processo contro l’Ammiraglio Emilio Eduardo Massera, l’ideatore del “Processo di Riorganizzazione Nazionale” instaurato subito dopo il colpo di stato del 24 marzo 1976.

Nella sentenza di non doversi procedere ai sensi dell’articolo 129 del Codice di procedura penale per sopravvenuta morte dell’imputato, la Corte d’assise spiega i motivi per cui non possibile giungere a una sentenza assolutoria nel merito nei confronti dell’imputato. Dall’esame “della copiosa documentazione” prodotta dall’accusa e dalle parti civili, nonch dalle numerose testimonianze, “sono emersi molteplici, obiettivi e univoci elementi di riscontro dell’ipotesi accusatoria”, da cui si desume che Massera non solo fu l’ideatore del piano di eliminazione dei nemici politici, ma anche uno dei pi spietati esecutori di quel piano.

Nel centro di detenzione clandestina istituito presso la Escuela Superior de Mecanica de la Armada (Esma) sono stati condotti anche diversi cittadini italiani tra cui Angela Aieta, Giovanni e Susanna Pegoraro che dopo essere stati torturati sono stati brutalmente uccisi e le loro spoglie mai ritrovate.

Il testo della sentenza si scarica da qui (pdf, 386KB). Massera, oltre dunque che responsabile di quanto addebitatogli e scampato alle conseguenze perch deceduto l’8 novembre 2010 (si dia un’occhiata a quanto hanno detto alcuni testimoni), era anche uno dei nomi inseriti all’interno della lista della P2 (si veda qui per qualche notizia in proposito).

Peacereporter: in Cile si apre un’inchiesta sulla morte di Salvador Allende

Standard

Interessante notizia diffusa da Peacereporter secondo la quale in Cile aperta indagine sulla morte dell’ex presidente Allende:

La magistratura cilena ha intenzione di avviare un’inchiesta sulla morte dell’ex presidente Salvador Allende avvenuta nel settembre del 1973 al Palazzo della Moneda, durante il colpo di Stato attuato da Augusto Pinochet. Luned scorso, il procuratore Beatriz Pedrals ha presentato presso un tribunale le richieste relative a 726 casi di violazioni di diritti umani tra il 1973 e il 1990, sui quali la magistratura non ha mai effettuato alcuna indagine. Tra questi fascicoli, secondo la stampa locale, vi era anche quello relativo al generale, che sar esaminato dal giudice Mario Carroza. la prima volta che viene aperta un’indagine sulla morte di Allende che, secondo alcuni ricostruzioni, si sarebbe ucciso al Palazzo della Moneda, mentre questo veniva attaccato dagli aerei di Pinochet.

Nel Giorno della Memoria delle vittime della Shoa e delle dittature europee, una buona notizia anche per altre memorie da conservare. E approfondire.