Il racconto di Herman Carrasco, testimone contro i golpisti cileni

Standard
Spread the love

Una decina di giorni fa, a Roma, al parco della Casetta Rossa (zona Garbatella), la festa “L’altra estate” ha avuto come ospite Herman Carrasco, “testimone contro i golpisti cileni”, e Paolo Brogi su di lui ha scritto quando si può leggere di seguito.

Il Processo per il desaparecido cileno Omar Venturelli, le accuse al torturatore Podlech, la testimonianza alla prossima udienza della figlia  di Venturelli

Herman Carrasco, torturato in Cile dai militari di Pinochet, testimone contro il procuratore militare Alfonso Podlech, ha accusato il suo aguzzino in aula a Roma nell’ultima udienza processo che vede accusato l’ex procuratore militare cileno di Temuco di fronte alla I Corte d’Assise di Roma per l’omicidio di Omar Venturelli. Gli ha ricordato le torture subite con la “picana” elettrica, il cappuccio in testa e gli elettrodi sul corpo nudo e bagnato, le vessazioni e le umiliazioni. Gli ha anche detto di averlo riconosciuto in quella sala delle torture dentro la caserma Tucapel. E infine lo ha accusato di aver ucciso sei militanti comunisti accusati di un falso attacco alla polveriera interna del carcere in cui erano detenuti, una messinscena per giustificarne l’eliminazione. 

Poi Carrasco ha anche ricordato Omar Venturelli, militante di Cristiani per il socialismo e simpatizzante del Mir, insegnante di pedagogia nell’università cattolica di Temuco, impegnato nella lotta contro i latifondisti a fianco dei contadini mapuche, è stato fatto “scomparire” dal carcere di Temuco in Cile nell’ottobre del 1973. Podlech, arrestato dal giudice spagnolo Garzon nel 2008 mentre era di passaggio in Spagna, è detenuto a Rebibbia.

Carrasco prima di tornare in Cile vuole ricordare a chi ha espresso solidarietà ai cileni che il processo va avanti, le prossime due udienze sono previste il 21 e il 22 luglio. Nella prima delle due udienze sarà ascoltata dalla Corte la figlia di Venturelli, Maria Paz, che ha perso il padre (qui accanto nella foto) quando aveva soltanto due anni. Maria Paz parlerà davanti all’uomo che è accusato di aver eliminato suo padre, lo farà la mattina del 21 luglio nell’aula al I piano dell’edificio B del tribunale di Piazzale Clodio a Roma.

Promememoria. In Italia si celebrano dal Duemila processi per i desaparecidos in Argentina e in Cile. Gli ultimi due processi sono in corso davanti alla Prima Corte d’Assise presieduta da Anna Argento (Piazzale Clodio, Edificio B, I piano).

Il primo processo – pm Antonello Caporale – riguarda tre desaparecidos in Argentina, dove nei sette anni di dittatura tra il 1976 e il 1983 sono “scomparsi” trentamila oppositori. Il processo vede imputato in contumacia l’ammiraglio argentino Emilio Eduardo Massera, capo della famigerata scuola della marina militare Esma in cui si torturavano i prigionieri e da cui sono partiti i voli della morte. All’Esma sono scomparsi oltre 5.500 prigionieri e nella stessa struttura molte donne prigioniere incinte hanno partorito bambini che poi sono stati destinati a coppie di famiglie in genere militari. Il processo contro Massera si celebra in Italia paese di origine di tre desaparecidos, Angela Maria Aieta, Giovanni e Susana Pegoraro. Le prossime udienze sono previste il 27 e il 28 settembre.

Il secondo processo – pm Giancarlo Capaldo – riguarda invece il desaparecido cileno Omar Venturelli.  Arrestato nel settembre  del 1973 Venturelli è scomparso il 4 ottobre dalla carceri cilene. L’accusato è Alfonso Podlech, all’epoca procuratore militare di Temuco. Podlech, è un golpista militante del gruppo fascista Patria y libertad.

One thought on “Il racconto di Herman Carrasco, testimone contro i golpisti cileni

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *