“The Colony”: il documentario di Al Jazeera sul presidio nazista nella Patagonia cilena. Storia di esperimenti e torture

Standard

Internazionale presenta il documentario realizzato da Al Jazeera con il titolo Colonia Dignit: il passato nero del Cile:

Nel 1961 Paul Schfer, un ex nazista scappato dalla Germania, si rifugi nelle montagne della Patagonia cilena dove fond una colonia tedesca chiamata Colonia Dignidad o Villa Baviera. Un documentario di Al Jazeera ricostruisce i rapporti della colonia con il regime di Augusto Pinochet. Durante la dittatura il paese andino divenne, infatti, un campo di tortura per gli oppositori politici del regime […].

Al Jazeera, che ha seguito dal 1996, la vicenda della Colonia racconta la storia di Winfried Hempel, un ragazzo crescuito nella Colonia senza sapere chi fossero i suoi genitori e senza avere nessuna cognizione di quello che stava succedendo in Cile. Fino a ventanni Hempel non sapeva nemmeno parlare spagnolo.

Qui il link diretto alla pagina di Al Jazeera.

Gli Stati Uniti e il Cile: dal National Security Archive 10 documenti sul ruolo di Kissinger e Nixon e sul “ringraziamento” a Pinochet

Standard

National Security Archive documents

Novit – anzi, conferme – sul ruolo degli Stati Uniti nel golpe cileno del 1973 di cui ricorreva l’anniversario due giorni fa, l’11 settembre. Arrivano da materiale ufficiale che va dal 1970 al 1976 reso pubblico proprio in questa occasione. Ecco di che si tratta:

Kissinger fece pressione su Nixon per rovesciare il governo di Allende, democraticamente eletto, perch si temeva che il suo “modello” potesse avere un “effetto insidioso”, come dimostrano i documenti. Nel quarantesimo anniversario del colpo di Stato in Cile, il [National Security Archive] pubblica i principali dieci documenti sul ruolo che Kissinger ebbe nel minare quella democrazia sostenendo la dittatura militare. Inoltre sempre Kissinger […] disse a Pinochet nel 1976: “Vi vogliamo aiutare, non boicottare, avere resto un grande servizio all’occidente rovesciando Allende”.

(Via Giovanni Scirocco)

Peacereporter: in Cile si apre un’inchiesta sulla morte di Salvador Allende

Standard

Interessante notizia diffusa da Peacereporter secondo la quale in Cile aperta indagine sulla morte dell’ex presidente Allende:

La magistratura cilena ha intenzione di avviare un’inchiesta sulla morte dell’ex presidente Salvador Allende avvenuta nel settembre del 1973 al Palazzo della Moneda, durante il colpo di Stato attuato da Augusto Pinochet. Luned scorso, il procuratore Beatriz Pedrals ha presentato presso un tribunale le richieste relative a 726 casi di violazioni di diritti umani tra il 1973 e il 1990, sui quali la magistratura non ha mai effettuato alcuna indagine. Tra questi fascicoli, secondo la stampa locale, vi era anche quello relativo al generale, che sar esaminato dal giudice Mario Carroza. la prima volta che viene aperta un’indagine sulla morte di Allende che, secondo alcuni ricostruzioni, si sarebbe ucciso al Palazzo della Moneda, mentre questo veniva attaccato dagli aerei di Pinochet.

Nel Giorno della Memoria delle vittime della Shoa e delle dittature europee, una buona notizia anche per altre memorie da conservare. E approfondire.

Desaparecidos: Cile e Argentina, tra luoghi della memoria cancellati e menti del terrore

Standard

Nuestra memoria no olvida - Foto di Xanti Revueltas

A proposito di desaparecidos, due notizie da Peacereporter:

  • Cile, la legge contro la memoria
    “Gruppi di pressione affini alle precedenti amministrazioni”. Definendole cos, il governo del Cile, il primo di destra dalla fine della dittatura di Augusto Pinochet (1990), ha proposto la soppressione dei finanziamenti diretti a tutte quelle istituzioni impegnate nella difesa dei diritti umani e della memoria, per non dimenticare i desaparecidos e i decenni bui del Cile di Pinochet. Riducendole al rango di “istituzioni collaboratrici con lo Stato”, ha pensato bene di proporre una valutazione specifica per ogni singolo progetto che sar dunque giudicato meritevoli o meno di soldi pubblici. Se approvata, la Ley de Presupuesto (Finanziaria 2011) metterebbe in serio pericolo la sopravvivenza di luoghi della memoria quali il Parco per la pace “Villa Grimaldi” e Londres 38.
  • Massera ha vissuto trent’anni nel ripudio internazionale
    Massera stato il cervello politico della giunta di Videla, colui che voleva guadagnarci dallo schema del terrore, per quello che l’Esma, la pi grande macchina di morte, era sotto la sua diretta responsabilit. A differenza degli altri personaggi chiave della dittatura, che erano tutti fedeli alla loro folle causa, fedeli ai loro folli ideali, Massera stato un politico cinico che ha tentato persino contatti con Montoneros per assicurarsi il futuro politico. Quindi era anche il pi pericoloso. L’ideologo del terrore. Dei vari comandanti stato colui che ha avuto la responsabilit pi diretta, anche se tutti erano ben consapevoli di quanto stesse accadendo. Ma sotto il suo direttissimo controllo, sono scomparse pi di cinquemila persone. Massera colui che voleva far diventare il genocidio una politica.

Il racconto di Herman Carrasco, testimone contro i golpisti cileni

Standard

Una decina di giorni fa, a Roma, al parco della Casetta Rossa (zona Garbatella), la festa “L’altra estate” ha avuto come ospite Herman Carrasco, “testimone contro i golpisti cileni”, e Paolo Brogi su di lui ha scritto quando si pu leggere di seguito.

Il Processo per il desaparecido cileno Omar Venturelli, le accuse al torturatore Podlech, la testimonianza alla prossima udienza della figlia di Venturelli

Herman Carrasco, torturato in Cile dai militari di Pinochet, testimone contro il procuratore militare Alfonso Podlech, ha accusato il suo aguzzino in aula a Roma nell’ultima udienza processo che vede accusato l’ex procuratore militare cileno di Temuco di fronte alla I Corte d’Assise di Roma per l’omicidio di Omar Venturelli. Gli ha ricordato le torture subite con la “picana” elettrica, il cappuccio in testa e gli elettrodi sul corpo nudo e bagnato, le vessazioni e le umiliazioni. Gli ha anche detto di averlo riconosciuto in quella sala delle torture dentro la caserma Tucapel. E infine lo ha accusato di aver ucciso sei militanti comunisti accusati di un falso attacco alla polveriera interna del carcere in cui erano detenuti, una messinscena per giustificarne l’eliminazione.

Poi Carrasco ha anche ricordato Omar Venturelli, militante di Cristiani per il socialismo e simpatizzante del Mir, insegnante di pedagogia nell’universit cattolica di Temuco, impegnato nella lotta contro i latifondisti a fianco dei contadini mapuche, stato fatto “scomparire” dal carcere di Temuco in Cile nell’ottobre del 1973. Podlech, arrestato dal giudice spagnolo Garzon nel 2008 mentre era di passaggio in Spagna, detenuto a Rebibbia.

Carrasco prima di tornare in Cile vuole ricordare a chi ha espresso solidariet ai cileni che il processo va avanti, le prossime due udienze sono previste il 21 e il 22 luglio.Nella prima delle due udienze sar ascoltata dalla Corte la figlia di Venturelli, Maria Paz, che ha perso il padre (qui accanto nella foto) quando aveva soltanto due anni. Maria Paz parler davanti all’uomo che accusato di aver eliminato suo padre, lo far la mattina del 21 luglio nell’aula al I piano dell’edificio B del tribunale di Piazzale Clodio a Roma.

Promememoria. In Italia si celebrano dal Duemila processi per i desaparecidos in Argentina e in Cile. Gli ultimi due processi sono in corso davanti alla Prima Corte d’Assise presieduta da Anna Argento (Piazzale Clodio, Edificio B, I piano).

Il primo processo – pm Antonello Caporale – riguarda tre desaparecidos in Argentina, dove nei sette anni di dittatura tra il 1976 e il 1983 sono scomparsi trentamila oppositori. Il processo vede imputato in contumacia l’ammiraglio argentino Emilio Eduardo Massera, capo della famigerata scuola della marina militare Esma in cui si torturavano i prigionieri e da cui sono partiti i voli della morte. All’Esma sono scomparsi oltre 5.500 prigionieri e nella stessa struttura molte donne prigioniere incinte hanno partorito bambini che poi sono stati destinati a coppie di famiglie in genere militari. Il processo contro Massera si celebra in Italia paese di origine di tre desaparecidos, Angela Maria Aieta, Giovanni e Susana Pegoraro. Le prossime udienze sono previste il 27 e il 28 settembre.

Il secondo processo – pm Giancarlo Capaldo – riguarda invece il desaparecido cileno Omar Venturelli. Arrestato nel settembre del 1973 Venturelli scomparso il 4 ottobre dalla carceri cilene. L’accusato Alfonso Podlech, all’epoca procuratore militare di Temuco. Podlech, un golpista militante del gruppo fascista Patria y libertad.

Cronache cilene trentacinque anni dopo

Standard
  • Peacereporter, Disordini per il 35esimo anniversario del golpe: molti arresti e feriti:

    Durante il 35esimo anniversario del golpe del generale Pinochet, che rovesci il governo del presidente Salvador Allende, a Santiago del Cile sono stati registrati molti disordini. Il bilancio di 234 persone arrestate e 38 ferite, di cui 29 carabineros. Un ragazzo di 18 anni riporta un grave trauma cranico, e una donna incinta stata portata in ospedale per ferite da arma da fuoco. Tra le forze d’ordine ferite, tre sono in condizioni critiche. Scontri e disordini sono stati registrati anche in altre cinque regioni del Paese, e 160 persone sono state arrestate. Nelle periferie della capitale le persone hanno preso d’assalto i supermercati. Inoltre la Chilectra, la compagnia fornitrice dell’energia elettrica, ha fatto sapere che durante la notte 148.200 utenti rimasto senza luce.