L’altro volto del Brasile: oltre ai mondiali c’ la realt raccontata nel documentario “Atraves da obra” di Enrico Basaldella

Standard

Mentre si continua a giocare in Brasile per il mondiale che scivola verso la finale, di recente a Pordenone stato proiettato il documentario Atraves da obra del regista d’origine veneziana Enrico Basaldella. L’evento avvenuto all’interno degli eventi organizzati da Cinemazero e queste le tematiche affrontate dal film:

Il documentario si concentra sull’attivit quotidiana all’interno degli asili dell’Opera educativa padre Giussani, fondati a Belo Horizonte (Brasile) dalla missionaria laica Rosa Brambilla. In particolare segue il lavoro di educatori e assistenti sociali che si rivolge alle famiglie povere che vivono in periferia e nelle favelas. Emergono situazioni di alcolismo e tossicodipendenza, delinquenza, violenza sui minori e omicidi. Uno stato sociale degradato che […] appare immutabile, ma in realt non lo .

Brasile, Maracan occupato e sgomberato in vista del mondiali di calcio 2014: la storia per parole e immagini

Standard

Maracana occupato - Foto Christophe Simon, Afp

Il prossimo anno in Brasile si giocheranno i mondiali di calcio e, tra le attivit preparatorie, c’ anche lo sgombero di uno stabile accanto allo stadio Maracan. Come racconta Internazionale con un breve testo e immagini:

Il 22 marzo la polizia di Rio de Janeiro ha circondato l’ex Museu do ndio intorno al quale, dal 2006, era nato un accampamento che ospitava una trentina di indigeni […]. Le autorit cittadine si sono impegnate a trovare una sistemazione alle famiglie sfrattate. [Ma] la polizia lancia gas lacrimogeni contro alcuni attivisti che erano intervenuti in sostegno agli indigeni.

Qui l’intera galleria immagini messa online da Internazionale. Inoltre, Corriere Tv pubblica un video degli sgomberi e delle relative cariche mentre ulteriori informazioni su questa storia si possono leggere su ArtTribune.com e L’Agide.it.

Grands-Reporters.com: in un sito francese il racconto del mondo attraverso le voci di una cinquantina di giornalisti

Standard

GrandsReporters.com

GrandsReporters.com, presentandosi, esordisce con un’esortazione: “Cliccate sul mondo”. Ed ecco che la rivista online in lingua francese prosegue dicendo di s:

Grands-Reporters.com un sito creato da giornalisti ed a disposizione di chiunque voglia scoprire un continente, un paese una regione o saperne di pi sulla storia pi recente. Articoli, foto, immagini, video, libri… un bacino di informazioni aperto e alimentato dagli autori [elencati qui].

Una cinquantina i cronisti radunati intorno al progetto che dal settembre 2007 ha anche un blog, Bloc-Notes, per rispondere direttamente alle domande dei lettori. Gli articoli pi datati, inoltre, risalgono al 1983 recuperando reportage pubblicati con mezzi molto pi analogici ma di particolare spessore (Africa: l’impero della fame, Viaggio alla fine del triangolo d’oro e Sale la febbre dell’oro a Itaituba) per arrivare a oggi, per esempio con la guerra in Mali e i suoi non detti.

(Via @annecha)

E-Il mensile: nei primi tre mesi del 2012 sono stati 31 i giornalisti assassinati. A rischio soprattutto Siria, Brasile e Somalia

Standard

Maso Notarianni scrive su Twitter che sono “31 giornalisti i uccisi in 3 mesi. Sempre meglio che lavorare?” rilanciando un articolo firmato da Stella Spinelli e pubblicato sul suo E-Il mensile:

Soltanto in Siria infatti, fra gennaio e marzo, momento clou della rivolta contro Bashar al-Assad, sono morti nove giornalisti, cinque stranieri e quattro siriani: numeri, sottolinea la Pec, che riflettono una “tendenza allarmante”, confermando come la “sicurezza dei giornalisti sia peggiorata dall’inizio dell’anno”. “Il pesante tributo pagato in Siria colloca il Paese in prima linea tra i luoghi pi pericolosi per i giornalisti”, ha osservato Blaise Lempen, presidente della Pec.

Dietro la Siria, arriva a ruota quale paese pi pericoloso per i reporter nel primo trimestre 2012 il Brasile, dove hanno perso la vita cinque giornalisti. Dietro c’ quindi la Somalia, dove sono morti tre giornalisti, e infine l’India, la Bolivia e la Nigeria con due reporter uccisi.

Sono invece otto i paesi che hanno registrato un giornalista ammazzato nel primo trimestre e si tratta di Afghanistan, Colombia, Haiti, Honduras, Messico, Pakistan, Filippine e Thailandia. L’ultimo cronista a perdere la vita mentre svolgeva il proprio mestiere un giornalista della radio nazionale colombiana, ucciso a Sabanalarga. Si chiamava Jess Martnez Orozco e aveva 42 anni.

Invece il video pubblicato sopra (e riportato anche nel pezzo di E-Il mensile) si intitola Silencio Forzado, stato realizzato da Articulo 19 e racconta la sequela di omicidi che dal 2000 alla fine del 2011 ha caratterizzato i giornalisti di quel Paese con 67 delitti.

La storia dell’umanit ricostruita attraverso le epidemie. L’autore: “ l’uomo il responsabile di comparsa e diffusione degli agenti infettivi”

Standard

Storia delle epidemie un volume illustrato e si intitola Storia delle epidemie il libro scritto dal medico infettivologo Stefan Cunha Ujvari e pubblicato dalla casa editrice bolognese Odoya. Di questo si tratta:

[ una] narrazione della tormentata convivenza tra gli esseri umani e, invisibili abitanti del nostro pianeta, i batteri. Esiste un batterio, che risponde al suggestivo nome di Bacillus infernus, capace di sopravvivere all’acqua bollente; ne esiste un altro, il Micrococcus radiophilus, che si nutre di sostanze radioattive, come uranio e plutonio, e che sarebbe ben contento di un’esplosione atomica […].

Dalla peste di Atene nel V secolo a.C. descritta da Tucidide, alla peste nera del Medioevo; dalla sifilide al colera diffusosi durante la Rivoluzione industriale, fino all’Aids e all’Ebola. La descrizione dell’evoluzione del rapporto tra germi e scienza, una lotta per la sopravvivenza della specie umana. Il libro racconta come l’insorgenza di ogni epidemia abbia modificato le varie civilt, chiarendo come la trasmissione di queste malattie infettive sia stata ben lontana dal rappresentare la conseguenza di una maledizione divina come i nostri antenati credevano. L’autore infatti argomenta come sia l’uomo stesso il principale responsabile della comparsa e diffusione degli agenti infettivi.

Per quanto in brasiliano, sul sito della casa editrice Editora Contexto che ha pubblicato il libro in lingua originale ci sono indice e presentazione.

E c’ chi ancora specula su Emanuela Orlandi. L’incredibile “proposta” fatta a Pino Nicotri

Standard

Un “affare” che si sentito declinare il giornalista Pino Nicotri. Raccontata sul suo blog nel post Il Lupo 007 deve avermi scambiato per Cappuccetto Rosso. Mi stata fatta a suo nome una bella proposta truffa: “Trovami 4 milioni di euro che facciamo liberare Emanuela Orlandi”. Cifra poi scesa, come in un suk di peracottari, ad appena 100 mila euro…:

“250 mila euro per leggere il suo memoriale. Altri 250 mila per portartene via una copia. E 3 milioni e mezzo di euro per far liberare Emanuela Orlandi. Cos tu diventi il giornalista pi famoso del mondo”. La proposta mi lascia a bocca aperta. A farmela non uno sconosciuto o un cialtrone, ma uno stimato professionista che conosco da 30 anni e che in passato ha avuto l’avventura di difendere in una causa civile un parente di un carabiniere di Bergamo che si chiama Luigi Gastrini. S, proprio il sedicente ex 007 dei nostri servizi segreti militari Sismi, asserito nome in codice Lupo, attuale proprietario di una fattoria in Brasile, che la sera del 16 giugno ha telefonato in diretta al programma Metropolis della tv privata capitolina RomaUno per dire che “Emanuela Orlandi viva e si trova in un manicomio a Londra”.

Continua qui.

Sete di Alberto Riva: un romanzo per raccontare l’assalto e la predazione dell’acqua

Standard

Il giornalista Alberto Riva appena uscito con il libro Sete (Mondadori), storia di attivisti, speculatori, predazione e acqua nel sud del nuovo continente. A questo proposito, Peacereporter ha pubblicato l’intervista video che si trova in apertura di questo post e un’altra, scritta, intitolata Un romanzo sull’acqua che nasce dalle facce degli anonimi

Il romanzo nato circa due anni e mezzo fa, da facce e luoghi. Dalla mia esperienza di giornalista in Brasile, dove al piacere di lavorare si unito quello del viaggio in vari parti di un Paese cos immenso. Soprattutto nel Nord Est, uno dei luoghi protagonisti, nella regione del Semiarido brasiliano. Nella zona Sud scorre il Sao Francisco, uno dei principali fiumi del Brasile. L, a parte la problematica legata al fiume, c’era un grande progetto del governo Lula che prosegue con Dilma Rousseff: prendere acqua e portarla in regioni pi aride negli Stati del Pernambuco e altri. Il problema del Sao Francisco che uno dei grandi specchi d’acqua del mondo e vive una forte depredazione che ha portato alla fame una parte rilevante della popolazione.

Continua qui. Qui invece, oltre alla scheda del romanzo, c’ il booktrailer.