E-Il mensile: nei primi tre mesi del 2012 sono stati 31 i giornalisti assassinati. A rischio soprattutto Siria, Brasile e Somalia

Standard

Maso Notarianni scrive su Twitter che sono “31 giornalisti i uccisi in 3 mesi. Sempre meglio che lavorare?” rilanciando un articolo firmato da Stella Spinelli e pubblicato sul suo E-Il mensile:

Soltanto in Siria infatti, fra gennaio e marzo, momento clou della rivolta contro Bashar al-Assad, sono morti nove giornalisti, cinque stranieri e quattro siriani: numeri, sottolinea la Pec, che riflettono una “tendenza allarmante”, confermando come la “sicurezza dei giornalisti sia peggiorata dall’inizio dell’anno”. “Il pesante tributo pagato in Siria colloca il Paese in prima linea tra i luoghi pi pericolosi per i giornalisti”, ha osservato Blaise Lempen, presidente della Pec.

Dietro la Siria, arriva a ruota quale paese pi pericoloso per i reporter nel primo trimestre 2012 il Brasile, dove hanno perso la vita cinque giornalisti. Dietro c’ quindi la Somalia, dove sono morti tre giornalisti, e infine l’India, la Bolivia e la Nigeria con due reporter uccisi.

Sono invece otto i paesi che hanno registrato un giornalista ammazzato nel primo trimestre e si tratta di Afghanistan, Colombia, Haiti, Honduras, Messico, Pakistan, Filippine e Thailandia. L’ultimo cronista a perdere la vita mentre svolgeva il proprio mestiere un giornalista della radio nazionale colombiana, ucciso a Sabanalarga. Si chiamava Jess Martnez Orozco e aveva 42 anni.

Invece il video pubblicato sopra (e riportato anche nel pezzo di E-Il mensile) si intitola Silencio Forzado, stato realizzato da Articulo 19 e racconta la sequela di omicidi che dal 2000 alla fine del 2011 ha caratterizzato i giornalisti di quel Paese con 67 delitti.

Messico: “Ecco che succede a chi pubblica roba strana su Internet. State attenti, vi pigliamo”

Standard

Non solo carta stampata, ma anche l’informazione in rete sui narcos sembra piacere cos poco in Messico da arrivare a conseguenze drammatiche. Scrive in proposito il giornalista Mario Tedeschini Lalli su Giornalismo d’altri:

I cadaveri di due persone sono stati trovati marted appesi sotto un cavalcavia della citt messicana Nuevo Laredo, accanto ai corpi sventrati e orrendamente mutilati c’era un cartello: “Ecco che succede a chi pubblica roba strana su Internet. State attenti, vi pigliamo”. Sono stati uccisi dalla mafia locale, dai narcos, perch cercavano di superare l’autocensura dei media locali, segnalando via Twitter e altri social network scontri a fuoco o altri atti violenti nella regione al confine con gli Stati Uniti.

La stampa locale – come le autorit pubbliche – da tempo sotto schiaffo, almeno cinque giornalisti sono stati uccisi solo quest’anno, senza contare gli innumerevoli casi di violenza e minaccia. Per questo i cittadini cercano di utilizzare gli strumenti di internet e, specialmente, i social network. Un altro caso, drammatico, di come l’universo digitale, cio l’universo disintermediato sia elemento di libert dove la libert conculcata. Vale in Messico quello che vale altrove: se la mafia contro, i bravi cittadini sanno da che parte stare – e in questo caso, non c’ dubbio, la mafia contro Twitter, contro la rete. E per questo uccide.

E cita, tra gli articoli che raccontano la vicenda, Knight Center for Journalism in the Americas, Christian Science Monitor e Cnn.

Inoltre, sull’argomento minacce ai giornalisti nel Paese dell’America Centrale, si pu leggere anche l’intervista che Peacereporter ha pubblicato lo scorso 21 giugno a Homero Aridjis, ex presidente del Pen Club International.

Su Narcomafie Alberto Spampinato torna sui giornalisti minacciati, storie calate nel silenzio

Standard

Narcomafie sui giornalisti minacciatiSu Narcomafie si scrive di piccole minacce [che] crescono, silenzi e impegni per i giornalisti “invisibili”. Lo fa Alberto Spampinato, dell’osservatorio Ossigeno per l’informazione:

Non si parla di queste cose, in tv e sui giornali, ma cresce la consapevolezza che esistono molti bavagli. Tant’ vero che se n’ parlato anche al Quirinale, dove il presidente Napolitano venerd 21 gennaio ha riunito il mondo del giornalismo per l’annuale “Giornata dell’Informazione”. “Il numero dei giornalisti italiani minacciati incredibilmente aumentato negli ultimi anni”, ha detto il presidente dell’Ordine dei Giornalisti Enzo Iacopino, citando i dati dell’osservatorio Ossigeno per l’Informazione. Se n’ parlato anche a Bergamo, al congresso della Federazione Nazionale della Stampa Italiana, il sindacato dei giornalisti. II segretario della FNSI, Franco Siddi , rieletto dal congresso, ha citato i dati di Ossigeno e ha detto che bisogna difendere di pi e meglio i giornalisti minacciata dalla mafia e da chiunque altro. “Quando un giornalista in pericolo ha affermato ce ne deve essere immediatamente un altro che si mette al suo fianco per proteggerlo e non farlo sentire solo. A fianco di ogni minacciato ci deve essere tutto il sindacato dei giornalisti. Il sindacato esiste proprio per non far sentire solo nessuno”. Anch’io ho parlato al congresso. Quando ho ricordato i nomi dei giornalisti italiani uccisi e le centinaia di giornalisti minacciati e resi invisibili, tutto il congresso si commosso, si alzato in piedi e ha tributato un grande applauso. Nessuna cronaca lo ha riferito, ma stato un buon segno.

Nel pezzo di Spampinato si fa riferimento alle storie Nello Rega (Televideo), Giulio Cavalli (attore e consigliere regionale lombardo) e Fabio Amendolara (Il Quotidiano della Basilicata).

Per Napolitano, il “giornalismo d’inchiesta impedisce gravi danni alla collettivit”

Standard

Da un lancio di questa mattina dell’Agi, Napolitano: in Italia ci vuole pi giornalismo d’inchiesta

(AGI) – Roma, 11 nov. – Giorgio Napolitano chiede che il mondo dell’informazione torni a fare giornalismo d’inchiesta, perch uno dei modi per impedire gravi danni alla collettivit. “Le responsabilit dell’informazione sono tante”, ha detto visitando la sede de “Il Mattino di Padova”, “ importante fare un bilancio sul giornalismo d’inchiesta, molto importante stare sulla realt. Da quanto tempo non abbiano grandi inchieste?”. Napolitano ha citato il caso delle alluvioni di questi giorni in Veneto. “ dal ’66 che in Italia non si fa pi una grande inchiesta sul dissesto idrogeologico”.

E intanto allora la segnalazione di un blog, Storie che non devono essere raccontate – Il giornalismo minacciato, che anche il titolo di un convegno in corso a Urbino.

“Sotto tiro”: su Domani la storia di Jos Trovato, giornalista minacciato a causa del suo lavoro

Standard

Domani di Maurizio ChiericiUna segnalazione dettata da due motivi. Il primo che inizia sulla rivista Domani di Arcoiris Tv una nuova rubrica, Sotto tiro, curata da Eliano Ricci, dove troveranno spazio interviste a giornalisti italiani sotto minaccia a causa del loro lavoro. Si parte con l’articolo Indagavo su un duplice omicidio. In carcere fu deciso di ‘farmi saltare la testa’, la storia di Jos Trovato, collaboratore del Giornale di Sicilia:

Tutto cominciato due anni prima, nel 2007, quando la persona che mi ha fatto pervenire delle minacce indirette era ancora a piede libero. Nei primi mesi di quellanno questo soggetto (volutamente non nominato, ndr) mi ferm per strada chiedendomi per quale motivo mi occupassi di lui, perch ne scrivevo sul Giornale di Sicilia. Ebbe un tono anche particolarmente intimidatorio, tant che andai a far verbalizzare tutto al commissariato di Leonforte. Trascorso un certo tempo da questi episodi, per la precisione il 3 febbraio 2009, venni convocato per un incontro dal questore della provincia di Enna. Con mia sorpresa nel suo ufficio trovai anche il comandante provinciale dei carabinieri e lallora capo di gabinetto. Quel signore che due anni prima mi aveva minacciato per strada era nel frattempo stato arrestato, di l a poco sarebbe anche stato condannato in primo e secondo grado per duplice omicidio di stampo mafioso. Mi venne comunicato che da fonti interne al carcere si era venuto a sapere che questa persona aveva deciso di farmi saltare la testa.

Il secondo che Eliano stato un mio studente e che sembra che scrivere sia professione adatta a lui. Dunque vedere la sua collaborazione prendere corpo a Domani una bella soddisfazione.

Ivo Pukanic: a Belgrado iniziato il processo per il cronista croato assassinato

Standard

Ivo PukanicA proposito di Serbia e a proposito di giornalisti che hanno pagato caro il loro lavoro, Fabio Dalmasso segnala un articolo comparso sul quotidiano Il Piccolo di Trieste di oggi:

iniziato ieri a Belgrado il processo a tre esponenti della criminalit organizzata serba accusati dell’uccisione nell’ottobre 2008 del giornalista croato Ivo Pukanic. Sul banco degli imputati siedono Sreten Jocic, uno dei boss pi famosi della mafia serba,conosciuto col soprannome di “Joca Amsterdam”, Zeljiko Milovanovic e Milenko Kuzmanovic. Tutti e tre furono arrestati a Belgrado lo scorso anno, Jocic in aprile, Milanovic e Kuzmanovic in maggio. Secondo l’atto di accusa, letto al processo, i tre assassinarono Ivo Pukanic, direttore del settimanale croato “Nacional” e il suo collaboratore Niko Franjic in cambio di un milione e mezzo di euro. Il motivo sarebbe stata l’attivit giornalistica di Pukanic e la pubblicazione di articoli sull’attivit di organizzazioni criminali nei Balcani. Il duplice omicidio avvenne il 23 ottobre 2008 con l’esplosione di una bomba nel centro di Zagabria. Altre quattro persone, accusate di coinvolgimento nello stesso caso, sono giudicate in altro processo apertosi a febbraio a Zagabria.

Per leggere di pi sulla vicenda di Ivo Pukanic, si veda quanto riportano Wikipedia e Notizie radicali.