Da Internazionale: “Container 158”, il documentario di ZaLab sulla vita in un campo nomadi, quello romani di via Salone

Standard

CONTAINER 158 from Za Lab on Vimeo.

Internazionale presenta com’ vivere in un container, nel ventunesimo secolo:

Container 158, di Stefano Liberti ed Enrico Parenti
Italia 2014, 62′

Per denunciare le politiche segreganti nei confronti dei rom, l’associazione ZaLab ha prodotto il documentario Container 158, girato nel campo attrezzato di via Salone a Roma, uno dei pi grandi d’Italia, diretto da Stefano Liberti ed Enrico Parenti e prodotto con il sostegno di Open Society Foundations. Il documentario sar online su Internazionale fino al 18 gennaio.

Secondo la commissione europea, in Italia la comunit di rom, sinti e camminanti composta da 110mila-170mila persone: lo 0,25 per cento dell’intera popolazione italiana. Il 40 per cento di loro ha meno di 14 anni e il 60-80 per cento vive in una casa. Circa 40mila rom vivono invece nei campi nomadi, la maggior parte dei quali si trovano nelle periferie delle grandi citt.

ZaLab e l’associazione 21 Luglio hanno inoltre lanciato una petizione per chiedere ai sindaci un impegno per la trasparenza e la reale integrazione dei rom.

La distribuzione degli atei nel mondo: un sondaggio Win-Gallup International spiega dove sono e ne ricerca il perch

Standard

La mappa degli atei nel mondo

Internazionale, sul suo sito, riprende una mappa pubblicata dal Washington Post con l’articolo intitolato A surprising map of where the world’s atheists live:

Non ci sono molti dati sull’ateismo e la sua diffusione nel mondo, spiega il Washington Post, che per spiegare il fenomeno ha recuperato un sondaggio del 2012 dell’istituto Win-Gallup International e ha rappresentato i dati in una mappa. L’istituto ha chiesto a 50mila persone in 40 paesi se si sarebbero definiti: credenti, non credenti o atei convinti. Il 13 per cento degli intervistati di tutto il mondo ha risposto che si sentiva ateo convinto.

Il primato dell’ateismo spetta alla Cina, dove, secondo la mappa, il 47 per cento della popolazione si definisce ateo. Questo dipende in parte dalla storia del paese comunista, in cui per lungo tempo le religioni sono state perseguitate. Durante la Rivoluzione culturale infatti, tra il 1967 e il 1977, il regime comunista ha distrutto chiese e templi e ha perseguitato le religioni tradizionali e le religioni occidentali.

Per l’articolo completo si veda qui.

Brasile, Maracan occupato e sgomberato in vista del mondiali di calcio 2014: la storia per parole e immagini

Standard

Maracana occupato - Foto Christophe Simon, Afp

Il prossimo anno in Brasile si giocheranno i mondiali di calcio e, tra le attivit preparatorie, c’ anche lo sgombero di uno stabile accanto allo stadio Maracan. Come racconta Internazionale con un breve testo e immagini:

Il 22 marzo la polizia di Rio de Janeiro ha circondato l’ex Museu do ndio intorno al quale, dal 2006, era nato un accampamento che ospitava una trentina di indigeni […]. Le autorit cittadine si sono impegnate a trovare una sistemazione alle famiglie sfrattate. [Ma] la polizia lancia gas lacrimogeni contro alcuni attivisti che erano intervenuti in sostegno agli indigeni.

Qui l’intera galleria immagini messa online da Internazionale. Inoltre, Corriere Tv pubblica un video degli sgomberi e delle relative cariche mentre ulteriori informazioni su questa storia si possono leggere su ArtTribune.com e L’Agide.it.

Internazionale: il video “Il mondo diseguale”, come la ricchezza si andata concentrando in poche mani

Standard

Il mondo diseguale, video del settimanale Internazionale pubblicato lo scorso novembre su questi temi:

Nonostante il livellamento degli stili di vita, oggi la ricchezza sempre pi concentrata in poche mani.

Realizzato da Maria Abdulhamid e Fabio Bartolomei, il video, con i dati che fornisce, prende spunto da un’inchiesta dell’Economist uscito sulla versione cartacea del giornale.

“In fuga dalla Siria”: reportage fotografico dalla Valle della Beqaa, il nord del Libano che sta accogliendo i profughi

Standard

In fuga dalla Siria

Internazionale pubblica il reportage fotografico In fuga dalla Siria realizzato per Oxfam da Luca Sola:

Il conflitto in Siria ha raggiunto “livelli di orrore senza precedenti”, secondo l’inviato dell’Onu Lakhdar Brahimi. La dichiarazione di Brahimi, rilasciata il 30 gennaio, arrivata poche ore dopo il ritrovamento di almeno 71 corpi sul fondo del fiume Quwaiq, ad Aleppo. Dall’inizio del conflitto siriano, secondo l’Onu, ci sono stati almeno 60 mila morti e 700 mila rifugiati.

Il fotografo Luca Sola andato nella Valle della Beqaa, nel nordest del Libano, per raccontare la vita dei profughi arrivati dalla Siria. Persone che spesso sono state costrette a lasciare i figli e i parenti nel loro paese d’origine.

Sul sito del settimanale c’ l’intero portfolio.

“I muri di Belfast”: scatti dalle “peace lines” che dal 1969 rappresentano una tensione ancora esistente

Standard

I muri di Belfast

I muri di Belfast il titolo di una galleria fotografica con scatti di Cathal McNaughton pubblicata su Internazionale con questa presentazione:

Le peace lines sono una serie di barriere di separazione fatte di metallo, cemento o reticolati di filo spinato, dotate di cancelli sorvegliati dalla polizia che vengono chiusi di notte. La loro costruzione cominciata nel 1969, dopo lo scoppio dei Troubles: i residenti di Short Strand, una parte cattolica di Belfast, per difendersi dagli attacchi dei lealisti alzarono dei muri che furono in seguito rinforzati e ai quali negli anni si sono aggiunti nuovi tratti di barriere. Oggi sono un’ottantina e hanno raggiunto i 21 chilometri di lunghezza, la maggior parte dei quali a Belfast.

Anche se negli anni sono diventati una sorta di attrazione turistica, questi muri testimoniano una tensione ancora esistente. Il 3 dicembre scorso, la decisione del consiglio comunale di Belfast di ammainare la bandiera britannica, e di esporla solo venti giorni allanno, ha scatenato le manifestazioni della comunit protestante.

L’intera galleria disponibile qui.

Le foto di Manuel lvarez Bravo, storia per immagini dell’evoluzione sociale e geopolitica del Messico

Standard

Los agachados, 1934

Su Internazionale una galleria fotografica con le immagini di Manuel lvarez Bravo:

spesso citato come uno dei principali esponenti della fotografia artistica messicana. La sua carriera cominciata nel 1910, dopo la Rivoluzione messicana, e ha raccontato l’evoluzione sociale e geopolitica del Paese durante tutto il ventesimo secolo, in particolare l’abbandono della vita rurale. La mostra “A photographer on the watch”, in programma fino al 20 gennaio alla galleria Jeu de Paume di Parigi, raccoglie i suoi scatti inediti, accanto alle immagini pi famose.

quasi alba in Libia: otto fotografi e un progetto per portare le immagini del conflitto laddove sono state scattate

Standard

La storia dell’alba della Libia viene raccontata nella sezione portfolio di Internazionale:

Otto fotografi, cento immagini, quattro mostre. Il progetto Adil (Almost dawn in Libya, “ quasi alba in Libia”) vuole portare alcune delle migliaia di foto scattate durante il conflitto nelle citt che ne sono state teatro: Bengasi, Misurata, Tripoli e Zintan. Il cuore del progetto Adil, un’idea originale di Andr Liohn con l’agenzia Prospekt, mostrare “quanto l’intero popolo libico ha pagato per la guerra”. Soprattutto per incoraggiare i libici a superare le loro divisioni ed evitare nuove violenze.

Gli otto fotografi sono, oltre ad Andr Liohn, Lynsey Addario, Eric Bouvet, Bryan Denton, Christopher Morris, Jehad Nga, Finbarr O’Reilly e Paolo Pellegrin, che il curatore delle mostre insieme ad Annalisa D’Angelo. La realizzazione del progetto sar possibile grazie al crowdfunding, attraverso il sito di raccolta fondi per il giornalismo visivo Emphas.is.

Per vedere tutta la galleria immagini, il link questo. La fotografia pubblicata invece in apertura del post stata scattata nel marzo 2011 da Andr Liohn (Prospekt) tra Ras Lanuf a Bengasi.

America Latina e “periodismo narrativo”: cronaca e finzione unite dalla letteratura. Un’analisi di El Pais

Standard

Foto di Marcos Lopez

Su Internazionale si segnala in America Latina il boom del periodismo narrativo:

Negli ultimi anni in America Latina si affermato un genere molto fortunato che mescola bella scrittura e giornalismo, si chiama periodismo narrativo. In Spagna sono in uscita due antologie che lo celebrano: Antologa de crnica latinoamericana actual (Alfaguara) e Mejor que ficcin. Crnicas ejemplares (Anagrama).

E a corredo viene indicato il post El boom de la crnica latinoamericana? pubblicato sul blog Papeles Perdidos della versione online di El Pais. Qui, citando Gabriel Garcia Marquez, si dice che “fiction e non fiction […] sono unite da quello che le separa: la letteratura”.

Casting Inshallah: Al Jazeera World racconta la storia di Ouarzazate, la Hollywood del Marocco

Standard

Casting Inshallah un reportage di Al Jazeera World su Ouarzazate, citt del Marocco meridionale diventata tra le pi ambite location cinematografiche, anche da parte delle produzioni internazionali, e con i pi grandi studios del Paese. Qui sono stati girati film di fama come Lawrence d’Arabia, Il gladiatore, Le crociate e Babel e nel tempo la mecca del grande schermo del Maghreb cresciuta per un flusso migratorio interno di aspiranti addetti ai lavori.

(Via Internazionale)