Agenzia Dire: online il mini documentario “Strage di Ustica, il momento della verit (anche se i giovani oggi non ne sanno nulla)”

Standard

Strage di Ustica, il momento della verit (anche se i giovani oggi non ne sanno nulla) un mini documentario dell’Agenzia Dire (dura 21 minuti circa) che dell’abbattimento del Dc9 del 27 giugno 1980 (ma non solo) parla pi diffusamente qui

“La tredicesima ora”: stasera Carlo Lucarelli racconta su RaiTre la storia di Samia, in fuga da uno stato di guerra permanente

Standard

Questa sera alle 23.10, su RaiTre, va in onda una nuova puntata della trasmissione di Carlo Lucarelli, La tredicesima ora. la storia di Samia Yusuf Omar e viene presentata con queste parole:

Ci sono storie che fanno piangere e fanno arrabbiare e ci sono storie che danno speranza, con un’eccitazione che ti accende della voglia di fare qualcosa. Ci sono storie che ti fanno conoscere un altro mondo e ci sono storie che ti fanno amare qualcuno, di un amore tenero, struggente e profondo. Ci sono storie che fanno tutto questo insieme, e ci sono anche storie che fanno ridere, ma purtroppo non questo il nostro caso.

Questa la storia di una giovane donna, una piccola guerriera che odia la guerra, che vive in un mondo di terrore ma che non ha paura, che corre veloce come il vento per raggiungere un sogno, una giovane donna, no, una ragazza, di pi, quasi una ragazzina meravigliosa che si chiama Samia. una storia che non si pu non raccontare. Lo hanno fatto altri, lo ha fatto uno scrittore italiano con un libro bellissimo, proviamo a farlo anche no.

E il libro Non dirmi che hai paura di Giuseppe Catozzella (Feltrinelli, 2014).

“The Voice of Peace”: la radio pacifista che trasmetteva “da qualche parte nel Mediterraneo” diventa un documentario

Standard

The Voice of Peace

Da una segnalazione di Christian Diemoz a proposito di ci che pubblica il sito Radiopassioni:

Sar disponibile online fino al 14 gennaio il documentario dedicato dalla tedesca NDR/ARD a The Voice of Peace, trasmesso ieri sera su Das Erste. La stazione radio pacifista di Abie Nathan trasmise per vent’anni, da una nave “da qualche parte al largo del Mediterraneo” […].

Fu un fenomeno per certi versi pi trascinante di Radio Caroline, di cui segu chiaramente l’esempio. Nathan fu il classico personaggio “larger than life”. Ebreo persiano, vissuto a lungo a Bombay, pilota della RAF durante la guerra, poi sui caccia IAF della prima guerra israeliana, quella dell’indipendenza. Poi apr un burger restaurant, fu il primo a proporre la pace con l’Egitto effettuando addirittura un volo che caus il suo clamoroso arresto da parte della polizia di Nasser. Nel 1973, sembra con l’aiuto economico di John Lennon in persona, fond la stazione radio che impresse una traccia profonda nella cultura della sinistra israeliana e nei movimenti pacifisti. Come Caroline, Voice of Peace trasmetteva grandissima musica ed era immensamente popolare tra i giovani, tra i tassisti, non solo in Israele ma anche in Libano e probabilmente fino all’Egitto e alla Siria. Dopo vent’anni le difficolt finanziarie lo indussero a chiudere bottega.

Era il 1993, e Nathan era convinto che la firma degli accordi di Oslo fosse la conferma definitiva che il suo messaggio fosse stato ricevuto anche dai politici che lo avevano perseguito in tribunale per i suoi contatti personali con Arafat. Purtroppo si sbagliava, dopo quegli accordi arriv l’assassinio di Rabin, la politica di Sharon e un atteggiamento di crescente chiusura da parte araba. Pochi anni dopo la fine del suo sogno radiofonico soffr di ictus da cui non si riprese completamente. Se n’ andato nel 2008, in una Tel Aviv ancora lontana dalla pace. Nel 2009 Voice of Peace ritorna “in onda” sul Web. La sua storia viene raccontata in questo documentario appena prodotto. Sarebbe bellissimo se la RAI lo acquistasse e lo traducesse (basterebbe sottotitolarlo). Ci sono numerose interviste con le personalit del tempo, con Perez, persino con la vedova di Dayan. E ci sono i DJ che lavorarono a bordo di The Peace Ship.

Per leggerne ancora, merita davvero, si veda qui.

Mali: l’immagine del soldato francese, il volto della morte del videogioco “Call of Duty” e un precedente episodio

Standard

Soldato francese in Mali

Su Libration viene pubblicato un articolo di Quentin Girard in cui si formulano alcune considerazioni sul soldato francese che in Mali si fa fotografare con la maschera della morte tratta dal videogioco Call of Duty (l’immagine del fotoreporter Issouf Sanogo, Afp. Su Le Parisien ce n’ un’altra versione). Lo scatto, che rimbalzato sulle reti sociali (si veda su Twitter), ha portato lo Stato maggiore dell’esercito d’Oltralpe a condannare il comportamento del militare, che “non rappresenta l’azione condotta dalla Francia in Mali”. Ma qualcosa del genere era gi accaduto.

Echi dalla seconda guerra mondiale: quando la scarsit alimentare diventava un nodo da comunicare via affissione muraria

Standard

Food wasted

Echi dal 1941 attraverso manifesti del tempo:

Il Regno Unito ha congelato i prezzi di una vasta gamma di prodotti alimentari e diminuiscono le scorte: caff, cacao, pasta carne, pesce, miele sono tutti scarsi.

(Via @RealTimeWWII)

Guardian: la storia per immagini dei decenni di dittatura e guerra che hanno reso irriconoscibile la Somalia

Standard

Keystone USA/Rex Features

Il Guardian pubblica una cronologia per immagini dei fatti accaduti in Somalia dal 1950 a oggi:

Mentre i leader si incontrano a Londra per discutere del futuro della Somalia, ecco alcuni dei momenti chiave nella storia recente di un Paese diventato irriconoscigile nel giro di qualche decennio.

L’immagine (Keystone Usa-Rex) riportata in questo post risale al 2001, quando l’Onu ha annunciato il ritiro perch ammetteva di non essere pi in grado di garantire la sicurezza al suo staff. Per approfondire invece quanto sta avvenendo a Londra, si veda qui.

Uranio impoverito: un’altra vittima mentre le risposte in argomento restano lontane

Standard

Falco Accame, gi ammiraglio della marina militare e poi presidente della commissione difesa, da anni impegnato nella battaglia sull’uranio impoverito e sulle sue conseguenze. Su Vittimeuranio.com – Il blog sul presunto killer interviene per scrivere che a Palermo muore un reduce dai Balcani. Oltre alla vicenda specifica, considera Accame:

C’ da aggiungere che la morte tra tante sofferenze per malattia contratta da uranio impoverito di un militare che ha preso parte per 10 anni a missioni di pace, passa del tutto ignorata a differenza di quanto accade per altri militari che magari sono morti per esplosione di un ordigno sempre nello svolgimento degli stessi compiti. inaccettabile una tale differenza di trattamento tra militari ignorati e militari onorati. Purtroppo le ragioni sono facilmente intuibili.

Quella in argomento sembra una battaglia ancora lontana dal giungere a un qualche punto fermo. Dopo la deludente relazione parlamentare, rimangono testimonianze come questa o come quelle dell’Associazione vittime uranio.

Bandscan: le onde corte approdano su GNUFunk Radio sotto forma di racconto di guerra

Standard

GNUFunk Radio parte con una nuova trasmissione: si intitola Bandscan, opera di Christian Diemoz e racconta un universo ignoto ai pi, quello delle onde corte, con un registro molto simile al radiodramma che rievoca i conflitti pi recenti. Cos Christian presenta il suo lavoro:

La Radio una passione personale e nonostante sia assai devoto alle tecnologie digitali, un bagno di segnali analogici sempre rinfrancante, serve a ricordarti che ci che esisteva quando eri ragazzo sopravvive. In qualche modo, sopravvive quindi una parte di me. Bandscan, l’operazione che un appassionato compie quando esplora un’intera banda per vedere quali stazioni riesce a ricever in quel momento.

Come le altre trasmissioni di GNUFunk Radio, anche Bandscan rilasciata con licenza Creative Commons e la registrazione scaricabile da Archive.org.

Bandscan - GNUFunk Radio