“Antonio Russo: inchiesta aperta”, reportage di Radio Radicale a dieci anni dal delitto

Standard

Abbiamo notizie che gi qualcuno ha deciso di punirla, fermarla, di metterla a tacere una volta per tutte.

Queste parole vennero pronunciate nel corso di un convegno di ambientalisti, nei giorni in cui il governo russo si stava dando da fare per far espellere il Partito radicale transazionale dall’Onu e dalla sezione per i diritti umani. Tra le accuse, dice Massimo Bordin, il sostegno ai ribelli ceceni. E il 16 ottobre 2000, qualche giorno dopo queste parole, indirizzate contro il giornalista Antonio Russo, l’omicidio. In quel periodo, l’inviato si stava occupando di Cecenia, di “eco-genocidio” e degli ospedali di Grozny. Il reportage realizzato da Radio Radicale si intitola Antonio Russo: inchiesta aperta.

Gubitosa: l’omicidio impunito di Anna Politkovskaja

Standard

L'omicidio impunito di Anna PolitkovskajaCarlo Gubitosa un intellettuale caratterizzato da una vivacit che lo fa spaziare in ambiti tra loro molto eterogenei per argomenti e campi d’applicazione. Wikipedia, per esempio, scrive di lui che “assieme a Riccardo Orioles, Lorenzo Guadagnucci e Andrea Semplici, […] fa parte di quel gruppo di giornalisti e scrittori italiani del nuovo millennio che si caratterizzano per la passione, l’impegno civile e la seriet del loro lavoro, pur restando intenzionalmente lontani dalla ribalta mediatica e televisiva”. A testimonianza poi delle diverse tematiche che segue, basti pensare a lavori suoi come Telematica per la Pace (con Alessandro Marescotti ed Enrico Marcandalli), Italian Crackdown, Genova, nome per nome. Le violenze, i responsabili, le ragioni. Inchiesta sui giorni e i fatti del G8 o i due splendidi Elogio della pirateria e Hacker, scienziati e pionieri. Ma avvicinandoci all’argomento legato a questo post, si pensi anche a Viaggio in Cecenia. La guerra sporca della Russia e la tragedia di un popolo. In proposito, Carlo tornato a scrivere con l’articolo L’omicidio impunito di Anna Politkovskaja, pubblicato dalla rivista Mosaico di Pace e poi ripreso da Informazione pulita. Articolo che merita di essere letto e che riporto nelle righe che seguono.

“Anna stata uccisa a causa del suo lavoro. Non vedo altre motivazioni possibili per questo efferato delitto”. Cos diceva Vitaly Yaroshevsky, vice-direttore della “Novaya Gazeta”, subito dopo l’omicidio a sangue freddo di Anna Politkovskaja con cinque colpi di pistola alla testa e al petto. Uccisa nell’ascensore di casa sua il 7 ottobre 2006 a Mosca, Anna la giornalista che nei suoi libri e sulle pagine della “Novaya” ha descritto meglio di chiunque altro la violenza della guerra in Cecenia e il rapporto di questa violenza con gli interessi di Vladimir Putin e del suo regime di oligarchi.

Di fronte ai mille interrogativi di questa esecuzione, la giustizia russa non riuscita a fornire risposte, e il 19 febbraio scorso l’attivit di due anni e quattro mesi di indagini, quattro mesi di processo e tre ore di camera di consiglio si conclusa con un nulla di fatto. I 12 giurati della corte militare di Mosca, presieduta dal giudice Yevgeny Zubov, hanno assolto per insufficienza di prove con verdetto unanime i quattro imputati del processo.
Continue reading