“Antonio Russo: inchiesta aperta”, reportage di Radio Radicale a dieci anni dal delitto

Standard

Abbiamo notizie che gi qualcuno ha deciso di punirla, fermarla, di metterla a tacere una volta per tutte.

Queste parole vennero pronunciate nel corso di un convegno di ambientalisti, nei giorni in cui il governo russo si stava dando da fare per far espellere il Partito radicale transazionale dall’Onu e dalla sezione per i diritti umani. Tra le accuse, dice Massimo Bordin, il sostegno ai ribelli ceceni. E il 16 ottobre 2000, qualche giorno dopo queste parole, indirizzate contro il giornalista Antonio Russo, l’omicidio. In quel periodo, l’inviato si stava occupando di Cecenia, di “eco-genocidio” e degli ospedali di Grozny. Il reportage realizzato da Radio Radicale si intitola Antonio Russo: inchiesta aperta.

Radio radicale e la crociata per chiudere un’emittente che il servizio pubblico lo fa

Standard

In qualsiasi modo la si pensi, Radio Radicale servizio pubblico (insostituibile per me la sezione dei processi. E non lo dico perch per lavoro ci ho a che fare. Anzi, s, proprio perch per lavoro ci ho a che fare so quanto vale il suo archivio, quotidianamente alimentato). Dunque davvero pessimo segnale ci che sta accedendo:

Dopo 33 anni […] si forse sul punto di impedirle proprio questa funzione e proprio nell’attuale contesto della comunicazione e della democrazia in Italia. Perch quante pi persone possibili, anche nella classe dirigente, conoscano gli elementi oggettivi di tale situazione, intendiamo urgentemente informare su questo pericolo incombente.

Qui il dossier che racconta perch “salvare un servizio pubblico di informazione, non Radio Radicale” (si pu anche scaricare in pdf, 65KB) e qui invece il form per firmare a sostegno della radio (al momento duemila circa le sottoscrizioni).