“Le stragi ferroviarie tra storia e memorie”: il 13 maggio a Bologna per ricordare l’Italicus (40 anni fa), il Rapido 904 (30 anni) e la stazione

Standard

Le stragi ferroviarie tra storia e memorie

L’associazione Piantiamo la memoria ne sta organizzando di appuntamenti per far in modo che certi periodi della storia italiana non vengano dimenticati. Dopo quella del 6 aprile scorso, Memorie sul binario vivo, il prossimo 13 maggio – a ridosso del giorno della memoria dedicato alle vittime del terrorismo – la volta dell’evento Le stragi ferroviarie tra storia e memorie – Dall’Italicus al Rapido 904, passando dalla stazione di Bologna. E non a caso dato, che il 4 agosto saranno trascorsi 40 anni dalla bomba dell’Italicus (12 morti e 48 feriti) e il 23 dicembre 30 da quella del Rapido 904 (17 morti e 267 feriti).

All’evento del 13 maggio, fissato a Bologna a partire dalle 17.30, saranno presenti la storica Cinzia Venturoli, lo scrittore Carlo Lucarelli, Rosaria Manzo (presidente dell’associazione vittime del Rapido 904), Anna Pizzirani (per l’associazione vittime della strage alla stazione di Bologna) e Franco Sirotti, fratello di Silver Sirotti, vittima della strage dell’Italicus. A coordinare il giornalista Rai Filippo Vendemmiati. Qui il pdf con il programma completo.

“Alba dorata” e il nazismo nelle istituzioni: il 30 gennaio se ne parla a Bologna con Dimitris Deliolanes

Standard

Alba dorata un libro di cui si parlato a lungo Alba Dorata del corrispondente della tv pubblica greca Ert Dimitris Deliolanes (Fandango, 2013). E per sentirne parlare dal vivo, il prossimo 30 gennaio prevista la presentazione bolognese, in programma a partire dalle 18 alla Sala dell’Ex Refettorio di via Sant’Isaia 20. Se il tema gi chiaro dal titolo, questi i contenuti del volume:

Sono entrati in Parlamento a passo di marcia. Hanno scatenato un’ondata senza precedenti di aggressioni razziste, antisemite e xenofobe. Dilagano nei quartieri popolari delle grandi citt, conquistano nuovi adepti e indicano nella democrazia la causa della crisi. Picchiano, uccidono, insultano, provocano. Alba Dorata, un partito nazionalista, xenofobo, antisemita e omofobo che diventato in pochissimo tempo protagonista della vita politica greca e che si attestato stabilmente come terza forza nazionale.

Questo libro un lungo viaggio dentro l’orrore del nazismo impenitente e beffardo. l’esplorazione di un gruppo di stretta ortodossia hitleriana rimasto nell’ombra per pi di un ventennio, aspettando il momento giusto per lanciare il suo attacco. Dimitri Deliolanes, per pi di 30 anni corrispondente dall’Italia della Tv pubblica greca ERT, d risposta ai pi inquietanti interrogativi su Alba Dorata: chi sono, cosa vogliono veramente, i loro rapporti con il regime dei colonnelli, le complicit con il centrodestra, i riti segreti nel nome delle divinit pagane e di Satana. Non un pericolo solo per la democrazia greca. L’avanzata dell’estrema destra razzista e xenofoba minaccia i valori fondanti dell’Europa. Alba Dorata apre solo la strada.

Insieme a Deliolanes parteciperanno al dibattito il giornalista Filippo Vendemmiati e la docente dell’universit di Bologna Cinzia Venturoli mentre l’introduzione sar curata da Alberto De Bernardi, presidente dell’Istituto per la storia e la memoria del ‘900 Parri Emilia Romagna.

“ Stato morto un ragazzo”: il ragazzo si chiamava Federico Aldrovandi, 18 anni, e incontr due pattuglie della polizia di Ferrara

Standard

Doveroso, in una giornata come oggi, a otto anni di distanza dall’omicidio (colposo, dicono le sentenze) di Federico Aldrovandi, diciotenne ferrarese. Il documentario, come si sa, del giornalista Filippo Vendemmiati.

“Non mi avete convinto” di Filippo Vendemmiati: Pietro Ingrao e il racconto della politica che non c’ pi, una forma per cambiare il mondo

Standard

il trailer del film Non mi avete convinto di Filippo Vendemmiati. La sinossi spiega che:

Non la biografia storica di Pietro Ingrao, ma il suo racconto in prima persona, sulla politica come passione “come strumento per cambiare un mondo che non mi piaceva”. La vita di Ingrao tra errori, sconfitte e rotture connotata dalla ricerca continua, quasi dolorosa, di nuove forme di partecipazione e di comunicazione. Da qui la sua grande passione per il cinema e la poesia. “Mi intendo pi di cinema che di politica” dice nel documentario. “Volevo fare il regista, sono stato spinto a calci nel sedere verso la politica”. Forse un film controcorrente o fuori moda, perch ci parla di “bella politica”, proprio oggi che questo “sentire” sembra un orizzonte lontano e inquinato, territorio di sentimenti anticasta, per altro spesso giustificati.

Continua qui la descrizione dei contenuti del film che rientra nella rosa degli eventi speciali delle Giornate degli Autori – Venice Days 2012, in programma dal 30 agosto all’8 settembre.

“Ad alta voce” inizia a Bologna con le “parole per l’Italia” di chi ha vissuto sulla propria pelle la storia recente del Paese

Standard

Ad alta voce

Le prime parole per l’Italia le pronunceranno Nando Dalla Chiesa e i familiari delle tre associazioni vittime che hanno sede a Bologna, quelle della strage di Ustica del 27 giugno 1980, della bomba alla stazione scoppiata il successivo 2 agosto e della banda della Uno bianca, che colp dal 1987 al 1994 uccidendo 24 persone. A loro, infatti, affidato il via dell’undicesima edizione della maratona di lettura Ad alta voce che venerd 7 ottobre e sabato 8 fa tappa nel capoluogo emiliano-romagnolo (le altre citt sono Venezia, dove c’ stata la settimana scorsa, e Cesena, contemporanea a quella bolognese). Un’iniziativa che, volendo incentrarsi sui 150 anni dell’unit d’Italia, ha deciso di esordire domani alle 18 in prefettura proprio con chi un pezzo della storia del Paese ce l’ha scritto addosso o nella propria famiglia.
Continue reading