Hackmeeting torna (finalmente) a Bologna: dal 27 al 29 giugno prossimi l’incontro annuale delle controculture digitali

Standard

Hackmeeting 2014L’Hackmeeting, per l’edizione 2014, torna a Bologna e lo fa dal 27 al 29 giugno prossimi:

L’hackmeeting l’incontro annuale delle controculture digitali italiane, di quelle comunit che si pongono in maniera critica rispetto ai meccanismi di sviluppo delle tecnologie all’interno della nostra societ. Ma non solo, molto di pi. Lo sussuriamo nel tuo orecchio e soltanto nel tuo, non devi dirlo a nessuno: l’hackit solo per veri hackers, ovvero per chi vuole gestirsi la vita come preferisce e sa s/battersi per farlo. Anche se non ha mai visto un computer in vita sua.

Tre giorni di seminari, giochi, feste, dibattiti, scambi di idee e apprendimento collettivo, per analizzare assieme le tecnologie che utilizziamo quotidianamente, come cambiano e che stravolgimenti inducono sulle nostre vite reali e virtuali, quale ruolo possiamo rivestire nell’indirizzare questo cambiamento per liberarlo dal controllo di chi vuole monopolizzarne lo sviluppo, sgretolando i tessuti sociali e relegandoci in spazi virtuali sempre pi stretti.

Per dare un’occhiata al programma, si veda qui.

Global Intelligence Files di Wikileaks: Jeremy Hammond condannato a 10 anni per aver rivelato lo spionaggio della Stratfor

Standard

Global Intelligence Files

E cos stato condannato da una corte federale americana, Jeremy Hammond, l’hacktivista accusato di essere dietro la sottrazione delle comunicazioni elettroniche della Stratfor che hanno dato vita al progetto Global Intelligence Files (GIFiles) di Wikileaks. Dieci anni di carcere per aver consentito la pubblicazione di notizie come queste.

Hackers for charity: l’informatica a disposizione dei “cittadini pi poveri del mondo”

Standard

Hackers for charity

In rete si affacciato Hackers for charity, che si presenta cos:

un’organizzazione non profit che mette a frutto le competenze dei tecnici per affrontare le sfide tecnologiche di varie realt (sempre) non-profit e per fornire cibo, attrezzature, formazione professionale e formazione informatica ai cittadini pi poveri del mondo.

Si pu seguire su Twitter attraverso l’utente @ihackcharities e anche su Facebook.

Anonymous: hacker, attivismo e libert d’informazione. Due libri e l’articolo di Pier Luca Santoro

Standard

Anonymous - Noi siamo legioneLo European Journalism Observatory (Ejo) scrive di Anonymous e di hacker, attivismo e libert d’informazione. Lo fa con un articolo di Pier Luca Santoro che parla di due libri. Oltre ad Anonymous – Noi siamo legione, c’ anche l’ebook uscito da pochi giorni e firmato da Carola Frediani, Dentro Anonymous. Viaggio nelle legioni dei cyberattivisti. Pier Luca, in merito al primo, scrive:

Le parti pi interessanti del volume sono quelle che raccontano l’intervento di Anonymous a fianco delle rivolte tunisine, egiziane, degli indignados spagnoli, degli studenti inglesi, del movimento NoTav. La vera differenza tra la loro attitudine hacker e quella dei loro fratelli maggiori sta proprio nel cercare un legame tra le rivolte dentro la Rete e le rivolte al di fuori delle schermo.

Dentro Anonymous. Viaggio nelle legioni dei cyberattivistiSul secondo, invece, viene raccontato:

Si inizia dal caso di Sabu, nickname di Hector Xavier Monsegur, leader del movimento arrestato nel giugno del 2011 e da allora spia, traditore, collaboratore dell’FBI, per poi analizzare le molte teste, quelle che l’autrice definisce Idra ispirandosi alla mitologia greca, e ovviamente il caso, ed anche la lezione di WikiLeaks. Numerosi i casi analizzati, sia a livello internazionale con l’operazione Free Assange e il caso TrapWire, che in specifico riferimento alla realt italiana attraverso l’illustrazione e l’analisi, per citarne alcuni, degli attacchi alle universit italiane e al Cnaipc, i retroscena sull’attacco a Paniz e Grillo sino a quello recentissimo dell’Ilva di Taranto.

Continua qui.

“Anonymous – Noi siamo legione” arriva in epub (senza DRM) e (presto) per Kindle. Intanto una segnalazione da Panorama.it

Standard

Gli hacker sono eroi. Forse

Anonymous - Noi siamo legioneSi torna a parlare di Anonymous, noi siamo legione, che da oggi anche in versione epub (ma DRM free) e che nei prossimi giorni sar disponibile anche per Kindle di Amazon. E se ne torna a parlare dalle pagine culturali di Panorama.it che ospita l’articolo Gli hacker sono eroi. Forse – Criminali o paladini della giustizia? Quattro libri davvero speciali per rispondere e capire, in cui Antonino Caffo scrive:

La storia degli Anonymous in libreria porta anche una firma italiana. Si tratta di […] Anonymous. Noi siamo legione, Aliberti Editore, nel quale l’autrice […] ripercorre alcune delle azioni pi plateali del gruppo, condividendone uno degli obiettivi: combattere per la libert di informazione […]. Questa sorta di biografia non autorizzata […] riesce a dipingere un’immagine alternativa del mondo degli hacker pi famosi degli ultimi anni. Il suo lavoro frutto di chiacchierate, chat e letture con i diretti interessati che hanno lasciato molte tracce del loro pensiero.

Gli altri libri sono Mafia.com di Misha Glenny (Mondadori), Ghost in the Wires: My Adventures as the World’s Most Wanted Hacker (Little Brown) di Kevin Mitnick e We Are Anonymous: Inside the Hacker World of LulzSec, Anonymous and the Global Cyber Insurgency (sempre Little Brown) di Parmy Olson.

Anonymous: i DDoS, le manifestazioni non autorizzate e la ricerca dell’essenza all’origine dell’etica hacker

Standard

Anonymous - Noi siamo legioneAnonymous, il nom de plume del collettivo che torna sempre pi spesso in rete e sulle pagine dei giornali, ha colpito un’altra volta. Un’azione dimostrativa, non invasiva, un DDoS, che sta per Distributed Denial of Service, ha piegato la resistenza e la capacit del sito della polizia di Stato di rispondere alle richieste degli utenti web. Ed ecco la risposta, servizio negato. In parole molto semplici, funziona un po’ come a un casello autostradale. In periodi di traffico normale, anche senza Telepass o carte di credito, si passa attraverso le barriere con relativa rapidit. Quando per gli esodi estivi intensificano il traffico, tutto si rallenta. Se un normale esodo vacanziero dovesse tuttavia essere moltiplicato per dieci o per cento, allora ecco che il problema si farebbe serio e con ogni probabilit il deflusso dei veicoli si interromperebbe.

questa, in soldoni, la logica di un DDoS, anche di quello che a fine inverno stato scagliato contro il sito della polizia. Un monito contro l’uso dei manganelli, contro i manifestanti spinti lontano dalle recinzioni che delimitano i cantieri, contro il quasi morto che c’ scappato qualche giorno prima nel tentativo di difendere aree che diventeranno prima piste per mezzi di movimentazione terra e poi binari per convogli che schizzano a centinaia di chilometri orari.

L’hacker che ha partecipato all’attacco sorride ancora quando torna a fissare il monitor. S, stato facile, in cos poche persone da non superare il numero delle dita di una mano e con software di media aggressivit che decuplicano le richieste a un server web. E poliziadistato.it andato gi. Torner disponibile in poco tempo, dall’altra parte gli amministratori di sistema si stanno gi dando da fare. E se anche avessero tentato la deviazione del traffico web in altre direzioni, come avviene in casi analoghi per far s che il sito non venga oscurato, riavvieranno i servizi Internet non appena la valanga di byte sar passata e tutto torner alla normalit.
Continue reading

Torna il Metro Olografix Camp con l’edizione 2012, tre giorni per capire lo spirito hacker “fino alla fine del mondo”

Standard

Metro Olografix CampTorna il Metro Olografix Camp (o anche Moca) nella sua edizione 2012 (le precedenti sono state nel 2004 e nel 2008), un hacker camp che terr banco nel parco dell’ex caserma Di Cocco di Pescara dal 24 al 26 Agosto 2012. Si legge in proposito sulla newsletter della rivista Mamma! (quella che ha come payoff “se ci leggi giornalismo. Se ci quereli satira”):

All’edizione del 2012 la rivista Mamma! – il primo magazine italiano di giornalismo a fumetti – sar presente come media partner dell’evento e con un seminario del direttore responsabile Carlo Gubitosa, dal titolo “Hacking media: dai leaks alla microeditoria, passando per il data journalism. Strumenti e tecnologie per smontare le notizie e guardare dentro l’informazione mainstream”, che si svolger venerd 24 agosto alle 18.

Nelle intenzioni degli organizzatori – la storica Associazione Culturale Telematica “Metro Olografix”, fondata nel 1994 – questa edizione del MOCA conferma che lo spirito hacker sempre vivo ed effervescente in chi ha voglia di divertirsi e capire, ed ha scelto un computer come strumento principale per farlo.

Lo slogan di quest’anno – Fino alla Fine del Mondo – gioca con le ansie legate al mito del 2012, ma per gli organizzatori rappresenta anche l’intenzione di portare avanti a oltranza il discorso delle nuove tecnologie, della conoscenza e della libert d’espressione.

Per vedere di cosa si parler nell’evento pescarese si veda il programma. E gli aggiornamenti si possono seguire su Twitter e su Facebook.

“Anonymous”: sul Manifesto il racconto della “legione degli hacker anonimi”

Standard

La sfida del Manifesto

Anonymous - Noi siamo legioneSul Manifesto del 14 luglio, Benedetto Vecchi recensisce Anonymous – Noi siamo legione con il pezzo intitolato La legione degli hacker anonimi Scrive tra l’altro:

Le parti pi interessanti del volume sono quelle che raccontano l’intervento di Anonymous a fianco delle rivolte tunisine, egiziani, degli indignados spagnoli, degli studenti inglesi, del movimento NoTav. La vera differenza tra la loro attitudine hacker e quella dei loro fratelli maggiori sta proprio nel cercare un legame tra le rivolte dentro la Rete e le rivolte al di fuori delle schermo. Una scelta che andrebbe tuttavia analizzata a partire dal fatto che il confine tra vita dentro lo schermo e vita al di fuori di esso si dissolto e che i conflitti sociali sono immediatamente conflitti sulla produzione e circolazione delle informazione e del sapere.

Anonymous spesso indicata come risposta alla crisi della forma-movimento, perch assume lo sciame come organizzazione del conflitto. Si definiscono cio gli obiettivi e si va all’attacco per poi sciogliersi una volta che l’azione si conclusa. Un’organizzazione per che si deduce sempre dopo che lo sciame formato. E nulla dice e in nessun modo utile a definire i percorsi, il modo in cui si pu formare lo sciame. Perch i movimenti non hanno nulla di naturale, ma sono espressione di relazione e condizioni materiali che sono socializzati attraverso il linguaggio. Cio proprio di quei fattori che Anonymous manipola fin troppo benne nelle sue azioni.

Continua qui.

Dispacci dal mondo della “guerra dell’informazione: “The Revolution will be Digitised”, scorci di libert e censura

Standard

The Revolution will be Digitised: Dispatches from the Information War

The Revolution will be Digitised: Dispatches from the Information War, scritto da Heather Brooke, di questo si occupa:

Al centro c’ il Sistema: governi, corporation e singoli individui potenti che sanno pi informazioni su di noi e pi potere che in qualsiasi altro momento storico. Intorno a lui esiste una nuova generazione di hacker, militanti per la democrazia e attivisti digitali che non accettano ulteriormente che il Sistema conduca lo spettacolo.

Nel suo nuovo e avvincente libro, la pluripremiata giornalista Heather Brooke ci porta dentro la Information War, la Guerra dell’Informazione, dagli ambienti hacker di Boston e di Berlino all’hub giornalistico britannico fino alla rivoluzione della libert di espressione in Islanda. E poi ancora dai quartier generali di Google e di Facebook a Collateral Murder, ai cablogrammi e all’ombroso mondo di Julian Assange e di Wikileaks.

Nel corso della narrazione Brooke esplora le questioni pi pressanti dell’era digitale: dove si colloca il punto di equilibro fra libert e sicurezza? In un mondo online, la privacy esiste ancora? E Internet pu rendere pi forti le persone o inaugura una nuova epoca di censura, sorveglianze e oppressione?

Qui il booktrailer del libro. Ci sarebbe da auspicare che qualche editore italiano, se gi non l’ha fatto, pensi a tradurlo.

WikiLeaks: un libro di Beccogiallo per raccontare la storia di Assange a partire dall’etica hacker

Standard

Julian Assange - Dall'etica hacker a WikiLeaksSi intitola Julian Assange – Dall’etica hacker a WikiLeaks il libro a fumetti uscito nella collezione biografie per la casa editrice Beccogiallo. Sceneggiato dal giornalista Dario Morgante e illustrato dall’artista Gianluca Costantini, si presenta con queste parole:

Il 5 aprile 2010, durante una conferenza stampa a Washington, WikiLeaks diffonde un video che mostra l’assassinio di almeno dodici civili iracheni, tra cui due giornalisti della Reuters, durante l’attacco di due elicotteri Apache americani. Da quel giorno, da quel video denominato “Collateral Murder”, WikiLeaks diventato uno spauracchio costante per i governi di tutto il mondo. “Julian Assange & WikiLeaks” ricostruisce la storia di Julian Assange e dei suoi “complici”, attraversa due interi decenni di sfide informatiche, e risponde a molte delle domande che molti si fanno su WikiLeaks e sulla comunit che ha generato questa piattaforma: quella degli hacker.

Per il libro stato creato un sito ad hoc dove disponibile anche un’anteprima in pdf (3MB). E per andare a (ri)vedere il materiale di “Collateral Murder”, la documentazione invece qui.