Giangiacomo Feltrinelli, le ombre 40 anni dopo la morte: un’inchiesta di Ferruccio Pinotti

Standard

Feltrinelli, le ombre 40 anni dopo, inchiesta di Ferruccio Pinotti pubblicata sul Corriere della Sera. Giangiacomo Feltrinelli mor il 14 marzo 1972 a Segrate, dilaniato dall’esplosione di un ordigno a un traliccio.

“Storia dell’omofobia” di Paolo Pedote: racconto antico e fin troppo attuale lontano dal tramonto

Standard

Storia dell'omofobiaStoria dell’omofobia il titolo di un recente libro scritto da Paolo Pedote e pubblicato dalla casa editrice bolognese Odoya. Con la prefazione del giornalista del Corriere della Sera Gian Antonio Stella, ecco come si presenta:

Partendo dai libri sacri per arrivare alla censura perseguita da ogni totalitarismo, passando per i sistemi legislativi e per la disciplina del Novecento omofoba per eccellenza, la psicoanalisi, l’omofobia emerge come doloroso leitmotiv, isteria collettiva, ma anche meccanismo spietato, fonte di morte e paura.

Un pregiudizio crudele di cui hanno fatto le spese, tra gli altri, il genio creativo di Oscar Wilde – condannato a due anni di lavori forzati dall’Inghilterra vittoriana per la sua relazione con il giovane Alfred Douglas – e quello matematico di Alan Turing – inventore del computer e decrittatore del codice Enigma durante la Seconda guerra mondiale, sottoposto a castrazione chimica nell’Inghilterra del dopoguerra e costretto al suicidio – oltre a migliaia di anonimi perseguitati, torturati, uccisi a causa del loro orientamento sessuale.

Qui si pu leggere quanto Stella ha scritto in proposito sul suo giornale lo scorso 7 novembre.

Alto Adige, l’irredentismo pangermanico: storia della Fondazione Laurin e di finanziamenti mai interrotti

Standard

Attentati in Aldo AdigeQuello che segue un articolo firmato da Marco Imarisio e pubblicato oggi sul Corriere della Sera (non online la versione elettronica del testo). Racconta un pezzo di storia italiana (e non solo) che ha a che fare con il terrorismo, le pulsioni pangermaniche e un finanziamenti che sembrano arrivati – secondo indagini in corso – fino a oggi. Ecco l’articolo di Imarisio.

==============

Alto Adige. Nel cda due ex terroristi condannati all’ergastolo e rifugiatisi in Germania. La procura contesta la violazione della legge Anselmi

La Fondazione segreta che finanzia gli anti-italiani

L’inchiesta sulla Laurin. Soldi ai partiti xenofobi

da queste parti, anche se sollevi un sasso per strada ci trovi sotto la Storia. La frase del procuratore Guido Rispoli quasi una premessa a quanto segue. Il sasso in questione un ufficio nel centro di Bolzano, senza targa, senza citofono, che rischia di causare una frana sui delicati equilibri della politica sudtirolese.

L’indirizzo quello della Fondazione Laurin, un ente privato che ha destato l’attenzione della guardia di finanza per via delle robuste cifre inserite a bilancio. Nel 2008 erano 41 milioni di euro, quasi tutti provenienti dall’estero. L’indagine cominciata nel dicembre scorso come un semplice controllo fiscale, ma presto ha assunto ben altri contorni, come dimostra il passaggio dalle accuse iniziali, che erano di presunta attivit finanziaria abusiva, a quella di violazione della cosiddetta legge Anselmi sulle associazioni segrete.
Continue reading

P2, Anna Vinci intervista Giuliano Turone: “Ci sono molti ambienti che preferiscono glissare”

Standard

Anna Vinci, che ha curato il libro La P2 nei diari segreti di Tina Anselmi uscito poche settimane fa per Chiarelettere (se n’era parlato qui), ha intervistato il magistrato che, insieme a Gherardo Colombo, scopr il 17 marzo 1981 gli elenchi della P2, Giuliano Turone. Sul blog Cado in piedi stata pubblicata la trascrizione dell’intervista. Si dice tra l’altro:

Questa continua tendenza […] a parlare il meno possibile della P2 […] discende proprio dallo scopo che aveva la P2, che stato ricostruito dalla Commissione parlamentare di inchiesta: era un organismo di potere parallelo, di potere occulto in quanto aveva lo scopo di poter determinare certe scelte rilevanti per la collettivit, passando per percorsi trasversali diversi da quelli istituzionali. Infatti, tutta la documentazione che stata sequestrata nel 1981 insieme ai famosi elenchi, estremamente rilevante, copiosa e descrive determinate situazioni su cui la P2 esercitava questo suo potere occulto. Difatti, c’ tutta la documentazione che riguarda Rizzoli, Il Corriere della sera, c’ un po’ di tutto. Evidentemente avendo questa funzione, questa loggia P2, e avendo al suo interno personaggi di cos grande rilievo nel nei vari gangli dello Stato italiano, della societ italiana chiaro che ci sono molti ambienti che preferiscono che si glissi, che si dimentichi e quindi si parli il meno possibile, si rimuova insomma.

Continua qui.

“Il caso Calore”: documentario basco sull’estremista nero e sulla scomparsa di Petrur (Eta)

Standard

Il caso Calore

Con questo titolo comparso sul Corriere della Sera di oggi un articolo a firma Elisabetta Rosaspina in cui si racconta di un documentario basco, “Il caso Calore. Omicidio di un testimone protetto”. Il quale ha, tra le principali figure rappresentate, quella dell’estremista nero Sergio Calore, assassinato il 6 ottobre scorso a Guidonia per motivi che, allo stato attuale delle indagini, non sembrano di natura politica. Il “caso” rispolverato dal film, invece, pare pensarla diversamente e chiama in causa la scomparsa avvenuta nel 1976 del militante dell’Eta Eduardo Moreno Bergareche, soprannominato Petrur. L’articolo non online, ma le scansioni possono essere scaricate qui sotto:

Continue reading

I cento anni dell’archivio del “Corriere della Sera” raccontati dal suo bibliotecario, Filippo Senatore

Standard

Archivio Corriere della SeraSul numero uscito oggi del bisettimanale online Domani di Arcoiris Tv viene pubblicato un articolo di Filippo Senatore, bibliotecario del quotidiano di via Solferino. Il pezzo si intitola Cento anni fa nato larchivio del “Corriere della Sera”. Lo volle Albertini, direttore epurato dal fascismo:

L’ha costruito e diretto il cognato di Giacomo Matteotti, assassinato per ordine di Mussolini. Da un secolo raccoglie giorno per giorno le memorie destinate a documentare chi scrive la nostra storia: studiosi italiani e stranieri come Denis Mc Smith. Ripeteva Albertini: d’ora in avanti i giornalisti non hanno scuse e se incorrono in errori di precisione verranno licenziati. Ma erano altri tempi…

L’articolo continua qui.

Corsera, 5 ottobre 1980: “Il fascino discreto del potere nascosto. Parla, per la prima volta, il signor P2”

Standard

Intervista di Maurizio Costanzo a Licio Gelli

[L’intervista riportata sotto divenuta celebre: la realizz Maurizio Costanzo il 5 ottobre 1980, ai tempi in forza al Corriere della Sera, colloquiando con Licio Gelli, maestro di una famigerata loggia massonica, quella che ha segnato in modo quanto pi negativo possibile la storia di questo paese. Alla data in cui usc questo articolo – otto settimane dopo la strage alla stazione di Bologna – mancavano ancora cinque mesi alle perquisizioni a Castiglion Fibocchi e a Villa Wanda. Perquisizioni che portarono alla scoperta della lista degli iscritti, da cui si venne a sapere che intervistatore e intervistato erano “fratelli” di tessera. Da qui si pu scaricare la scansione della pagina originale (formato jpg, 2,7MB).]

*******

Il Corriere della Sera, domenica 5 ottobre 1980

Il fascino discreto del potere nascosto
Parla, per la prima volta, il signor P2
Licio Gelli, capo indiscusso della pi segreta e potente loggia massonica, ha accettato di sottoporsi a un’intervista esponendo anche il suo punto di vista. L’organizzazione: un Centro che accoglie e riunisce solo elementi dotati di intelligenza, cultura, saggezza e generosit per rendere migliore l’umanit. L’album di famiglia: da Giuseppe Balsamo (Cagliostro) a Giuseppe Garibaldi. Una repubblica presidenziale sull’esempio di De Gaulle. Una frase di Aldo Moro. S, ero all’insediamento di Carter per simpatia. In Italia otto servizi segreti: troppi. I politici: lavorano nell’interesse del paese oppure solo nell’interesse dei partiti?. L’economia e la moglie di Adenauer. Un consiglio al prossimo presidente del Consiglio: meno programmi, pi fatti.
di Maurizio Costanzo

Nella galleria dei personaggi inavvicinabili tra i pi inavvicinabili: si chiama Licio Gelli, ha sessant’anni, di Arezzo e non so cosa abbia scritto sulla carta d’identit alla voce professione: industriale? Diplomatico? Politico? In realt il suo nome compare spesso come il capo indiscusso di una segreta e potente loggia massonica, la P2, e rimbalza di continuo in questioni di non facile identificazione. Nel corso di questa intervista ha espresso, credo per la prima volta, opinioni, pareri, raccontato episodi. Ma non mi illudo: solo una delle sue facce, le altre sono celate in qualche parte del mondo.

Quattro anno fa io l’avevo invitata a una puntata di Bont loro. Declin l’invito. Per timidezza? Per mantenere mistero intorno alla sua persona?

Perch non ravvedevo nella mia persona requisiti tali per essere intervistato alla tv.

Come mai adesso ha accettato questo colloquio?

Per premiarla della costanza che ha avuto nell’inseguirmi per quattro anni. Cos, dopo questa intervista, spero per altri quattro anni di stare tranquillo.
Continue reading

Maria Grazia Cutuli, il prezzo della verit

Standard

Maria Grazia Cutuli, il prezzo della verit:

Tre anni di ricerche, decine di interviste e un minuzioso lavoro di indagine. Il documentario Maria Grazia Cutuli “Il prezzo della verit” ricostruisce con materiali inediti la vita privata, professionale e le circostanze dell’omicidio dell’inviata del Corriere della Sera, assassinata sulla strada per Kabul il 19 novembre 2001 da un gruppo di talebani con l’inviato di El Mundo Julio Fuentes e due corrispondenti dell’agenzia Reuters, l’australiano Harry Burton e l’afghano Azizullah Haidari. Il video mette a confronto le differenti versioni dei testimoni che hanno vissuto accanto a Maria Grazia gli ultimi drammatici momenti prima dellagguato. Il risultato un ritratto mai visto della giornalista, raccontata dagli autori Laura Silvia Battaglia, Matteo Scanni e Armando Trivellini attraverso le fotografie fornite dalla famiglia Cutuli e le voci di parenti, amici e colleghi: Ferruccio De Bortoli, Carlo Verdelli, Daniela Hamaui, Gianluigi Astroni, Lorenzo Cremonesi, Andrea Nicastro, Paolo Valentino, Beniamino Natale, Roselina Salemi, Alfio Sciacca, Simona Cal Cocuzza, Agata DAmore e molti altri. Il documentario verr distribuito dalla Fondazione Maria Grazia Cutuli nei prossimi mesi con il libro “Il cielo degli ultimi”, che raccoglie gli articoli scritti per il gruppo Rcs.

Qui l’articolo pubblicato sul Corriere della Sera e qui invece il trailer nell’area video della versione online del quotidiano di via Solferino.