“Storia dell’omofobia” di Paolo Pedote: racconto antico e fin troppo attuale lontano dal tramonto

Standard

Storia dell'omofobiaStoria dell’omofobia č il titolo di un recente libro scritto da Paolo Pedote e pubblicato dalla casa editrice bolognese Odoya. Con la prefazione del giornalista del Corriere della Sera Gian Antonio Stella, ecco come si presenta:

Partendo dai libri sacri per arrivare alla censura perseguita da ogni totalitarismo, passando per i sistemi legislativi e per la disciplina del Novecento omofoba per eccellenza, la psicoanalisi, l’omofobia emerge come doloroso leitmotiv, isteria collettiva, ma anche meccanismo spietato, fonte di morte e paura.

Un pregiudizio crudele di cui hanno fatto le spese, tra gli altri, il genio creativo di Oscar Wilde – condannato a due anni di lavori forzati dall’Inghilterra vittoriana per la sua relazione con il giovane Alfred Douglas – e quello matematico di Alan Turing – inventore del computer e decrittatore del codice Enigma durante la Seconda guerra mondiale, sottoposto a castrazione chimica nell’Inghilterra del dopoguerra e costretto al suicidio – oltre a migliaia di anonimi perseguitati, torturati, uccisi a causa del loro orientamento sessuale.

Qui si puņ leggere quanto Stella ha scritto in proposito sul suo giornale lo scorso 7 novembre.