E l’Acta – con le sue conseguenze sui contenuti in rete – non passata: il voto europeo boccia il trattato con 478 no

Standard

Stop Acta

E cos l’Acta (anti-counterfeiting trade agreement, che oltre a prendersela ufficialmente con la contraffazione avrebbe avuto conseguenze sui contenuti in rete e sulle piattaforme che ne consentono la diffusione) non pu imperare nell’Unione Europea e nemmeno nei suoi Stati membri. Il voto in sede comunitaria finito con 478 no, 39 s e 165 astensioni. Oltre a quanto gi scritto, per leggere nel dettaglio quanto era paventato dall’accordo, si veda qui.

“Anonymous – Noi siamo Legione”: una battaglia digitale contro censura, imperialismo, finanza d’assalto, devastatori dell’ambiente e militarismo

Standard

Anonymous - Noi siamo legione

Scriverlo stata una corsa contro il tempo, ma stato un viaggio fantastico. E cos nasce il libro Anonymous – Noi siamo Legione, appena uscito per Aliberti Editore. Fantastico perch si passa dall’evoluzione della cultura geek nello strano laboratorio di 4chan alla guerra scatenata contro Scientology. E poi il sostegno all’Iran post elezioni del 2009, la primavera araba in Tunisia e n Egitto, le campagne ambientaliste in America Latina, i movimenti Occupy e No Tav e il supporto a Wikileaks e contro le torture a cui stato sottoposto Bradley Manning. La versione libraria di Anonymous tutto questo e viene presentato cos:

Gli ignoti che si riuniscono sotto la sigla Anonymous promettono battaglia contro censura, imperialismo, finanza d’assalto, devastatori dell’ambiente e militarismo. Questo libro un’inchiesta su una forma di lotta da nuovo millennio che ha finito per colpire sette religiose, corporation, partiti reazionari e dittature mediorientali. Ogni volta che verr compiuto un abuso, compariranno gli anonimi fustigatori il cui volto rappresentato dalla maschera del giustiziere Guy Fawkes. E gi oggi si pu intuire il loro scopo: servizi digitali che garantiscano agli utenti la libert di espressione.

Continua qui.

Reporter Senza Frontiere: catena di mirror contro la censura. Si inizia con il ceco Dosh e il singalese Lanka e-news

Standard

Reporter Senza Frontiere

Contro i bavagli e gli stop imposti all’informazione online laddove i lacci digitali di chi sta al potere sono stringenti, Reporter Senza Frontiere lancia un’iniziativa di mirror per siti a rischio o gli sotto boicottaggio:

Per far s che i siti d’informazione indipendenti oggetto di cyber-attacchi e blocchi governativi possano continuare a pubblicare le informazioni online, Reporter senza frontiere ha lanciato una nuova iniziativa e ha dato inizio alla duplicazione dei siti, creando dei siti speculari (mirror sites) a quelli originali. I primi siti duplicati sono quelli della rivista ceca Dosh e del quotidiano dello Sri Lanka Lanka e-news. Rsf lancia inoltre un appello agli utenti di Internet di tutto il mondo, affinch si mostrino solidali con questa iniziativa e si moltiplichino le duplicazioni dei siti interessati.

Se un cyber-attacco dovesse rendere nuovamente inaccessibile Doshdu.ru, ad esempio com’ successo lo scorso dicembre durante le elezioni parlamentari in Russia, gli utenti delle Rete saranno in grado di accedere ad una copia identica del sito, creata da Reporter senza frontiere: http://dosh.rsf.org. Questo sito specchio sar regolarmente e automaticamente aggiornato.

I siti specchio (mirror sites, in inglese) possono anche essere utilizzati per eludere i blocchi governativi. Per esempio, il sito srilankese http://lankaenews.com, nello Sri Lanka bloccato dall’ottobre 2011 (attraverso il blocco del dominio del sito o dell’indirizzo IP del server ospitante), ma gli utenti Internet nello Sri Lanka saranno in grado di accedere al sito specchio http://lankaenews.rsf.org, ospitato su un altro server e con un altro dominio.

Istruzioni per supportare l’iniziativa sono pubblicate qui e qui invece la versione dell’appello in inglese.

Sequestro preventivo: un fenomeno che riguarda in Italia seimila siti in attesa di sentenza (o archiviazione)

Standard

Mario Tedeschini Lalli parla di censura preventiva riprendendo un servizio di Andrea Longo. Di questo si tratta:

Un fenomeno che sapevo esistere, ma non in questa misura: sono seimila i siti che autorit di varia natura hanno ordinato di oscurare. Fulvio Sarzana, avvocato delle associazioni dei provider italiani (Aiip e Assoprovider), ha rivelato che in 900 casi si tratta di siti oscurati per reati di pedopornografia e 3.500 sono siti di giochi e scommesse. Il resto, cio 1.500 siti, sono stati oscurati perch accusati di violare il diritto d’autore, perch aiutano la contraffazione o – ancor pi clamoroso – perch hanno contenuti diffamatori. I siti, si badi, sono sequestrati preventivamente, prima di una eventuale condanna penale, per evitare la reiterazione del reato del quale sono accusati.

E aggiunge che questo fenomeno non riguarda solo il web, ma anche giornali, radio e forum politici.

Chernobyl, la tragedia del XX secolo nel racconto del giornalista moldavo Pavel Nică

Standard

Chernobyl. La tragedia del XX secoloPavel Nică un giornalista moldavo nato nel 1942 e scomparso nel 2009. Come inviato, nel 1987 segu l’incidente di Chernobyl e le sue conseguenze. Quell’esperienza professionale e umana diventata un libro uscito postumo in questi giorni per i tipi di Stampa Alternativa. Si intitola Chernobyl. La tragedia del XX secolo:

Solo nel 2003 riuscito finalmente a raccontare quello che ha visto, che ha vissuto e quello che ha scoperto sulla tragedia atomica pi grave mai successa da quando esistono le centrali nucleari. Ventisei anni di silenzio, di censura, di bugie. Silenzio e censura sulle conseguenze della catastrofe, bugie sulle cause dellincidente… questo coraggioso giornalista si messo in gioco interamente, pagando il prezzo pi alto possibile, quello della vita.

Queste parole, usate come quarta di copertina, sono di Riccardo Iacona, che firma la prefazione del libro, inserito nella collana Eretica.

“Sito non raggiungibile” per bloccare i tentativi di censura su web targati Agcom

Standard

Per sapere qualcosa di pi sulla delibera 668/2010 dell’Agcom, altrimenti della “consultazione pubblica su lineamenti di provvedimento concernente l’esercizio delle competenze dell’autorit nell’attivit di tutela del diritto d’autore sulle reti di comunicazione elettronica”, si veda qui. Oppure anche qui (inoltre se parla diffusamente in un articolo pubblicato da Repubblica.it e intitolato Dal copyright alla censura web).

Per reazione a questo ennesimo tentativo di imbavagliamento, nato Sito non raggiungibile, che ha realizzato il video di cui sopra. E che ha avviato una petizione lanciata da un nutrito gruppo di promotori. Che sono Adiconsum, Agor digitale, Altroconsumo, Assonet-Confesercenti, Assoprovider-Confcommercio e Studio legale Sarzana. Qui la lista di chi ha gi aderito.

Mamma: ecco i microbavagli all’informazione libera, quelli che fanno sbadigliare

Standard

Mamma

Mamma una rivista che si trova si su web, ma anche su carta. una rivista che ha tra le sue menti Carlo Gubitosa, giornalista, scrittore e mediattivista di cui si parla da queste parti. Ed una rivista che, usando il linguaggio del giornalismo a fumetti e della satira politica e sociale, ci prova a vivere di abbonamenti bandendo la pubblicit. Ma poi capita di inciampare in provvedimenti che suonano come censure minori (e che, per citare il pezzo riportato sotto, fanno sbadigliare invece di smuovere i lettori). Ne parla Ulisse Acquaviva nell’ultimo editoriale, Tariffe postali: la prova del fuoco dei gruppettari, un “appello al sottobosco ribelle italiano pronto a mobilitarsi contro i bavagli solo se qualcuno gli apparecchia la piazza”. Eccolo di seguito il pensiero del suo autore (e di tutti i mammari). Prima di proseguire con la lettura, per, si faccia almeno un giro sulla pagina in cui sono descritte le modalit per sostenere quest’iniziativa editoriale.

Sbavagliatori, gruppettari, popoliviola, grillini, fan di Santoro e Travaglio, manifestatori di piazze Navona, antiberlusconiani e contestatori, unitevi! Oggi avete la possibilit di dimostrare la vostra coerenza: reagite in massa al bavaglio che tocca le PICCOLE RIVISTE SPEDITE SU ABBONAMENTO, cos come avete reagito al bavaglio sulle intercettazioni che toccava solo i grandi quotidiani (le piccole riviste non le pubblicano perch nessun amico gliele passa).

Se vi siete persi le puntate precedenti ve le riassumo io:
Continue reading

RSF: il 12 marzo la giornata mondiale contro la cyber-censura

Standard

World Day Against Cyber Censorship

La giornata mondiale contro la cyber-censura fissata per il prossimo 12 marzo. Lo segnala la sezione italiana di RSF e se ne parla pi diffusamente qui e qui dove peraltro si aggiunge:

Reporter sans frontires pubblicher in questa occasione l elenco aggiornato dei “nemici di Internet”. Questo elenco punta il dito contro paesi come Iran, Cina, Arabia Saudita, Vietnam e Tunisia che limitano laccesso on-line e minacciano i cittadini della rete. Sar anche pubblicato un elenco di paesi che sono stati posti “sotto sorveglianza” aver manifestato atteggiamenti minacciosi nei confronti di Internet. Reporter sans frontires assegner il primo “Premio Netizen” […]. Il premio sar dato a un utente Internet, blogger o cyber-dissidente, che abbia dato un notevole contributo alla difesa della libert di espressione online. La cerimonia di premiazione avr luogo presso la sede di Parigi di Google Francia.

Project Censored: 25 storie passate sotto silenzio sulla stampa tradizionale

Standard

Project CensoredScrive Luca De Biase:

Project Censored ha censito le 25 storie che i grandi media hanno tralasciato, soprattutto in America, e che invece sono state seguite e sviluppate sui nuovi media. via Indyweek. Si tratta si storie, a quanto pare, controllate e verificate con attento metodo di ricerca. Si fa notare, in questo contesto, la questione della relazione tra lobby e allocazione degli aiuti statali Usa.

Da qui si pu acquistare il libro che raccoglie le 25 storie individuate e scritte da Peter Philips e Mickey Huff mentre qui si dia un’occhiata alle modalit per sottoporre una vicenda di censura. Che la 35 edizione del progetto, partito nel 1976, gi in via di preparazione.

Threatened Voices: monitoraggio sociale a tutela della libert d’espressione

Standard

Threatened Voices

Sulle pagine della versione italiana di Global Voices, si annuncia che al via Threatened Voices per tutelare attivismo e libert di parola online. Ecco di che si tratta:

Insieme alluso sempre pi intenso di Internet da parte di attivisti o di semplici cittadini per esprimere le proprie opinioni o interagire con gli altri, anche i governi stanno aumentando i livelli della sorveglianza, del filtraggio, delle azioni legali e di disturbo. Molte volte le conseguenze peggiori sono state larresto politicamente motivato di blogger e scrittori online per le proprie attivit in rete e/o offline, in alcuni tragici casi arrivando anche alla morte. Giornalisti online e blogger rappresentano il 45% di tutti gli operatori dei media [in] oggi detenuti nelle carceri del mondo.

Ecco dunque che Global Voices Advocacy [in] lancia un nuovo sito-progetto chiamato Threatened Voices [in] con lobiettivo di contribuire a seguire i casi di repressione della libert d’espressione online. Il sito presenta una mappa mondiale e uno schema cronologico interattivo che aiutano a visualizzare gli episodi di minacce e arresti di blogger in tutto il mondo, e rappresenta una piattaforma centralizzata per la raccolta di informazioni diffuse da organizzazioni e attivisti maggiormente impegnati su questo tema, tra cui Committee to Protect Bloggers, The Arabic Network for Human Rights Information, Reporters without Borders, Human Rights Watch, CyberLaw Blog, Amnesty International, Committee to Protect Journalists, Global Voices Advocacy.

Threatened Voices

Leggi il post completo.