“La luna nelle baracche”: la riscossa del genti oppresse dell’America Latina nelle pagine di Alberto Manzi

Standard

La luna nelle baraccheUn brano del libro La luna nelle baracche di Alberto Manzi, il maestro di Non mai troppo tardi che conobbe e si diede da fare per il miglioramento delle popolazioni sudamericane.

Pedro lo guard negli occhi e comprese. Vide, anche, al di l delle baracche, i soldati armati.
Guard la sua gente. Era muta, immobile, ma finalmente viva. Lo sentiva. Gente che era stata sempre capace di dare, nelle condizioni pi disumane, un senso umano alla vita. Ed ora sarebbe stata capace di dare tutto, ora che riprendeva il coraggio di pensare a voce alta.
Si sentiva male; gli veniva da vomitare, ma non poteva farlo, non doveva. Con un sforzo, per mantenere la voce ferma, disse ripetendo un vecchio proverbio quich:
– Se all’avvoltoio togli il becco e gli artigli non resta pi nulla. Ma se all’uomo togli gli occhi, la lingua, le mani, i piedi, rester sempre un uomo.
Ora si sentiva libero veramente, forse, e gli pareva che tutto gli sorridesse intorno, che tutto fosse luminoso di gioia.
– Soltanto – prosegu – soltanto se l’uomo rimane solo, non pi uomo… Soltanto se rimane solo…
Sorrise al sergente, mentre la sua gente annuiva col capo e s’avvi verso il bosco. Tre, quattrocento metri.
Non ci fu un grido.
Niente.
Fu allora che la luna spunt nel cielo, ricca di luce. E per la prima volta la baracca di Pedro fu tutta illuminata. Non pareva nemmeno pi una baracca.

Il veterano delle guerre sporche sudamericane in Iraq: Guardian e Bbc Arabic raccontano l’addestramento alle torture dei paramilitari

Standard

Su Internazionale, la Cia implicata nelle torture in Iraq, articolo sul documentario James Steele: America’s mystery man in Iraq:

Il Pentagono aveva inviato in Iraq un veterano delle “guerre sporche” dell’America Centrale a supervisionare e addestrare alcune unit speciali della polizia irachena che avevano creato una rete di centri di detenzione e di tortura per ottenere informazioni dai ribelli.

Secondo i risultati di un’inchiesta del Guardian e della Bbc Arabic, il colonnello in pensione James Steele, 58 anni, statunitense, veterano delle guerre nel Salvador e in Nicaragua, era stato nominato direttamente dal segretario della difesa degli Stati Uniti Donald Rumsfeld per aiutare a organizzare i paramilitari nel tentativo di sedare una rivolta sunnita nel 2003, ed rimasto in Iraq fino al 2005.

Anche il colonnello James Coffman, un altro veterano dell’esercito statunitense, era stato inviato in Iraq per organizzare le forze di sicurezza e lavorare a fianco di Steele. Coffman riferiva direttamente al generale David Petraeus, ex capo della Cia, costretto a dimettersi a novembre del 2012 in seguito a uno scandalo per una relazione extraconiugale.

Secondo gli autori dell’inchiesta, le forze speciali irachene hanno commesso alcuni dei peggiori atti di tortura documentati durante l’occupazione degli Stati Uniti e hanno accelerato lo scoppio di una guerra civile. Le accuse, riportate nel documentario del Guardian, coinvolgono per la prima volta i consiglieri della Cia negli abusi commessi dalle forze speciali.

Qui il documentario completo.

“La variante Moro”: il romanzo di Elena Invernizzi che dalla strage di via Fani arriva in America Latina

Standard

La variante Moro - Tra via Fani e il Plan Condr

La variante Moro – Tra via Fani e il Plan Condr il libro appena uscito per Round Robin e firmato dalla brava scrittrice Elena Invernizzi, gi comparsa su queste pagine. La sinossi anticipa i seguenti passaggi:

Due giocatori si contendono, con una partita a scacchi, il loro segreto. Ogni volta che uno dei due mangia un pezzo all’avversario, l’altro deve raccontare una storia. Il Bianco un avventuriero, un reduce della Legione straniera con un passato al servizio delle dittature del Sud America. Il Nero un uomo dai modi sfuggenti e dai trascorsi oscuri. Se il Bianco ripercorre gli anni del Plan Cndor, l’operazione voluta dagli Stati Uniti in Sud America tra gli anni settanta e i primi anni ottanta per contrastare l’avanzata della sinistra nel Cono Sur, il Nero ritorna quasi ossessivamente alla mattina del 16 marzo 1978, ai momenti precedenti all’agguato di via Fani in cui venne rapito l’onorevole Aldo Moro e sterminata la sua scorta dalle Brigate rosse. Due narrazioni che procedono parallele fino a trovare il loro punto di convergenza e cominciare a diradare la fitta nebbia che avvolge i due protagonisti e l’intera vicenda di via Fani.

Il libro sar presentato il 16 febbraio a Milano, presso la libreria Shake Interno 4 (vicolo Calusca 10/f), e parteciper con Elena anche Alessandro Braga di Radio Popolare Network. Se intanto se ne vuole leggere di pi, si dia un’occhiata qui e qui.

“Anonymous – Noi siamo Legione”: una battaglia digitale contro censura, imperialismo, finanza d’assalto, devastatori dell’ambiente e militarismo

Standard

Anonymous - Noi siamo legione

Scriverlo stata una corsa contro il tempo, ma stato un viaggio fantastico. E cos nasce il libro Anonymous – Noi siamo Legione, appena uscito per Aliberti Editore. Fantastico perch si passa dall’evoluzione della cultura geek nello strano laboratorio di 4chan alla guerra scatenata contro Scientology. E poi il sostegno all’Iran post elezioni del 2009, la primavera araba in Tunisia e n Egitto, le campagne ambientaliste in America Latina, i movimenti Occupy e No Tav e il supporto a Wikileaks e contro le torture a cui stato sottoposto Bradley Manning. La versione libraria di Anonymous tutto questo e viene presentato cos:

Gli ignoti che si riuniscono sotto la sigla Anonymous promettono battaglia contro censura, imperialismo, finanza d’assalto, devastatori dell’ambiente e militarismo. Questo libro un’inchiesta su una forma di lotta da nuovo millennio che ha finito per colpire sette religiose, corporation, partiti reazionari e dittature mediorientali. Ogni volta che verr compiuto un abuso, compariranno gli anonimi fustigatori il cui volto rappresentato dalla maschera del giustiziere Guy Fawkes. E gi oggi si pu intuire il loro scopo: servizi digitali che garantiscano agli utenti la libert di espressione.

Continua qui.

Gelli, la P2 e alcuni input sui rapporti con l’America Latina

Standard

Perch – stato chiesto in un commento – la P2 aveva rapporti cos buoni con i caudillos dell’America Latina? Ecco alcune rapidissime informazioni in merito. stato acclarato che Licio Gelli coltivava buoni rapporti con personaggi di alcuni paesi dell’America Latina fin dal secondo dopoguerra attraverso ex appartenenti alla repubblica sociale italiani emigrati oltre oceano. Oltre a quanto contenuto negli atti prodotti dalla commissione parlamentare sulla P2 (http://www.strano.net/stragi/tstragi/relmp2/index.html e http://web.archive.org/web/20051219204642/http://apolis.com/moro/commissioni/p2/min/indicef.htm), ne parlano anche diversi giornalisti e autori (Leo Sisti, Gianfranco Modolo, Sergio Flamigni, Walter Settimelli). Leggendo quanto disponibile, Calvi, iniziando ad aprire sedi anche in quell’area, agevola il consolidamento delle attivit di Gelli e del suo sodale, Umberto Ortolani. I buoni rapporti non si limitano all’Argentina, ma comprendono anche l’Uruguay, e tanto fa attraverso appoggi locali che nel 1973 si qualifica come ambasciatore della fratellanza italiana.

Inoltre l’ex maestro della P2 avrebbe all’inizio degli anni Settanta aiutato Peron a vendere l’oro che si era portato da casa, ai tempi dell’esilio, contribuendo cosi’ a sostenere economicamente il suo ritorno a Buenos Aires. Intanto in Argentina prosegue – come racconta Flamigni – a tessere una rete di relazioni che comprendono vari ministri (benessero sociale, esteri) e militari (capo di stato maggiore della marina, alti ufficiali e appartenenti agli apparati di sicurezza). Inutile dire che quando Peron rientrer in patria, Gelli sar ben accolto e a questo punto inizia a estendere ulteriormente i suoi rapporti con l’ente petrolifero e circuiti bancari. Ricever pure un passaporto diplomatico diventando ambasciatore dell’Argentina nella citt di Firenze. Quando arriveranno i tempi di Massera e Videla, esploder anche uno scandalo legato a un traffico d’armi, cosa sempre smentita da Gelli ma citata in commissione.
Continue reading