ComiX4= Comics for Equality: quando i fumetti diventano uno strumento per combattere contro il razzismo

Standard

ComiX4 = Comics for Equality è un progetto internazionale per combattere il razzismo, la xenofobia e più in generale l’intolleranza, nelle sue varie forme. E ha vinto poche settimane fa l’Intercultural Innovation Award 2014. Merita di essere seguito.

Il terrorismo razzista del Ku Klux Klan e la medical apartheid: la storia di Addie Mae Collins e della scuola autoptica bianca

Standard

Addie Mae CollinsStoria di razzismo di stampo terrostico e di medical apartheid. È quella che si consumò il 15 settembre di 50 anni fa a Birmingham, in Alabama, all’interno di una chiesa battista degli Stati Uniti in cui morirono, a causa di un attentato con esplosivo del Ku Klux Klan, quattro ragazzine, Addie Mae Collins, Cynthia Wesley, Carole Robertson e Denise McNair. Su BoingBoing si fa notare questo aspetto, tutt’altro che secondario:

Addie Mae Collins potrebbe essere considerata una vittima del razzismo sotto un duplice aspetto. Da un lato ci fu la bomba che la uccise e dall’altro ci si deve calare in una lunga tradizione secondo la quale le scuole mediche per bianchi hanno spaziato nel cimiteri per neri con lo scopo di avere cadaveri da dissezionare.

Per leggerne ancora (in inglese), si veda qui.

“Estrema destra”: in un libro del giornalista Guido Caldiron la mappa nera dell’Europa del terzo millennio

Standard

Estrema destraÈ uscito in questi giorni per i tipi di Newton Compton il libro Estrema destra del giornalista Guido Caldiron:

Dalla strada al Parlamento: chi sono i protagonisti del nuovo fascismo mondiale? Lupi solitari o gruppi strutturati? Giovani esaltati o uomini di governo? Le loro idee si fermano agli slogan o possono tradursi in violenza? Populisti, xenofobi, identitari, i nuovi fascisti del Terzo millennio fomentano l’odio razziale e spesso cavalcano l’onda dell’antieuropeismo e del rifiuto del mondo globalizzato, “colpevole” ai loro occhi della grande crisi economica. Dall’Italia all’Inghilterra, dall’Europa dell’Est alla Francia, dalla Scandinavia alla Grecia, fino agli Stati Uniti, la nuova destra estrema sta prendendo sempre più potere persino in Paesi dalla lunga tradizione democratica, che insospettabilmente stanno aprendo i loro “salotti buoni” a idee e personaggi che fino a pochi anni fa ne sarebbero stati banditi. Eppure le istanze degli estremisti neri prendono piede anche per le strade di periferia, puntando sul malcontento popolare, sull’islamofobia post 11 settembre, sulla rabbia dei delusi della politica tradizionale. Guido Caldiron – giornalista che da anni studia l’ascesa della destra estrema – analizza, grazie a una vastissima documentazione, un fenomeno inquietante e in espansione, che sta passando dal sottobosco della cultura underground a forme sempre più evidenti di esercizio del potere.

Se ne può leggere anche qui (Il Messaggero del 16 giugno) e qui (Left del 22 giugno).

“Regione straniera”: una mappa della segregazione a suon di ordinanze

Standard

Regione straniera

La fonte è questo libro e qualche approfondimento sulla “segregazione amministrativa”, costruita a suon di ordinanze (qualcosa in tema lo si riportava qualche tempo fa), lo si può leggere qui, sul blog dell’autore, Giuseppe Civati. L’infografica invece è opera di Gino Selva.

(Via Ultimo)

Cose di questo mondo, ritratto di una realtà

Standard

«Forse è meno peggio rinunciare a qualche libertà ed essere più sicuri». Parola della giunta di Trenzano a conclusione del consiglio comunale in cui esplicita la propria «contrarietà alla costruzione di moschee e/o centri culturali islamici». Il video qui sopra è tratto dalla puntata di Annozero andata in onda ieri, 17 dicembre, e ci sono metodologie precise per rendere un’immagine rappresentativa di una realtà. Ecco, guardando quelle sequenze e sentendo le relative affermazioni (a parte l’intervista a Zara), spero che il ritratto che ne scaturisce sia rappresentativo solo di una piccola parte della realtà. Spero. Un consiglio comunale, però, di solito viene eletto dalla cittadinanza, non calato dall’alto. Compreso il tizio che sfodera un apparente aquilotto nazista (ma non mi intendo di marchi d’abbigliamento e forse sta a indicare qualcos’altro) sul giubbotto nero e poi rilascia dichiarazioni tutt’altro che concilianti a seduta conclusa.

(Via Metilparaben)

Paul Krassner e l’oscenità nella politica e nella cultura statunitense

Standard

Who's to Say What's ObsceneChissà se dopo libri come The believer, uscito in tre volumi attraverso il contributo di molteplici mani, o Fingiamo di essere morti di Annalee Newitz, non ci sia un editore italiano che voglia tradurre e pubblicare anche questo testo, Who’s to Say What’s Obscene?: Politics, Culture, and Comedy in America Today (qui la scheda su Amazon). Uscito da poche settimane per i tipi della storica City Lights, è stato scritto da un personaggio altrettanto di spessore per il mondo della cultura d’oltreoceano, Paul Krassner, e così si presenta:

I fan di “The Daily Show with Jon Stewart” e “The Onion” apprezzeranno questa puntuale raccolta di saggi satirici firmati da un’icona della controcultura come Paul Krassner. Con irriverenza e uno spirito spesso vietato ai minori, Krassner esplora la commedia contemporanea e l’oscenità nella politica e nella cultura. Per farlo parte dai titoli di “Bong Hits 4 Jesus” e arriva alle scene tagliate in alcuni film recenti, come Borat.

Nel saggio “Don Imus Meets Michael Richards”, Krassner esamina il razzismo nella commedia da Lenny Bruce a Dave Chapelle e all’interno di “The Sarah Silverman Show” e “Curb Your Enthusiasm”, oltre che in controverse strisce a fumetti come “The Boondocks”. L’autore parla di impettite figure pubbliche, controcultura, libertà di parola, talk show mandati in onda in fascia notturna, censura, sesso e battute di alcuni comici famosi.

“Questi sono tempi di repressione”, dice Krassner, “e maggiore è la repressione, maggiore sarà la ricerca dell’irriverenza verso coloro che rappresentano l’autorità.

In formato pdf è possibile scaricare un estratto (65KB) del libro.