“Transkrana, aux confins de l’ex-Urss”: sul sito di Le Monde il web documentario pieno di mappe e infografiche

Standard

Transkraina, aux confins de l'ex-Urss

Dalla Lituania e dalla Bielorussia all’Azerbaijan. una linea immaginaria divenuta un documentario per il web, Transkrana, aux confins de l’ex-Urss, pubblicato dall’edizione online di Le Monde e realizzato dal giornalista con base a Istanbul Alexandre Billette e dal fotografo Herv Dez.

Hidden Europe: le foto di Ms Larsen per raccontare alcuni aspetti a Est del vecchio continente

Standard

Hidden Europe - Foto di Ms Larsen

Hidden Europe un percorso fotografico di Ms Larsen pubblicato su E – Il mensile di Emergency. Si tratta di questo:

Una breve sessione in pellicola dedicata all’Europa nascosta, nata dall’amore per i Paesi un tempo parte di quella che oggi l’ex Unione Sovietica rappresentati in questa gallery dalla Lituania, il Paese baltico che pi ha pagato il prezzo dell’oppressione sovietica e dall’enclave di Kaliningrad, avamposto in Russia circondato dai Paesi della comunit europea.

Continua qui.

“I giornalisti che ribaltarono il mondo”: la storia della Ips, l’agenzia di stampa che ha dato voce a chi non ce l’aveva

Standard

I giornalisti che ribaltarono il mondo di Roberto SavioRoberto Savio stato uno dei fondatori di Media Watch Global e con il mondo dell’informazione ha parecchio a che fare. In proposito ecco che esce in questi giorni il suo I giornalisti che ribaltarono il mondo (Nuovi Mondi). Partendo dalla constatazione della potenza delle agenzie di stampa nell’indirizzare l’attenzione su determinate notizie e dunque la visione di quello che accade nel pianeta, si racconta questo:

Negli anni ’60, lanciandosi in un’avventura da molti considerata utopistica, un gruppo di giornalisti decise di creare un’agenzia internazionale che desse voce a chi non l’aveva – dai Paesi del Terzo Mondo ad attori marginalizzati, come le donne – privilegiando temi globali come l’ambiente, i diritti umani e la giustizia internazionale. Il loro intento era focalizzarsi non tanto sull’analisi dei singoli avvenimenti, quanto sui processi di fondo che costituiscono l’unica vera chiave di lettura di uno scenario politico internazionale in perenne e rapida evoluzione.

Nacque cos la Inter Press Service, che oggi vanta 50 milioni di pagine Internet lette ogni mese, in 27 lingue, ed considerata la principale fonte d’informazione indipendente sui Paesi in via di sviluppo, a cui attingono oltre 5000 mezzi di comunicazione in tutto il mondo. Ma raggiungere questo traguardo stato possibile solo dopo una lotta aspra e su pi fronti con il giornalismo “istituzionale”. Il Dipartimento di Stato americano invi istruzioni a tutte le ambasciate affinch si adoperassero per la chiusura degli uffici IPS nei loro Paesi. Anche la TASS, l’agenzia di stampa ufficiale dell’Unione Sovietica, mise in piedi una feroce campagna ai danni dell’agenzia. Le agenzie tradizionali, europee e americane, fecero la loro parte.

Il testo a introduzione del volume prosegue qui.

La maternit e un aspetto sconosciuto della storia sovietica

Standard

Global Voices pubblica e traduce l’articolo di Veronica Khokhlova intitolato Russia: ricordi e commenti dei blogger sugli ospedali di maternit sovietici:

Lo scorso dicembre, Sinisa Boljanovic ha tradotto alcune strazianti storie di parti [in] scritte anonimatamente da donne serbe e pubblicate sul sito vincitore del premio [in] “Mother Courag”, avviato e curato dalla blogger serba Branka Stamenkovic/Krugolina Borup.

A maggio su LiveJournal il blogger russo germanych ha chiesto alle sue lettrici di condividere le proprie esperienze nel partorire in Unione Sovietica. Mentre l’iniziativa Mother Courage di Branka Stamenkovic era un tentativo di cambiare la situazione in meglio, l’intento del blogger russo stato quello di documentare un capitolo poco conosciuto della storia sovietica.