Giorno della memoria: le storie ancora senza finale. Dopo 69 anni tante le persone che sparirono nel nulla e cercate tutt’oggi

Standard

Per chi afferma che occorre chiudere capitoli pi recenti della storia, andrebbe data un’occhiata, almeno nel Giorno della memoria, a quanti ancora cercano notizie di parenti – se non propri parenti mai pi tornati – dai lager nazisti. Nel 2009 si pubblicava un post, Il libro dei deportati, volume I: 23.826 nomi di italiani finiti nei lager. Nei mesi e negli anni a venire sono stati nell’ordine delle decine i commenti di cui ancora si aspettano risposte su persone inghiottite per sempre della brutalit della soluzione finale senza nemmeno lasciare un’eco di cosa accadde loro.

Negazionismo: articolo sull’ipotesi di trasformarlo in un reato e sul rapporto che avrebbe con l’ordinamento italiano

Standard

negazionismo_penale.pdf by Martino Iniziato

L’articolo si intitola Le ragioni che contrastano l’introduzione del negazionismo come reato ed stato scritto dalla docente Emanuela Fronza e dall’avvocato Alessandro Gamberini.

(Via Aldo Giannuli)

Belgrado, il sito della memoria serbo rischia di diventare un centro commerciale

Standard

Topovske upe - Foto di Vladimir TatlinRest in funzione pochi mesi, dall’agosto al dicembre 1941, ma a Topovske upe, ex base militare serba trasformata in campo di concentramento nazista, morirono circa 5mila persone e la sua attivit contribu a dichiarare Belgrado, nel maggio 1942, “liberata dagli ebrei” dato che quasi tutta la popolazione maschile israelitica fu sterminata l. Ma oggi, a 7 anni di distanza dall’inaugurazione di un sito dedicato alla memoria di quello sterminio e dall’apposizione di una targa commemorativa, il campo potrebbe scomparire o, nella migliore delle ipotesi, essere inglobato da un centro commerciale di 182mila metri quadrati.

A raccontarlo, a valle di settimane di polemiche tra i belgradesi che hanno dato vita al Čas istorije (lezione di storia) e la societ che realizzer l’opera, la Delta Holding, uno storico dell’Olocausto serbo, Jovan Byford, alla rivista e-Novine. Da un lato, denunciano i cittadini, il progetto per la costruzione del centro commerciale non ha tenuto in considerazione l’importanza del luogo, gi in passato al centro di controversie a causa di errori nel riportare i fatti storici come accaddero ai tempi. Dall’altro, invece, il Delta Planet – come si chiamer l’area destinata a diventare la pi estesa della regione con un investimento da 200 milioni di euro – non rimuover la placca che ricorda le vittime dello sterminio, per la maggior parte ebrei e rom, nonostante nella brochure esplicativa non si trovi traccia della decorosa ubicazione prevista dal management.

Continua a leggere su ilfattoquotidiano.it

A.R.S. – Art Resistance Shoah: le opere che si trasformano in documenti e testimonianze storiche di olocausto e liberazione

Standard

A.R.S. - Art Resistance ShoahMargherita Fontanesi e Salvatore Trapani sono due storici dell’arte. La prima lavora per il museo emiliano Il Correggio e il secondo il corrispondente da Berlino del mensile Shalom. Insieme hanno dato vita al progetto A.R.S. – Art Resistance Shoah (link su Facebook) che presentano con queste parole:

Entrambi sensibili alle tematiche dell’antifascismo e della Shoah abbiamo maturato la convinzione dell’arte come documento e testimonianza storica importante e dunque quale potentissimo strumento educativo di lotta e denuncia attraverso cui veicolare i valori della libert, della pace, dell’uguaglianza, della dignit, del rispetto. Da qui l’idea di utilizzare la nostra formazione di storici e critici d’arte per un ampio progetto che si attesti come approfondimento formativo […], un progetto internazionale per la memoria della Shoah e della Resistenza attraverso le arti visive.

Un dei primi risultati sar un seminario che parli di opere create da sconosciuti sopravvissuti e da nomi noti come Renato Guttuso, Afro, Marino Mazzacurati, Remo Brindisi, Xavier Bueno, Georg Grosz, Otto Dix e Kthe Kollowitz. Tutti artisti che hanno trasformato il loro talento in “arte della libert”.

Inoltre su Facebook viene annunciato che fino al 10 febbraio sono esposti alla Ludoteca Piccolo Principe di Correggio i disegni originali di Sonia Maria Luce Possentini tratti dal libro Il volo di Sara (, 2012).

(Via Anpi Nazionale)

“A Film Unfinished”: un documento originale sulla propaganda nazista nel ghetto di Varsavia

Standard

Si intitola A Film Unfinished:

Alla fine della seconda guerra mondiale vennero scoperti 60 minuti di riprese finite poi nell’archivio della Germania orientale. Girato dai nazisti a Varsavia nel maggio 1942 e denominato semplicemente “Ghetto”, questo filmato diventato rapidamente una risorsa per gli storici alla ricerca di materiale originale sul ghetto polacco […]. A Film Unfinished presenta il materiale grezzo nella sua interezza, comprese le false annotazioni (inclusa una cena) che mostrano “la bella vita” che conducevano gli ebrei della citt, testimoniando la radicalit della propaganda cinematografica nazista […]. Si tratta dunque di un documento che testimonia alcuni aspetti del pi grande orrore di tutti i tempi e che presenta gli sforzi [per porsi] in una luce favorevole.

Qui qualche informazione sui filmmaker che hanno lavorato sul documentario che dallo scorso 18 agosto sta circolando nei teatri statunitensi.

Nel giorno della memoria, per conoscere e dunque ricordare

Standard

A volte, per sapere e dunque per ricordare, non occorre compiere chiss quali viaggi. Accade per esempio con il Prinsengracht 263 e per vedere qualcos’altro basta un click. Intanto, nel giorno della memoria, si provi a dare un’occhiata ad alcune riflessioni sui rischi degli stereotipi, per quanto possano essere involontari, e su chi cerca pace. E anche sulla memoria da trasformare in qualcosa di vivo.

Anna Frank: in rete l’unico video conosciuto che la ritrae

Standard

L’Anna Frank Museum non solo ne ha garantito l’autenticit, ma ho la pubblicato sul proprio sito. Si tratta dell’unico video al mondo di cui si conosca l’esistenza che ritrae la piccola vittima dell’olocausto. Scrive in proposito Ace of Spades HQ:

[Il filmato stato] girato nel luglio 1941 quando aveva dodici anni. Un anno dopo [Anna Frank] avrebbe iniziato a tenere il suo diaro e meno di tre anni pi tardi sarebbe deceduta nel campo di concentramento di Bergen-Belsen.