“Spiritus templi”: il romanzo di Paolo Negro che, dopo il caso Berlusconi, racconta un Medioevo che sembra una Blade Runner ante litteram

Standard

Spiritus TempliDi Paolo Negro si era scritto diverso tempo addietro, quando era uscito il volume Filmgate – Come Berlusconi ha ucciso il cinema italiano. Si trattava di un libro-intervista al produttore Silvio Sardi a proposito della compravendita di diritti televisivi da parte di Mediaset e Mediatrade. Adesso, invece, si lasciano gli ambiti della saggistica per passare a quelli del romanzo storico con Spiritus Templi (Arkana Editore), presentato oggi al Salone del libro di Torino.

L’ambientazione temporale quella del XIV secolo e il contesto di guerre – dichiarate o sottaciute – non solo di religione, ma soprattutto di saperi. Saperi che comprendono due manuali di navigazione verso la Costa di Dio, filosofia e teologia medievali, riferimenti all’architettura dell’epoca che portava alla costruzione delle grandi cattedrale europee, come Chartres e Notre Dame. Il tutto integrato con qualche immagine di mappe e disposizioni geografiche che corredano la parte iniziale del testo. Un testo che racconta di una fuga che anche un viaggio attraverso paesaggi sovrastati da un’atmosfera alla Blade Runner pi che ante litteram. Ma soprattutto un testo che risulta un condensato di storia e cultura affidate alla narrazione dei personaggi che ne discutono via via che le pagine scorrono.

Filmgate: come ti uccido un pezzo del cinema italiano. Storia di Gino Agostini e del suo Cidif

Standard

Domani di Maurizio ChiericiC’ una propaggine bolognese nella vicenda dei diritti cinematografici e televisivi finita sotto l’etichetta di processo Mediatrade, una delle pendenze giudiziarie a carico del presidente del consiglio dei ministri, Silvio Berlusconi. Si tratta della storia di Gino Agostini e del suo Consorzio Italiano Distributori Indipendenti Film (Cidif), finito ad anni Novanta tramontanti nelle fauci del fu Biscione e che ha segnato un pezzo dell’epopea del grande schermo italiano.

La vicenda viene rievocata in un recente libro pubblicato da Editori Riuniti, Filmgate – Come Berlusconi ha ucciso il cinema italiano, scritto dal giornalista Paolo Negro che ha intervistato il produttore cinematografico Silvio Sardi. Il quale un insider.

Filmgate di Paolo NegroUno che ha lavorato all’interno del sistema dell’entertainment berlusconiano, che aveva costanti rapporti di lavoro con Paolo Berlusconi e Marcello Dell’Utri e che ha pure giocato la carta dell’investimento sulla societ che editava l’edizione piemontese del “Giornale”. Senza dimenticare la ricerca di finanziamenti per sostenere le campagne elettorali dello schieramento di centrodestra. Con l’uscita di “Filmgate”, a inizio primavera 2011, Sarti stato convocato dai magistrati romani per essere ascoltato come testimone informato sui fatti e il libro stato acquisito agli atti della procura capitolina.
Continue reading

E ora il “Filmgate” sull’affaire Mediaset e Mediatrade si chiede di raccontarlo alla procura di Roma

Standard

Filmgate di Paolo NegroDa qualche giorno uscito per Editori Riuniti Filmgate – Come Berlusconi ha ucciso il cinema italiano, libro-intervista che il giornalista Paolo Negro ha scritto dialogando con il produttore Silvio Sardi a proposito della compravendita di diritti televisivi da parte di Mediaset e Mediatrade, oggetto di un processo. E oggi l’ufficio stampa della casa editrice ha diffuso un comunicato in cui fa sapere che Sardi, ai tempi un insider della vicenda, stato convocato dalla procura di Roma come persona informata sui fatto. Nella nota si legge infatti:

[Nel volume] si ricostruisce come quel meccanismo di aumento dei prezzi fosse stato “denunciato” proprio [dal produttore] a Paolo Berlusconi, Pier Silvio Berlusconi, Marcello Dell’Utri, Fedele Confalonieri, e all’allora top manager Mediaset Roberto Pace. E a tutti non solo furono ripetute le stesse cose, ma fu spiegato nei dettagli, chiarendo anche il ruolo che aveva il consulente Mediaset Daniele Lorenzano (chiamato in causa pi volte nel processo). Compaiono quindi documenti, lettere e numeri di contratti. Sardi, che per due anni circa fu anche azionista della societ collegata al Giornale per la pubblicazione dell’inserto piemontese del quotidiano, produttore di film come Honolulu Baby, racconta cos i meccanismi “che non rispondevano a nessuna logica di mercato”.

E soprattutto fa vedere i contratti di cessione dei diritti televisivi, in cui si dimostra come Mediaset prima rifiutasse di acquisire i diritti a prezzi di mercato e poi li acquistasse da societ diverse a prezzi quintuplicati. E ora i magistrati hanno convocato Silvio Sardi, che nei giorni scorsi stato vittima di minacce e atti di vandalismo, come “persona informata sui fatti”, alla fine del mese di marzo.

Per leggere ancora a proposito del libro, si veda qui.