“Spiritus templi”: il romanzo di Paolo Negro che, dopo il caso Berlusconi, racconta un Medioevo che sembra una Blade Runner ante litteram

Standard
Spread the love

Spiritus TempliDi Paolo Negro si era scritto diverso tempo addietro, quando era uscito il volume Filmgate – Come Berlusconi ha ucciso il cinema italiano. Si trattava di un libro-intervista al produttore Silvio Sardi a proposito della compravendita di diritti televisivi da parte di Mediaset e Mediatrade. Adesso, invece, si lasciano gli ambiti della saggistica per passare a quelli del romanzo storico con Spiritus Templi (Arkana Editore), presentato oggi al Salone del libro di Torino.

L’ambientazione temporale č quella del XIV secolo e il contesto di guerre – dichiarate o sottaciute – non solo di religione, ma soprattutto di saperi. Saperi che comprendono due manuali di navigazione verso la Costa di Dio, filosofia e teologia medievali, riferimenti all’architettura dell’epoca che portava alla costruzione delle grandi cattedrale europee, come Chartres e Notre Dame. Il tutto integrato con qualche immagine di mappe e disposizioni geografiche che corredano la parte iniziale del testo. Un testo che racconta di una fuga che č anche un viaggio attraverso paesaggi sovrastati da un’atmosfera alla Blade Runner pių che ante litteram. Ma soprattutto un testo che risulta un condensato di storia e cultura affidate alla narrazione dei personaggi che ne discutono via via che le pagine scorrono.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *