“Moby Prince: mistero irrisolto” di Luciano Scalettari e tutte quelle navi nel porto di Livorno

Standard

Traghetto Moby PrinceLuciano Scalettari, sul blog Voglio Scendere, interviene parlando del caso Moby Prince: mistero irrisolto:

Invece successe qualcosa di ben diverso: quella sera nel golfo di Livorno c’erano 7 navi militari e militarizzate americane che trasbordavano materiale bellico dalla base di Camp Derby (che come sappiamo la pi grande base americana in Europa). Ci fu una copertura di disturbo radio e poi ci furono una serie di altre imbarcazioni che si muovevano in questo piccolo braccio di mare, navi fantasma, alcune delle quali mai identificate. In questo traffico incredibile, alle 22,27 il traghetto Moby Prince entr proprio in una delle cisterne dell’Agip Abruzzo, una gigantesca petroliera illuminatissima. La cascata di liquido infiammabile che ne usc e che invest il traghetto provoc un incendio, poi le due navi si staccarono. La Moby Prince vag per tutta la notte senza che nessuno andasse a soccorrere gli eventuali sopravvissuti. Fu recuperata, portata in porto e le prime persone di soccorso che salirono a bordo del Moby Prince, vi salirono verso le 13 del giorno successivo. Troppo tardi.

Un documento interessante da leggere in proposito la richiesta di riapertura del procedimento penale [pdf, 360 KB] presentata l’11 ottobre 2006 dall’avvocato Carlo Palermo. E leggere anche il libro 1994 – L’anno che ha cambiato l’Italia (Chiarelettere, 2010) scritto, oltre che dallo stesso Scalettari, anche da Luigi Grimaldi.

Le “capre di guerra” di Jon Ronson si sono fatte pellicola

Standard

Prima s’era parlato del libro e poi del film che ne sarebbe stato tratto. Si tratta di The Men Who Stare At Goats (Capre di guerra in italiano), scritto dal giornalista inglese Jon Ronson. Questo l’argomento:

Le storie raccontate in questo volume sembrano uscite da una sceneggiatura ai confini della realt. La collocazione del libro quella di unAmerica post-11 settembre in cui le torture di Abu Graib possono essere spacciate per episodi tragicomici attraverso cui distendere le truppe e dove va trovato un nuovo approccio al combattimento per non risentire pi delle conseguenze dellorrore stile Vietnam. E cos iniziano a farsi strada nelle alte gerarchie militari teorie estreme portate avanti da un pugno di gerarchi tra cui il tenente colonnello Jim Channon. Secondo il quale, sul campo di battaglia, sarebbe meglio ricorrere a mutanti, suoni discordanti e armi psico-elettriche contro il nemico. Roba da fantascienza da due soldi? Mica tanto a leggere le testimonianze che Ronson ha raccolto nel giro di qualche anno. La storia di questa unit, il First Earth Battalion, risalirebbe al 1979 quando venne messa insieme una squadra che doveva trovare il modo di rendere i soldati invisibili, farli passare attraverso i muri e uccidere senza muovere un dito. Alcune di queste tecniche quelle meno insofferenti verso le leggi della fisica sarebbero oggi utilizzate in Iraq dove i prigionieri vengono fatti impazzire a suon di avventure dei Flinstones o negli stessi Stati Uniti dove suicidi di massa, come quello di San Diego del marzo 1997, sarebbero stati indotti.

Per quanto riguarda il film, annunciato nel maggio 2008 e girato da Grant Heslov, uscir il prossimo novembre e per raccontare questa “storia ispirata a una vicenda realmente accaduta” si scelta la chiave della commedia nera, che probabilmente la migliore per rendere accadimenti cos strani. Per vedere i trailer in diversi formati si veda qui e qui mentre su IMDB c’ la scheda che illustra i dettagli della produzione.