“Walter Koessler Project”: su Tumblr oltre 700 scatti inediti dalle trincee tedesche della prima guerra mondiale

Standard

Walter Koessler Project

Una serie di foto inedite dalle trincee tedesche della prima guerra mondiale. il Walter Koessler Project, dal nome del bisnonno di Dean Putney, che fu un fotografo indipendente che viveva in Germania e che and a vivere a Los Angeles dopo la fine del conflitto. Nell’album sopravvissuto al tempo e in via di digitalizzazione da parte del bisnipote sono sopravvissuti oltre 700 scatti finora mai pubblicati.

Walter Koessler Project

(Via BoingBoing)

Propaganda bellica ai tempi della prima guerra mondiale: online i manifesti britannici dell’Imperial war museum

Standard

1914-1918: recruiting posters

Il periodo quello del primo conflitto mondiale e la nazione la Gran Bretagna. Che cercava sudditi da arruolare nella Grande Guerra con una serie di manifesti che sono stati digitalizzati dall’Imperial war museum di Londra e radunati da Retronaut. In particolare passando per il ruolo delle pi giovani tra le cittadine di Sua Maest, la sollecitazione era: “Non provare piet per una ragazza sola, il suo ragazzo probabilmente un soldato che sta lottando per s e per il suo Paese. E per te. Arruolati nell’esercito oggi stesso”.

La storia a fumetti di una guerra di trincea firmata da Jacques Tardi

Standard

It Was the War of the Trenches

It Was the War of the Trenches, romanzo a fumetti appena pubblicato in inglese da Fantagraphics Books e scritto da Jacques Tardi (qui la sua scheda su Wikipedia), autore che al primo conflitto mondiale ha dedicato altre opere. Adottando un’ottica specifica:

A Tardi non interessano le politiche nazionali, le strategie o le battaglie. Come Remarque si concentra sui lamenti quotidiani delle trincee e sulla necessit di controllare furori e disgusto […]. Inoltre si addentra profondamente nelle cause alla base di quel conflitto, nella pazzia, nel cinico sfruttamento del patriottismo. Infine, in una chiusura straziante, dettaglia con accanimento il terribile costo umano della guerra e traccia i contorni dei futuri conflitti del XX secolo che sembrano scaturire da una forma dilagante di follia globale.

Da qui si possono scaricare dieci pagine del libro in formato pdf (3,1 MB) mentre sul sito dell’editore sono a disposizione slideshow e schede di dettaglio.

(Via BoingBoing)

Online (e liberi) gli archivi fotografici canadesi della prima guerra mondiale

Standard

Canadian General Hospital

Dopo l’Australian War Memorial (con relativo set Flickr) e L’indipendent con le sue trecento fotografie di cui si era parlato tempo addietro, la volta (a dire la verit, lo dal 2008) dei Library and Archives Canada – Bibliothque et Archives Canada (LAC/BAC) di mettere a disposizione in rete il proprio patrimonio di immagini (sempre su Flickr) risalenti agli anni della prima guerra mondiale. In questo caso, a differenza dei precedenti citati, non si vuole tanto dare un nome agli sconosciuti che vi sono ritratti, ma presentare un archivio finora non ancora disponibile e descritto con queste parole:

L’obiettivo del progetto quello di esplorare nuovi fronti per migliorare l’accesso e accrescere l’interazione con il patrimonio documentario canadese. Il LAC/BAC entusiasta delle possibilit che le comunit sociali di condivisione dei contenuti multimediali offrono ai canadesi di discutere e di contestualizzare un’importante selezione della nostra storia collettiva.

Peraltro, anche per questo archivio, stata scelta una licenza Creative Commons.

Australian War Memorial: dare un nome a volti di un passato in guerra

Standard

Who is in this photograph - Australian War Memorial

(Clicca qui per ingrandire l’immagine e qui per andare al set su Flickr)

Da Who is in this photograph?:

Queste immagini fanno parte della collezione dell’Australian War Memorial. Mostrano persone che hanno combattutto durante la prima e la seconda guerra mondiale e nella guerra di Corea. Della maggior parte non ne conosciamo il nome e speriamo che possiate aiutarci a identificarle. Tutte queste fotografie possono essere viste nella galleria sul nostro sito. Fanno inoltre parte di The Commons su Flickr.

Da vedere anche le altre foto della Australian War Memorial Collection: pezzi di storia in bianco e nero suddividi in diversi set.

Scatti dalla Grande Guerra: e ora si cerca di ricostruirne la storia su web

Standard

Foto dalla prima guerra mondialeIl quotidiano inglese The Indipendent pubblica un’esclusiva che arriva dagli anni della prima guerra mondiale: quasi trecento fotografie scattate a Warloy-Baillon, in Francia, probabilmente da un amatore e ritrovate poco tempo fa. Nel lungo articolo che accompagna le immagini, si racconta che probabilmente quello fu l’ultimo scatto per la maggior parte di loro: a una quindicina di chilometri dal paese, che si trova nel dipartimento della Somme, c’era il fronte che vedeva i soldati di alcune nazioni della Triplice Intesa contrapporsi agli eserciti degli imperi centrali. Una linea di fuoco che nel giro di pochi mesi – dal luglio al novembre 1916 – caus un milione di morti tra i diversi schieramenti.

Le immagini sono state conservate da due abitanti della Somme: Bernard Gardin, sessantenne con la passione per la fotografia, e Dominique Zanardi, un ristoratore della zona. I quali, ritrovate per caso le lastre, le hanno fatte restaurare e ne hanno fatto una copia digitale. Ma non hanno molte delle risposte alle domande che quelle fotografie hanno sollecitato. Neanche dopo che sono state sottoposte all’analisi di storici specializzati in quel periodo. Per esempio non si sa come si chiamasse nessuno degli uomini ritratti, sono tutti sconosciuti, e altrettanto sconosciuti sono i civili che in alcuni casi compaiono accanto a loro: bambini, a volte, oppure donne dallo sguardo intimidito. E cos un redattore del giornale britannico, Jack Riley, si rivolto ai lettori e alla rete per chiedere aiuto nel ricostruire la storia delle fotografie e dei suoi personaggi.