A Bologna “Una cittā per gli archivi” diventa realtā: online i documenti dei primi 55 fondi documentali. Entro l’anno saranno 200 mila

Standard

Una citta' per gli archivi

Di Una cittā per gli archivi se n’era giā parlato tempo fa, quando era stata annunciata. Adesso il progetto, che mira a inventariare, restaurare e sistemare in ambienti idonei circa 150 fondi documentali pubblici e privati mettendoli a disposizione in rete, diventa realtā con “la pubblicazione delle centinaia di schede descrittive relative a 55 archivi e delle riproduzioni digitali di una parte consistente della loro documentazione”. Un’occhiata la si puō dare consultanto l’elenco alfabetico degli archivi. Inoltre, nei prossimi mesi, č prevista la messa online di nuovo materiale fino a raggiungere i 200 mila documenti. Intanto, sulla strage di Ustica, sono consultabili due mostre virtuali: la prima raccoglie materiale rinvenuto negli archivi di Daria Bonfietti e dell’Associazione vittime mentre la seconda č un percorso iconografico che si dipana nei manifesti del gruppo che riunisce i parenti.