“Un orsacchiotto con le batterie”: un libro e un blog per mantenere viva la memoria sulla strage di via D’Amelio del 19 luglio 1992

Standard
Spread the love

Un orsacchiotto con le batterieNel giorno del ventesimo anniversario della strage di via D’Amelio in cui vennero uccisi il giudice Paolo Borsellino e gli agenti della scorta Emanuela Loi, Agostino Catalano, Vincenzo Li Muli, Walter Eddie Cosina e Claudio Traina, c’è un libro che merita di essere segnalato. Si intitola Un orsacchiotto con le batterie – Il depistaggio sulla strage di via d’Amelio (Round Robin Editrice), è stato scritto da Elena Invernizzi e Stefano Paolocci e questa la sua sinossi:

Palermo, domenica pomeriggio, cento secondi alle cinque: il sismografo dell’osservatorio geofisico ha un sussulto, mentre fuori già si alza una lama di fumo nero. Vent’anni dopo, un uomo guarda la sua città dalla finestra, assaporando l’aroma persistente di una sigaretta. Sulla scrivania il minuzioso lavoro di ricostruzione che sta portando a termine: la mappa di un depistaggio lungo due decenni attorno alla strage di via D’Amelio.

In un gioco di pesi e contrappesi saranno le voci dei pentiti a dominare la scena: quella dell'”orsacchiotto con le batterie” Vincenzo Scarantino in primis, sulle cui dichiarazioni verranno istruiti i processi; e quella di Gaspare Spatuzza poi, il collaboratore che ha rimesso in discussione le sicurezze acquisite in tanti anni di indagine. Una ricerca di verità e giustizia che condurrà il protagonista a muoversi tra mille piste e sentieri intricati, sino a culminare in un incontro che, alla fine, gli regalerà una nuova prospettiva sulla strage, aiutandolo a mitigare il senso di sconcerto e impotenza.

Per il libro e perché la memoria di questa vicenda rimanga viva, è stato creato anche un blog ad hoc.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *