“Crimini di guerra”: Vanguard racconta la storia dei militari affetti da sindrome post-traumatica

Standard

L’altra faccia dei crimini di guerra, raccontata da Vanguard:

Il nostro inviato Kaj Larsen indaga sull’allarmante crescita del numero di soldati affetti da sindrome post-traumatica in seguito alle missioni svolte all’estero.

E il risvolto sono gli episodi di violenza provocati da alcune delle persone per le quali stata formulata una diagnosi di PTSD. Che, stando alle stime, riguarderebbe un terzo degli oltre due milioni di militari che hanno partecipato a conflitti.

Vanguard racconta in un’inchiesta video l’Italia a mano armata

Standard

Vanguard merita di essere seguito per le inchieste video che pubblica. A partire da oggi, sar disponibile Italia a mano armata (sopra un’anteprima), presentato in questi termini da SkyTg24:

In Italia sono quasi un milione le persone autorizzate a vario titolo a detenere armi da fuoco, un universo quasi invisibile che tiene in vita un giro d’affari di circa due miliardi di euro l’anno. C’ chi vuole un’arma perch ha paura, c’ chi la considera solo un attrezzo sportivo, c’ chi ogni domenica indossa la mimetica e va a sparare in poligoni nascosti in cave abbandonate. Con l’aiuto di microcamere nascoste gli inviati Vanguard catturano immagini inaspettate di poligoni dove cittadini comuni si addestrano con tecniche paramilitari, di Fiere delle Armi nel Nord Italia dove tra i 40mila visitatori tanti sono bambini “perch – come dice una signora intercettata dai microfoni di Current – bisogna abituare i bambini alla guerra!”. Ed proprio qui al confine tra l’esigenza di sicurezza e la voglia di giocare alla guerra che, secondo criminologi, psicologi e esperti del settore intervistati da Current, trovano terreno fertile casi come quello di Angelo Spagnoli, l’ex comandante dell’esercito che nel 2007 ha sparato sui passanti dal balcone di casa sua a Guidonia, vicino Roma, uccidendone due.