Rapido 904: mentre si apre il processo a Riina, arriva documentario in crowdfunding sulla strage di Natale

Standard

Mentre si apre oggi a Firenze il processo a Tot Riina, imputato come mandante della strage del Rapido 904 (23 dicembre 1984), ecco un articolo di Redattore Sociale sul documentario in crowdfunding dedicato alla la strage di Natale.

MAFIE. “LA STRAGE DI NATALE”: DOPO 30 ANNI TORNANO LE VOCI DEL RAPIDO 904

Il 23 dicembre 1984 una bomba piazzata dalla mafia distrusse il treno Napoli-Milano mentre passava sotto la galleria pi lunga d’Italia: morirono 16 persone. Un documentario di Martino Lombezzi torna a raccontare l’episodio. Lanciato crowdfunding per ultimare il lavoro (RED.SOC.) “Mi ricordo solo il fuoco che entrava dai finestrini rotti. Non capivamo se avevamo avuto un incidente, se ci eravamo scontrati con un altro treno. Poi dopo un bel po’ il treno riesce a fermarsi e ovviamente nel buio ci siamo catapultati, senza pensare che dall’altro lato potesse arrivare un altro treno. E ci siamo buttati dalle porte sventrate. E l poi c’era questo capotreno, che ci urlava di non scendere e di stare attenti perch sui binari c’erano pezzi di corpi.”
Continue reading

Su Redattore Sociale gli scatti di Franco Guardascione, quattro anni di reportage negli Opg italiani

Standard

Fotoreportage dagli Opg di Franco Guardascione

Su Redattore Sociale stata pubblicata la galleria fotografica con gli scatti di Franco Guardascione realizzati nei quattro anni di reportage all’interno degli ospedali psichiatrici giudiziari italiani:

“Ho avuto lunghe ore di dialogo con tanti internati, parole che mi svuotavano, demolivano certezze, arricchendomi con altre ignote fino a quel momento, facendomi tornare a casa stanco e commosso. Le foto sono venute fuori naturalmente, senza forzature e senza far subire stress alle persone, con le quali sono quasi sempre riuscito ad avere rapporti di primitiva amicizia che, a lavoro concluso, sono sfociati in saluti e abbracci con la consapevolezza che non ci saremo pi rivisti che mi ha lasciato in bocca un amaro sapore metallico”. Cos l’autore definisce il suo viaggio all’interno di queste realt. Le immagini esposte a Firenze dal 12 al 19 aprile presso la sede del Consiglio regionale della Toscana raccontano la situazione delle persone internate non solo sul piano del disagio materiale, ma soprattutto dal punto di vista umano.

Per consultare l’intera galleria di veda qui.