I Siciliani Giovani: voto di scambio, dall’origine dell’articolo 416 ter alle discrasie attuali con il 416 bis

Standard

I siciliani giovani

Il voto di scambio Ŕ una pratica le cui origini vanno rintracciate andando indietro nel tempo. Tanto indietro da tornare almeno agli anni Cinquanta quando, in vista di appuntamenti elettorali, venivano distribuite “ratealmente” alla povera gente metÓ banconota o una scarpa prima della votazione e l’altra metÓ o l’altra scarpa dopo, a risultato ottenuto. Ma per comprendere l’attuale iter del testo che Ŕ rimbalzato tra le due Camere del Parlamento per la modifica dell’articolo 416 ter del codice penale occorre avvicinarsi nei decenni e andare in Calabria.

Il racconto di come Ŕ nato – ed Ŕ stato deformato – quel testo per come Ŕ stato in vigore prima della recentissima revisione Ŕ contenuto fra l’altro in un’audizione della Commissione Antimafia, presieduta ai tempi da Luciano Violante. A essere ascoltato Ŕ un magistrato, Agostino Cordova, allora a capo della Procura di Palmi, che alla vigilia delle elezioni politiche del 1992 aveva avviato un’inchiesta disponendo 180 perquisizioni che portarono a 136 indagati. Perquisizioni a cui se ne aggiunsero contestualmente altre 120 da parte della procura di Locri che era stata informata da Cordova della sua iniziativa. A seguito di esse venne trovato materiale elettorale di numerosi candidati appartenenti a svariati partiti nella disponibilitÓ di soggetti indicati quali presunti affiliati a organizzazioni della criminalitÓ organizzata.

Continua a leggere su I Siciliani Giovani