“Mafia da legare”: quando e come a cosa nostra convenuto simulare la malattia mentale

Standard
Spread the love

Mafia da legareUn altro libro che si preannuncia interessante, questa volta appena uscito per la casa editrice Sperling & Kupfer. Si tratta di Mafia da legare – Pazzi sanguinari, matti per convenienza, finte perizie, vere malattie: come Cosa Nostra usa la follia dello psichiatra Corrado De Rosa e della giornalista Laura Galesi:

Nel codice d’onore di cosa nostra non c’ spazio per la follia. Il mafioso si comporta in modo irreprensibile nella vita privata e in quella pubblica, ascolta, tutto sa, agisce nell’ombra, non perde mai il controllo. Per lui “pazzo” un insulto, un’arma per delegittimare un delatore o attaccare chi diventato troppo scomodo. Il boss un uomo tutto d’un pezzo, o almeno cos si dipinge.

Eppure, in molti casi, pronto a trasformarsi, per convenienza, in un matto da manuale: un comodo ed efficace escamotage per arrivare alla villeggiatura del manicomio giudiziario o, addirittura, degli arresti domiciliari evitando cos il carcere duro e magari anche il processo. Mafia da legare il primo libro che raccoglie e analizza le varie forme di “follia”, a volte vera, molto spesso presunta, che hanno colpito Cosa Nostra. Da quella usata per screditare nemici e traditori a quella simulata che salva dalla prigione, fino alla psicopatia reale e feroce dei criminali sanguinari. Non solo: non c’ follia se non c’ nessuno che “ci crede”.

Del volume ne disponibile anche la versione Kindle.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *