Xaaraan – Il blog di Antonella Beccaria

Non credo nelle otto del mattino. Però esistono. Le otto del mattino
sono l'incontrovertibile prova della presenza del male nel mondo
Gli ultimi giorni, Andrew Masterson


The Lively Morgue

Si intitola The Lively Morgue ed è un’iniziativa del New York Times. Si tratta di uno spazio Tumblr dove il quotidiano statunitense pubblicherà le sue immagini d’archivio. Nella presentazione dell’iniziativa si scrive:

Se pubblicassimo dieci fotografie ogni giorno della settimana su Tumblr, andremmo avanti fino al 3935. Sarebbe un po’ troppo ambizioso e così ne metteremo online un po’ con cadenza settimanale. Alcune saranno acquistabili mentre altre saranno accompagnate da storie più articolare su Lens Blog. Così facendo digitalizzeremo a poco a poco almeno la punta dell’iceberg di un enorme tesoro di cui in futuro saranno garantite l’utilità e l’accessibilità.

(Via Neatorama)

Shadows of PhotographyBreve storia degli inganni fotografici: è un articolo con relativa galleria pubblicati dal New York Times. A firmarlo è Larry Rohter che recensisce il libro Shadows of Photography di José Manuel Susperregui, un ricercatore che sembra destinato a sollevare qualche dibattito. Infatti, partendo dalla ripresa che fa del libro Exibart:

il docente del dipartimento di comunicazione audiovisiva dell’Universidad del País Vasco, si dice certo di poter documentare che l’immagine del miliziano Federico Borrell Garcia morente sia stata realizzata a Llano de Banda, una zona di campagna vicino al piccolo villaggio di Espejo, Spagna del sud, circa 25 miglia da Cerro Muriano e quindi lontano dal fronte di guerra, dove invece la storiografia colloca la scena.

  • 1 commento
  • Scritto per scatti
  • Unknown SoldierSu Internazionale viene segnalata la guerra dei bambini soldato in un libro a fumetti:

    Non sono molti i libri a fumetti che vengono stampati con un glossario, scrive il New York Times. Ma non sono neppure molti i libri a fumetti recensiti sul New York Times. È il caso di Unknown Soldier. La nuova serie, scritta da Joshua Dysart e disegnata da Alberto Ponticelli, raccoglie l’eredità della saga della DC Comics Universe e l’ambienta in Uganda i nostri giorni.

    Il protagonista è un medico ugandese, Moses Lwanga, che torna nel suo paese devastato dalla guerra civile e deve affrontare il dramma dei bambini soldato, delle bambine ridotte in schiavitù e della crudeltà dei gruppi armati. L’undicesimo capitolo della saga, pubblicata da Vertigo, uscirà il 26 agosto negli Stati Uniti, insieme alla raccolta delle prime sei puntate. Per un prodotto ritenuto inizialmente di nicchia, le 7.500 copie vendute a giugno fanno ben sperare.

    Qui il sito dedicato al fumetto, qui invece la scheda della serie e qui la pagina su Amazon. Infine una lunga recensione si può leggere su Peacereporter. Intanto, per vedere cinque tavole a titolo di anteprima, si vada su Newsarama.

  • 2 commenti
  • Scritto per fumetti, guerra
  • Wikileaks affair


    A (s)proposito


    Foto Carlo Beccaria
    Per scrivermi, l'indirizzo è
    antonella[at]beccaria.org

    Sottoscrivi i feed RSS Inviami una mail Ascolta i miei podcast Seguimi su Flickr
    Seguimi su Twitter Seguimi su FriendFeed Seguimi su Facebook Seguimi su Scrive.it

    Arcoris.tv

    IRPI - Investigative Reporting Project Italy

    Su Radio Città del Capo



    In libreria


    PhotoStream

    In lettura


    La spia che cambio' il mondo

    La spia che cambiò il mondo
    di Mike Rossiter
    Mondadori

    Ultime letture


    ADV



    Text Link Ads



    Licenze sui contenuti

    Creative Commons License
    I contenuti di questo blog, laddove non diversamente specificato, sono rilasciati con Licenza Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Condividi allo stesso modo 2.5 Italia

    Da Twitter


    Ultimi commenti

    Categorie

    Archivio


    Credits

    Copyleft © - "Xaaraan – Il blog di Antonella Beccaria" è realizzato con WordPress ed è ospitato da Carlo Beccaria. Il tema Illacrimo è stato creato da Design Disease e LifeSpy. La personalizzazione è opera di Claudio Cicali.