Morire al Cairo: Giulio Regeni e i desaparecidos in Egitto, “carcere a cielo aperto”

Standard

Morire al Cairo

Tante domande, alla ricerca di risposte. Questo Morire al Cairo. I misteri dell’uccisione di Giulio Regeni che esce oggi, luned 29 agosto, per Castelvecchi editore (collana Stato di eccezione):

Quando Giulio Regeni viene trovato morto, in una mattina di inizio febbraio, subito evidente che molti conti non tornano. Chi ha fatto scomparire il giovane studioso? Perch stato torturato? Qual il coinvolgimento dello Stato egiziano? Il passare dei giorni non contribuisce a creare chiarezza, anzi fortissima la sensazione di trovarsi di fronte a spiegazioni di comodo. Dove sta la verit? Chi era Regeni, di che cosa si stava occupando in Egitto? Che rapporto ha la sua uccisione con altre violazioni dei diritti umani perpetrate nel Paese?

Peacereporter: Afghanistan, l’Abu Ghraib italiana

Standard

Afghanistan, l'Abu Ghraib italiana

Peacereporter racconta questa storia: Afghanistan, l’Abu Ghraib italiana affermando tra l’altro che:

Belle parole, drammaticamente in contrasto con la realt denunciata da un rapporto dell’Onu, che descrive le sistematiche torture inflitte ai detenuti da parte degli agenti dei servizi segreti afghani, il National directorate of security (Nds). Il rapporto parla di “un approccio alla tortura altamente organizzato”, secondo una procedura standard riferita da almeno dodici prigionieri.

Continua qui.

Genocidio, crimine impunito? Se ne parla a Ca’ Foscari in un workshop per il Giorno della Memoria

Standard

Genocidio crimine impunito

Dunque, le coordinate del convegno per il Giorno nella Memoria (organizzato dall’Associazione Olokaustos e dal Centro interdipartimentale di ricerca sui diritti dell’uomo) sono riportate sopra e si pu aggiungere che parteciperanno Amnesty International Venezia, Deportate esuli e profughe (Dep, rivista telematica di studi sulla memoria femminile) e Fondazione Venezia per la ricerca sulla pace. Il programma dettagliato invece riportato sotto:

Genocidio crimine impunito - Il programma

Power to the poster: da Adbusters un progetto per diritti umani e ambiente

Standard

Power To The Poster

Il potere ai poster. Si intitola cos un progetto lanciato dagli attivisti canadesi della rivista elettronica Adbusters. Con quale scopo? Lo racconta L’Internazionale:

L’idea quella di liberare l’immaginario collettivo dagli stereotipi di cui ricco e lanciare delle campagne di comunicazione per sostenere le grandi cause come i diritti umani e la difesa dell’ambiente. Il tutto attraverso un design gratuito e libero dall’idea di profitto. Sul sito della campagna possibile scaricare gratuitamente decine di poster, pronti per essere stampati e attaccati sui muri, in casa o nelle strade.

Le istruzioni per partecipare sono qui.