Aldo Giannuli e il racconto di una tradizione italiana, il dossieraggio a uso privato

Standard

Aldo Giannuli racconta sul suo blog di una “tradizione” (“un pezzo di identitÓ nazionale, metÓ fra storia e folklore, come la pastasciutta, Va pensiero e la mamma”) a cui l’Italia sembra tenere molto, il dossieraggio a uso privato. E ne fa un po’ di storia:

Il generale De Lorenzo si difese davanti alla commissione parlamentare di inchiesta sul Sifar dicendo: “La pratica dei dossier non l’ho inventata io, quando arrivai alla guida del Sifar, essa giÓ c’era”. Infatti, se Ŕ con Giolitti che inizia la schedatura sistematica degli oppositori con il Casellario Politico Centrale, con Mussolini nasce la prassi di schedare le massime autoritÓ dello Stato.

Aggiungendo una particolaritÓ:

Il nostro Ŕ un dossieraggio democratico: mica solo spionaggio del governo contro l’opposizione, ma anche nei confronti dei colleghi di governo. Tutti schedati, tutti a rischio sputtanamento. La prassi raggiunse livelli di arte sopraffina con la guerra fra i vari potentati Dc dal 1953 in poi.

Per ripercorrerla, la storia di questa tradizione, ricostruisce il caso Montesi e poi si inoltra nello zelo che dimostr˛ il generale Giovanni De Lorenzo. Il post di Giannuli continua qui.