Agostino Cordova: per un dibattito politico, ancora su legge elettorale, parlamento, incostituzionalità e Consulta

Standard
Spread the love

Il dottor Agostino Cordova, ex procuratore capo a Palmi, mi invia questo testo, evoluzione di un nostro dialogo pubblicato poche settimane fa nell’area blog del FattoQuotidiano.it. Sull’incostituzionalità della legge elettorale meglio nota come Porcellum, è poi giunta una novità targata M5S, per quanto dal Movimento la questione sollevata da Cordova sia affrontata solo incidentalmente e l’esposto grillino si concentri più sul più sul patto del Nazareno. E adesso il magistrato calabrese propone qualche ulteriore considerazione.

Ho letto sulla stampa dell’11 novembre scorso che un deputato del M5S ha presentato denunzia alla procura di Roma perché la Corte Costituzionale, pur avendo annullato l’abolizione del voto di preferenza, non ha dichiarato la illegittimità del parlamento così eletto. Senza entrare minimamente nel merito di tale eclatante iniziativa e sui generici elementi indicati, faccio presente che sin dal 2006 avevo più volte inutilmente rilevato sulla stampa l’incostituzionalità dell’abolizione con legge ordinaria del voto di preferenza di cui agli art. 56 e 58 Cost., secondo cui i parlamentari dovevano essere eletti con suffragio diretto, e non prescelti dai partiti.

Solo nel 2009 è stata adita la magistratura e solo nel dicembre 2013-gennaio 2014 la Consulta ha dichiarato incostituzionale tale modifica, ma ha escluso che ciò incidesse sulla validità del parlamento, in quanto una volta proclamato sarebbe durato per tutta la legislatura, altrimenti si sarebbe creato un vuoto legislativo. Pur nel dovuto rispetto nei confronti della Consulta, e potendo ex art. 21 Cost. chiunque manifestare liberamente il proprio pensiero, avevo prospettato, in eventuale alternativa, la possibilità che altri dessero una diversa interpretazione, in quanto la proclamazione non costituirebbe una sanatoria dell’irregolarità, e non era prevista come tale dalla Costituzione, per cui proclamare un parlamento eletto incostituzionalmente sarebbe stato a sua volta incostituzionale.

Ma, in concreto, vero è che se l’incostituzionalità fosse stata dichiarata prima della scadenza della legislatura in corso nel 2005, la nuova sarebbe stata eletta rettamente per l’automatico ripristino della normativa abrogata; e se dichiarata subito dopo, il parlamento poteva essere sciolto, prorogando le funzioni di quello precedente ex art. 61 Cost. fino alle nuove elezioni. Ma la sentenza d’incostituzionalità è giunta dopo oltre 8 anni, e ciò non era più possibile: quindi, l’eventuale alternativa alla decisione della Consulta potrebbe ravvisarsi non nella legittimità, una volta proclamato, del parlamento eletto incostituzionalmente, ma nel fatto che, per la mancanza di una normativa costituzionale che prevedesse tale caso, si sarebbe verificato il dedotto vuoto legislativo, che la Consulta ha comunque rilevato sia pure con diversa motivazione, per cui oramai l’unico rimedio possibile per gli astratti oppositori sarebbe quello che, dopo le nuove elezioni, il parlamento abrogasse tutte le leggi e i provvedimenti emanati dai due precedenti e non condivisi, e confermasse quelli condivisi.

E l’altro interrogativo che potrebbero porsi i taciturni maestri del diritto sarebbe quello sull’opportunità che gli attuali parlamentari si fossero dimessi spontaneamente in quanto eletti incostituzionalmente, ed andare subito a nuove elezioni. Comunque resta il fatto obiettivo ed indiscutibile che attualmente siamo governati da un parlamento eletto irregolarmente, e che lo Stato da democratico si è trasformato in partitocratico. E, facendo una paradossale ipotesi, se l’attuale parlamento, tra le tante riforme programmate, abolisse nuovamente il voto di preferenza, questa volta non con legge ordinaria, ma costituzionale? Incostituzionalità della Costituzione? Inoltre, ci sarebbe da domandarsi perché i vari oppositori non promuovono ex art. 75 Cost. referendum abrogativi per ciascuna legge emanata da tali Parlamenti? Ma è meglio che mi fermi qui: non vorrei che, dopo essere divenuto incompatibile con Napoli lo diventi con l‘Italia tutta, costringedomi a chiedere asilo politico all’estero…

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *