Ius sanguinis: la Calabria delle donne raccontata da Paola Bottero

Standard
Spread the love

Ius SanguinisCittà del sole è una casa editrice che mi piace perché è coraggiosa. È coraggiosa perché è piccola, perché pubblica libri di denuncia (come questo e questo) e perché lo fa in una terra non facile, la Calabria. Lo dimostra ancora una volta con un nuovo volume, Ius Sanguinis di Paola Bottero il cui sottotitolo, “rabbia, impotenza e speranza nella punta dello stivale”, aggiunge già qualche elemento ulteriore sui suoi contenuti. Va detto poi che questo libro è un corpus che si compone di quattro vicende di donne che, per versi differenti, finiscono per impattare contro una mentalità e una realtà scandite da sessismo e omertà. Infatti:

Alice è una sedicenne di Reggio Calabria costretta a confrontarsi con la violenza cieca e ignorante del suo ex fidanzato. Roberta è la sorella di Gianluca Congiusta, imprenditore trantaduenne ucciso dalla ‘ndrangheta a Siderno, nella Locride. Federica Monteleone è la ragazzina ricoverata nell’ospedale di Vibo Valentia per una banale operazione di appendicite e morta per anossia cerebrale. Lisa rappresenta le domande, le risposte, la rassegnazione. O forse la scelta consapevole del baratto: il silenzio in cambio di piccoli privilegi. Un romanzo al femminile, immerso in una cultura maschile e maschilista. Un romanzo della rabbia e della speranza, ritratto di una Calabria folle e sanguigna, ma animata ancora dalla forza di chi ha imparato a non arrendersi.

Accanto al libro sono stati creati anche un sito e un blog dove l’autrice ha iniziato a tenere traccia delle reazioni e delle osservazioni dei lettori.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *