Dal Fatto Quotidiano: Sant’Anna di Stazzema, le voci delle vittime da “ascoltare” per affrontare il presente

Standard

Le stragi della vergognaOggi un giorno particolare. Per scovarne il motivo, la memoria deve tornare indietro di 70 anni, al 12 agosto 1944, quando i tedeschi della 16ma SS-Panzergrenadier-Division Reichsfhrer SS e i loro italianissimi collaboratori fascisti fucilarono 560 persone – di cui 130 bambini – a Sant’Anna di Stazzema per emularsi nei giorni successivi via via che raggiungevano le localit limitrofe. Moltissimo tempo dopo – correva gi da qualche anno il primo secolo del nuovo millennio – uno scampato a un’altra strage disse a un avvocato: “Vedi quel fiore, senti il suo profumo? […] Avevo sei anni quando vidi uccidere la mia famiglia. Spararono anche a me ma, non so come, sono sopravvissuto. Sono rimasto per dentro un rovo di spine ed solo raccontandotelo che posso uscire dal ricordo”.

Alle vittime – 15 mila – degli eccidi nazi-fascisti del biennio 1943-1944 a lungo stata negata la verit. Lo si fatto addirittura inventando una formula giudiziaria che nell’ordinamento italiano – militare o civile che fosse – non esisteva, quella dell'”archiviazione provvisoria” che faceva il paio con la “secretazione” della verit su quanto accadde in quegli ultimi anni della seconda guerra mondiale. I fascicoli d’indagine che si sarebbe voluto soffocare, zittire forse per sempre, erano 695, nutriti da centinaia di faldoni e a loro volta composti da talmente tanti documenti da sembrare impossibili da contare. Tutti insieme – fascicoli, faldoni e documenti – sono stati chiusi nell'”armadio della vergogna”, le cui ante si sono dischiuse solo nel 1994 in una stanza del romano palazzo Cesi-Gaddi.

Continua a leggere sul FattoQuotidiano.it

L’eccidio di Sant’Anna di Stazzema a 67 anni di distanza: un reportage di Saverio Tommasi

Standard

Saverio Tommasi ricorda (giustamente) che il 12 agosto 1944 si compiva l’eccidio nazifascista di Sant’Anna di Stazzema, in provincia di Lucca. E proprio per rievocare questo fatto, giudicato crimine contro l’umanit, Tommasi ha realizzato un reportage in cui intervista uno degli ultimi sopravvissuti, Ennio Mancini. I video dell’inchiesta sono suddivisi in capitoli (il primo riportato in testa a questo post). Ecco l’elenco completo: