Testimoni di giustizia: “Gente ‘pericolosa’ da candidare alle elezioni, anche quelle europee. Ma pericolosa per chi?”

Standard

Riscrive il testimone di giustizia di cui si era gi pubblicato un altro intervento. Ecco quali sono le sue considerazioni questa volta.

Orami i giochi sono fatti, le liste chiuse e allora viene da chiedersi qualcosa a proposito degli 81 testimoni di giustizia sotto protezione, uomini e donne che – a dire di uomini delle istituzioni, politici e societ civile – sono degli esempi, eroi, simboli di quell’Italia che vogliamo. E allora perch degli 81 testimoni di giustizia nessuno candidato alle elezioni europee?

Qualcuno potrebbe dire che non sono competenti, preparati o forse non sarebbero all’altezza. Quindi bisogna iniziare da un paio di paragoni: chi europarlamentare uscente e chi oggi in lista? Partiremo dalla rettitudine morale, credendo che i testimoni di giustisia siano testimonial di tale virt. Continuiamo con quel grande senso di dovere e attaccamento alle istituzioni. Bene, chi pu dire il contrario per i testimoni di giustizia?

Segue poi quel senso di sacrificio e di sopportazione che parte di ogni testimone di giustizia, quell’intrinseca voglia di verit, di legalit che parte integrante del loro essere. Dunque, ora il paragone fatelo voi uomini e donne della societ civile. E se la domanda viene posta a qualcuno, la risposta che giunge sempre la stessa: quegli esempi tanto osannati, tanto citati, vanno tirati fuori al momento opportuno un po’ come un coniglio dal cilindro.
Continue reading

Factcheckeu: le elezioni europee, una piattaforma in rete e le affermazioni politiche alla verifica dei lettori (e degli elettori)

Standard

FactcheckeuLsdi scrive a proposito di elezioni europee: una piattaforma collaborativa in 6 lingue per la verifica delle dichiarazioni politiche. Si tratta di Factcheckeu e cos viene descritta:

Le novit principali del progetto sono, appunto, il crowd checking, vale a dire la possibilit che siano i lettori stessi a sottoporre ad analisi o a segnalare dichiarazioni da verificare, e l’offerta del sito in sei lingue, il tutto nell’ottica di raggiungere un pubblico il pi ampio possibile e favorirne la partecipazione.

“Tra i membri della community – spiega Pietro Curatolo, uno degli animatori del progetto – inviteremo anche i centri di ricerca ad iscriversi come partner certificati, in modo da tenere alta la qualit delle analisi che pubblichiamo. In Italia, al momento, tra i partner contiamo l’Istituto per gli Affari Internazionali (IAI)”.

Continua qui.