Testimoni di giustizia: “Gente ‘pericolosa’ da candidare alle elezioni, anche quelle europee. Ma pericolosa per chi?”

Standard
Spread the love

Riscrive il testimone di giustizia di cui si era già pubblicato un altro intervento. Ecco quali sono le sue considerazioni questa volta.

Orami i giochi sono fatti, le liste chiuse e allora viene da chiedersi qualcosa a proposito degli 81 testimoni di giustizia sotto protezione, uomini e donne che – a dire di uomini delle istituzioni, politici e società civile – sono degli esempi, eroi, simboli di quell’Italia che vogliamo. E allora perché degli 81 testimoni di giustizia nessuno è candidato alle elezioni europee?

Qualcuno potrebbe dire che non sono competenti, preparati o forse non sarebbero all’altezza. Quindi bisogna iniziare da un paio di paragoni: chi è europarlamentare uscente e chi oggi è in lista? Partiremo dalla rettitudine morale, credendo che i testimoni di giustisia siano testimonial di tale virtù. Continuiamo con quel grande senso di dovere e attaccamento alle istituzioni. Bene, chi può dire il contrario per i testimoni di giustizia?

Segue poi quel senso di sacrificio e di sopportazione che è parte di ogni testimone di giustizia, quell’intrinseca voglia di verità, di legalità che è parte integrante del loro essere. Dunque, ora il paragone fatelo voi uomini e donne della società civile. E se la domanda viene posta a qualcuno, la risposta che giunge è sempre la stessa: quegli esempi tanto osannati, tanto citati, vanno tirati fuori al momento opportuno un po’ come un coniglio dal cilindro.

Sarebbe bello ora ricevere una risposta di chi è stato incaricato a formare le liste, ma siamo sicuri che la linea del silenzio è costante in quei soggetti noti alla politica. Le liste sono cosa seria, direbbe qualcuno, e poi cosa c’entrano i testimoni di giustizia? Loro devono vivere nascosti, fuori dal mondo, e poi sarebbe pericoloso far fare loro politica. Sì, vero, è pericoloso perché chi vede, chi sente e chi parla è pericoloso e non solo per le mafie.

Forse queste analisi sono troppo profonde se si pensa che a vari testimoni di giustizia alle precedenti votazioni non è stato permesso votare. Eh sì, addirittura è stato negato il diritto al voto e non perché erano interdetti o indagati o imputati di chissà quale reato. Ma solo solo perché chi ha prediposto la tutela ha ritenuto inutile il voto, esoso l’accompagnamento in località di origine o ha pronunciato sempre la solita frase: è pericoloso.

Davvero? Più pericoloso che accompagnare un politico sotto scorta a votare? Forza, forza che questa Italia sta cambiando. Se in bene o in peggio non ci è dato sapere. Resta però un dato di fatto: i testimoni di giustizia non li vuole nessuno.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *