Il manifesto dei 101, quando un’altra politica era possibile

Standard

Sul sito di Micromega viene riproposto un articolo di Emilio Carnevali pubblicato sul nono numero del 2006 a proposito del manifesto dei 101. Si intitola I fatti d’Ungheria e il dissenso degli intellettuali di sinistra:

Attraverso documenti e interviste ai firmatari, genesi, diffusione e censure del “Manifesto dei 101”, con cui molti intellettuali di sinistra la maggior parte iscritti al Pci, come lo stesso Antonio Giolitti stigmatizzarono i ritardi nella critica allo stalinismo e lerrata analisi della rivolta ungherese, invitando il partito a porsi dalla parte degli insorti. “Un’altra politica era possibile”.

E a proposito di Antonio Giolitti, il blog del circolo sassarese di Giustizia e Libert racconta di un antifascista e partigiano, a sinistra contro i carristi e contro Craxi.