Corruzione, malaffare e storie di persone che resistono alle lusinghe dell’illegalitÓ

Standard

Onesti e disonesti - Le due Italie che si combattono╚ uscito per i tipi di Castelvecchi il libro Onesti e disonesti – Le due Italie che si combattono. Una serie di storie che raccontare uno spaccato del Paese:

Sangue infetto, smaltimento illegale dei rifiuti, speculazioni edilizie, depredazione del territorio, corpi femminili usati come merce di scambio. Sono molteplici le forme che assume la corruzione, senza contare quello che accade all’interno dei partiti. Fiumi di denaro mangiati a scapito dei cittadini e della loro vita. Ma non tutti osservano immobili l’assalto alle risorse pubbliche e l’ingordigia di chi ha come unico scopo l’arricchimento personale. Esiste una nazione che non si vede, che si oppone e che per questo ha pagato e, a volte, continua a pagare per il proprio moto di onestÓ. Ma che non si Ŕ arresa al dilagare dell’illegalitÓ.

“Italia. La fabbrica degli scandali”: una storia composta da tante altre storie per raccontare la degenerazione di un Paese

Standard

Italia. La fabbrica degli scandaliScritto a quattro mani con Gigi Marcucci, esce il prossimo 9 ottobre il libro Italia. La fabbrica degli scandali per Newton Compton ed Ŕ una storia composta da tante storie:

La storia italiana non coincide necessariamente con quella del malaffare, ma forse pu˛ essere raccontata – pi¨ che in altri Paesi – attraverso intrighi politici, mediatici e istituzionali che di solito vengono sintetizzati da una sola parola: scandalo, appunto. Spesso, per˛, il turbamento della coscienza collettiva cede il posto all’assuefazione, favorita anche dal controllo dei mezzi di informazione. Un potere costituito che scende a patti con l’illegalitÓ ha caratterizzato fin dall’inizio il Regno d’Italia, ma certo non ne sono stati immuni nÚ la Repubblica, nÚ alcuni ambienti ecclesiastici, tanto che la fabbrica degli scandali continua anche oggi a lavorare a pieno regime. Alla sonnolenza del periodo di incubazione degli scandali, sono spesso seguiti bruschi risvegli, vampate di rabbia, scossoni istituzionali, ma non si Ŕ ancora riusciti a debellare quello che erroneamente viene definito un tratto distintivo dell’italianitÓ, ed Ŕ invece una pratica consolidata di circoli tutto sommato ristretti ma molto influenti. E intanto gli ingranaggi del malcostume e della corruzione seguitano a girare incessantemente.

Qui ulteriori informazioni.