Kaizenology: ispirarsi alla storia del Gatto e della Volpe

Standard

Su Kaizenology viene pubblicato un lungo post incentrato sulle figure del Gatto e della Volpe im cui si scrive che:

Non star quindi a ripetere cose che gi in altre sedi e in altri tempi sono state dette, esaminate, commentate e ricommentate. Quello che invece mi preme far notare e che forse potrebbe sorprendere e disorientare qualche nostro concittadino che da quel carrozzone polveroso e malandato chiamato Italia i due signori in questione non sono ancora scesi. Sono ancora l, invecchiati e forse stanchi, ai loro posti di comando, un po defilati dal palco al riparo dai riflettori del presente, ma comunque vivi e pronti a fare la loro parte. Per fortuna di nuovo in molti se ne sono accorti: giornalisti e scrittori che con poche forze e poco sostegno provano a far riemergere la verit dei fatti, tentano di far sapere al resto dItalia e del mondo che il Gatto e la Volpe hanno forse perso il pelo ma non il vizio.

E si citano tre episodi che accostano per versi differenti i due personaggi politici italiani: il volo che il 20 giugno 1973 avrebbe dovuto riportare in patria Juan Domingo Pern; il ritrovamento del memoriale Moro il 1 ottobre 1978 in via Montenevoso a Milano; e le registrazioni consegnate nel 1991 al giudice Guido Salvini dal capitano Antonio La Bruna. Da leggere, dunque, questo testo di Kaizen.

Kaizen: tra bancarotta, social card e interessi da rendere

Standard

KaizenologyHo ricevuto questa mail dall’ensemble narrativo Kaizen e la pubblico perch contiene una storia interessante.

Breve comunicazione di servizio… parentesi aperta e chiusa.
Oggi mi telefona mia madre. “Sono preoccupata…”
“Che succede?”
“Mi mancano soldi sul conto postale. Dovevo avere X e invece ho X -350. Oggi giorno di pensione. davvero strano.”
“Uhm…”
“La cosa si complica perch devo pagare l’affitto…”
Un giro di telefonate tra ex colleghe. Poi richiama: “Strano davvero. Anche a… e a… mancano 350 euro”
Sento G all’altro capo d’Italia per questioni Kai Zen e poi racconto an passant la storia di mia madre e colleghe, tutte pensionate in Provincia di Bolzano. G da Messina mi dice: “Cazzo, anche delle colleghe di mia madre hanno preso 3-400 euro in meno di pensione…”

Io, da tempo faccio repubblica per conto mio. Ho avvisato per cortesia anche il presidente della repubblica italiana di questa mia secessione personale, una gentilezza tra capi di stato… In fin dei conti l’Italia non perde nulla: guadagno miserie come precario e le tasse che pago sono pi alte di quello che guadagno ma comunque sono cifre che non spostano nulla.

In un paese in cui la scuola, la ricerca, la formazione e l’istruzione sono in bancarotta e in cui a nessuna di esse si pu destinare l’8 per mille, in un paese in cui il Vaticano, uno stato estero, come me, incassa tra contributi e bonus fiscali 4 miliardi di euro l’anno (si pensa al futuro, ma a quello dopo la morte) e in un paese in cui si tutela la vita di chi in coma vegetativo da vent’anni (la politica scriveva Camus, un affare da massaie, serve a tenere in ordine la cucina, ad amministrare, quando parla di etica cessa di essere politica…) ma non di chi lavora e in cui si produce la maggior quantit di mine antiuomo al mondo, ora si tagliano le pensioni. Forse, chi come mia madre, dopo 45 anni di lavoro, ha preso i 40 euro di bonus governativo non sapeva che si trattava solo di un prestito a breve durata e che avrebbe dovuto pagarlo con gli interessi.

O forse no. tutta colpa dei rumeni.

Copyleft Festival: ospite Licio Gelli (ma per fantasia e a fumetti)

Standard

KaizenologyAncora a proposito del Copyleft Festival, stato messo online il racconto scritto dall’ensemble narrativo Kai Zen intitolato Notturno Villa Wanda (qui il pdf del testo rilasciato con licenza Creative Commons). Villa Wanda, come si sa, l’abitazione di Licio Gelli, venerabile maestro della P2, e qui vennero ritrovati gli elenchi degli iscritti alla loggia. Va precisato per che il racconto di Kaizen frutto di fantasia, anche se il personaggio di Licio Gelli pi che reale, e dalle parole passer ai fumetti attraverso l’intervento dei disegnatori Scuola Internazionale di Comics.

Sempre dalle penne digitali degli autori del romanzo La strategia dell’Ariete, inoltre, da segnalare sul blog Kaizenology, il post S.I.A.E ◊ M.A.F.I.A in cui ne raccontano un altro, di episodio. Questo per reale non solo nei personaggi, ma anche negli eventi:

La SIAE ci chiede il pizzo. Il comune di Negrar (VR) deve sborsare ben 300 euro per aver portato in scena (gratuitamente) lo spettacolo della Compagnia Fantasma “I Sentieri di Seth” tratto dal nostro libro La strategia dell’Ariete. Due funzionari SIAE […] hanno assistito alla pice per poi palesarsi con tanto di distintivo per “difendere” gli interessi degli autori, cio noi. Noi eravamo presenti. Abbiamo sottolineato che la licenza creative commons di cui ci avvaliamo consente a chiunque di riprodurre, modificare ecc. ecc. (senza scopo di lucro) la nostra opera. Ora, a qualche mese di distanza, la SIAE multa il comune perch dice che La strategia dell’Ariete non in creative commons e che noi andiamo protetti. Insomma pretendono il pizzo sulle nostre produzioni, che da sempre sono libere di circolare.