Dentro l’inchiesta, un racconto dell’Italia nelle indagini dei reporter da Salvatore Giuliano al giornalismo partecipativo

Standard

Dentro l'inchiestDentro l’inchiesta – L’Italia nelle indagini dei reporter un libro uscito un po’ di tempo fa (era lo scorso ottobre) per i tipi delle Edizioni della sera nella collana Cronache moderne. Scritto da Gerardo Adinolfi con prefazione di Sandro Provvisionato, ecco quali temi racconta:

“Dentro l’inchiesta” un viaggio nel giornalismo investigativo italiano. Dall’indagine sulla morte del bandito Giuliano, alle inchieste di Report. Passando per il periodo della controinformazione, delle stragi, di Ustica, degli scandali Lockheed, Gladio, P2 e Tangentopoli. Fino alle inchieste sull’immigrazione di Fabrizio Gatti, su “L’Espresso”, e di Stefano Liberti, su “il manifesto”. Ai documentari sulle mafie che trovano poco spazio in televisione, alle nuove forme di inchieste de “Le Iene” e “Striscia la Notizia” fino al citizen journalism che si sta sviluppando sul web. Ma cosa un’inchiesta? Quali sono i rischi, le tecniche? “Dentro l’inchiesta” racconta cosa , e quali sono stati gli esempi di giornalismo investigativo che pi hanno scosso l’opinione pubblica italiana. Attraverso le testimonianze dei reporter che hanno raccontato misteri e scandali del nostro Paese, e che con le loro indagini contribuiscono a soddisfare il bisogno di informazione dei cittadini.

Il libro anche un blog omonimo e qui si pu trovare il booktrailer.

WarLogs: quando la verifica delle fonti diventa collettiva

Standard

WarLogs - European collaborative investigation

A proposito dei diari di guerra pubblicati lo scorso 26 luglio da WikiLeaks, la rivista canadese Cyberpesse.ca recensisce in un articolo un’interessante piattaforma targata Owni, Slate.fr, Le monde diplomatique e Typhon. Si tratta di WarLogs – European collaborative investigation:

WarLogs d accesso a sei anni di guerra riassunti in 75 mila documenti. Consultateli e commentateli affinch possiamo studiare, insieme, una guerra di cui non si conosce il nome.

(Via Didier Heiderich)