Purgatori su “Fortapsc”: un film su Siani, non su Jouakim

Standard

A proposito di Fortapsc, il film diretto da Marco Risi sul giornalista Giancarlo Siani ammazzato dalla camorra il 23 settembre 1985, e della richiesta dell’ex capo-redattore del Mattino Mino Jouakim che chiede il sequestro della pellicola, AgoraVox pubblica una doppia intervista: da un lato Jouakim, che fu il capo di Siani e che oggi si ritiene danneggiato dal film, e dall’altro Andrea Purgatori, la cui firma si trova su opere come Il muro di gomma, Segreto di stato e Il giudice ragazzino, solo per citarne alcuni (qui la sua filmografia completa). E se il giornalista napoletano non sembra retrocedere dalle sue posizioni, Andrea invece afferma:

Abbiamo modificato i nomi di tutti ad eccezione dei camorristi e di Giancarlo per creare, come spesso accade nella cultura cinematografica, delle sintesi e degli opposti che ci potessero raccontare meglio la storia. Questo stato fatto nella piena libert creativa che ci si prende quando si fa un film e non un documentario. Nessuno si pu riconoscere in quel giornalista perch quel giornalista non esiste. Adesso lui si sente, come ho letto, diffamato e vedremo cosa dir il giudice. Nel “Divo” di Sorrentino, Andreotti si guardato bene dal chiedere il ritiro del film e non lho ha fatto nemmeno Cirino Pomicino che in una scena fa una scivolata nel Transatlantico, col suo nome e cognome e non con un altro. Io penso che ci vorrebbe pi elasticit nellaffrontare queste cose e nel pensare che abbiamo affrontato la storia di Giancarlo Siani e non quella di Jouakim. Che dire di fronte a queste cose? Ci sono abiutato, io non scrivo “Vacanze di Natale”… Per il “Muro di Gomma” mi hanno chiesto 100 miliardi, per “Il Giudice Ragazzino” si sono incazzati. Non mi stupisce, quindi. Mi stupisce il fatto che ci sia qualcuno che non si rende conto che stiamo facendo un film.