Valpreda innocente e Pinelli assassinato: il ricordo a 13 anni dalla morte di Pietro Valpreda

Standard

Su Radio Radicale il dibattito Valpreda innocente. Pinelli assassinato – Ricordo a tredici anni dalla morte di Pietro Valpreda. L’ha organizzato il Circolo Anarchico Ponte della Ghisolfa di Milano:

Partecipano Piero Scaramucci (giornalista e scrittore), Mauro Decortes (amico e compagno di Valpreda, attivista del Ponte), Claudia e Silvia Pinelli (figlie di Pino Pinelli), Saverio Ferrari (dell’Osservatorio Democratico Sulle Nuove Destre), Andrea Di Stefano (economista e direttore del mensile “Valori”), Pia Valpreda (moglie di Pietro). Nel corso dell’incontro vengono proiettate alcune scene del film “Faccia da spia” in cui Pietro Valpreda interpretava se stesso. Il film racconta una serie di operazioni compiute dalla Cia nel mondo, con una parte dedicata alla strage di piazza Fontana (subito dopo l’uscita del film nelle sale, la casa produttrice decise di tagliare quella parte, comprese le scene con Valpreda)

Aldo Giannuli: riflessioni su un'”idea della Storia dura a morire”

Standard

Aldo Giannuli ha pubblicato qualche giorno fa sul suo blog un intervento a proposito di una idea della Storia dura a morire. L’assunto di partenza questo:

C una idea dura a morire – e che riecheggia in molti interventi variamente modulata – per la quale la Storia una specie di ancella della politica cui spetta essenzialmente un ruolo di fiancheggiamento propagandistico finalizzato a tenere serrate le fila e, possibilmente, a reclutare consensi nel campo altrui. Naturalmente, non ci ignoto che la storia ha un ruolo importante nel definire identit collettive, giustificare aspettative, fissare confini ecc., ma questo si colloca ad un livello pi alto della propaganda e soprattutto della propaganda spicciola per cui facciamo l’elenco dei rispettivi crimini ed orrori.

Per inciso: se la mettiamo sul piano di chi ha fatto pi massacri ed affini, nessuno se la passa tanto bene: i nazisti hanno ottime probabilit di arrivare primi, ma cristiani, comunisti, liberali, legittimisti ecc. non che si collochino tanto pi in basso e neppure socialisti ed anarchici (che presumibilmente occuperebbero i gradini bassi della scala) andrebbero del tutto esenti da qualche ricordo sgradevole.

E nel seguito della riflessione invita a non soffermarsi solo sugli eventi pi recenti, ma a risalire a catena la linea della storia. Perch ogni evento collegato a un precedente con una linea di continuit da cui non si pu prescindere. Continua qui.

“Speriamo che trionfi la giustizia liberando gli innocenti e imprigionando i colpevoli”

Standard

Banca Nazionale dell'Agricultura, Piazza Fontana, MilanoClaudia Pinelli, classe 1A, anno scolastico 1972/1973

Tema: “Un fatto di cronaca”

Svolgimento

Erano verso le h. 4 del pomeriggio, a un tratto echeggi una esplosione, molta gente accorse dove si era sentito il boato; davanti a loro stavano le macerie di una banca distrutta e qua e l corpi straziati. Cos avvenne quella che ora definiamo: “La strage di Piazza Fontana”.

La polizia non sapeva dove mettere le mani, cos decise di addossare la colpa agli anarchici. Li vennero a prendere per portarli in questura. In quelle tragiche notti perse la vita il ferroviere anarchico Giuseppe Pinelli fermato dalla polizia come tanti altri suoi compagni.

La moglie (Licia Rognigni Pinelli) ora si sta battendo per scoprire la verit sulla morte del marito, perch lei convinta, come le sue figlie, che Giuseppe Pinelli non si suicidato, ma sia stato ucciso. La polizia, vedendo la reazione della moglie, si affrett subito a dire che Pinelli era un bravuomo e che il giorno seguente lo dovevano liberare. Ma alla vedova Pinelli non bastavano le loro rassicurazioni; ora era sola e doveva provvedere al mantenimento delle sue due bambine, Silvia di 8 anni e Claudia di 8.

Intanto per la strage di Piazza Fontana era stato accusato Valpreda.

Sono passati tre anni dalla strage di Piazza Fontana e Valpreda stato rilasciato in libert provvisoria senza un vero processo (ben due processi sono stati rinviati).

Speriamo che il terzo processo sia quello che faccia trionfare la giustizia liberando gli innocenti e imprigionando i veri colpevoli.

(Prologo al libro Una storia quasi soltanto mia di Licia Pinelli e Piero Scaramucci, Feltrinelli, 2009)