“Urla a bassa voce” a cura di Francesca De Carolis: riflessioni su carcere, ergastolo e 41 bis

Standard
Spread the love

Urla a bassa voceEsce il prossimo 29 agosto il libro curato da Francesca De Carolis e intitolato Urla a bassa voce – Dal buio del 41 bis e del fine pena mai. Attraverso trentasei testimonianze di detenuti con condanne all’ergastolo, questo Ŕ il sunto di ci˛ che si vuole raccontare:

A trent’anni dall’introduzione del reato di associazione mafiosa e dopo 20 anni dall’inasprimento delle leggi per combattere la criminalitÓ organizzata, tra cui il 41 bis, questa Ŕ la prima testimonianza collettiva di ergastolani, condannati per reati legati alla criminalitÓ organizzata, che hanno scelto di non essere collaboratori di giustizia. In un momento in cui con sempre maggiore drammaticitÓ si pone il problema dell’affollamento delle carceri italiane e delle condizioni di chi vi Ŕ detenuto, i loro racconti aprono una riflessione sulla condizione fisica e morale di chi Ŕ condannato a morire in carcere. Una riflessione sul senso della pena e sulla necessitÓ del rispetto dei diritti che la nostra Costituzione garantisce per tutti, indipendentemente dalla configurazione dei reati commessi.

La prefazione Ŕ stata scritta da don Luigi Ciotti del Gruppo Abele e Libera.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *