La violenza sessuale e i media: “Quando la vittima diventa un fantasma”

Standard
Spread the love

Le viol dans les mediasUn paio di giorni fa, in vista della giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne che cade oggi, Lsdi ha pubblicato La violenza sessuale e i media: quando la vittima diventa un fantasma, traduzione del lavoro di due giornalisti francofoni, Audrey Guiller e Nolwenn Weiler, che lo hanno scritto nel volume Le viol dans les mdias: un crime presque ordinaire (Le Cherche-midi, ottobre 2011):

I giornalisti parlano di violenza sessuale soprattutto in due casi: quando viene aperta un’inchiesta dopo una denuncia e al momento del processo al presunto aggressore. Ora, gli episodi di violenza sessuale che arrivano in tribunale rappresentano meno della met del 10% della totalit dei casi. Silenzio su tutti gli altri. Si percepisce la realt del crimine come se si guardasse dalla parte opposta del binocolo. E il trattamento come fatti di cronaca (nera o giudiziaria) li presenta come una somma di storie individuali. Come degli episodi tristi che accadono agli altri.

Continua qui e qui invece l’originale del capitolo tradotto da Lsdi.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *