Breviario per aspiranti terroristi: provocazione di Mathias Enard contro abbruttimento e consuetudine

Standard
Spread the love

Breviario per aspiranti terroristi di Mathias EnardSi intitola Breviario per aspiranti terroristi il breve testo (96 pagine) scritto da Mathias Enard e tradotto da Alice Volpi. In attesa di un nuovo titolo dello stesso autore, questo lo rilancia in libreria Nutrimenti per raccontare che:

Un attentato che si rispetti deve avere un fine e una religione. Ci vuole perseveranza, sacrificio. E un’esplosione. Bisogna poi colmare il vuoto che segue. Terrorismo e cospirazione non sono per chiunque. Ad insegnarci quest’arte Ŕ Virgilio, negro buono e gentile, a sua volta istruito ai supremi artifici da un maestro-padrone severo e gaudente, in dieci comode lezioni illustrate.

Con un abile sovvertimento di premesse e implicazioni dove l’unico fine appare la soddisfazione del proprio compiacimento, Mathias Enard dispiega con colta provocazione, muovendosi tra Voltaire e Swift, rovesciando Defoe, una proposta di terrorismo elitario che ha lo scopo di svegliare le menti dall’abbrutimento e dalla consuetudine. Meglio consegnare la propria “opera” all’eternitÓ o cercare quei quindici minuti di celebritÓ cari a Warhol? Un libro allegorico e diverso da prendere alla lettera, un pamphlet contro il razionalismo occidentale e l’integralismo islamico che strappa un sorriso inquieto.

Per leggere cosa ne hanno scritto alcuni giornali, si veda qui.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *