“Basta impunitÓ per chi depista le indagini della magistratura”: online l’appello per il reato di depistaggio commesso da pubblici ufficiali

Standard
Spread the love

Basta impunita' per chi depista le indagini della magistraturaSu Articolo21.org Ŕ online la petizione Basta impunitÓ per chi depista le indagini della magistratura e per firmarlo il link Ŕ questo:

I depistaggi sono stati lo strumento utilizzato dai responsabili materiali e morali delle vicende stragiste e di terrorismo del nostro Paese per rallentare, se non bloccare, le inchieste e per impedire l’accertamento di fatti delittuosi gravissimi sulle stragi che da piazza Fontana al 1993 hanno insanguinato l’Italia. Un capitolo ancora non completamente scritto, fatto di omissioni, bugie, distruzioni di documenti, emersi giudiziariamente, compiuti da pubblici ufficiali inseriti negli apparati dello Stato.

L’introduzione di un reato specifico che sanzioni penalmente il comportamento omissivo e occultante diviene improcrastinabile. L’attuale ordinamento si Ŕ limitato a prevedere, per casi simili, solo i reati di falsa testimonianza, calunnia, omissione o soppressione di atti d’ufficio, senza evidenziare le conseguenze che tali condotte hanno sul piano penale e della veritÓ. Un’impunitÓ non pi¨ tollerabile per le conseguenze che quelle condotte hanno causato, e potranno causare, a danno della societÓ e della giustizia.

Per questo chiediamo al presidente del Consiglio Matteo Renzi, e ai presidenti di Camera e Senato, Pietro Grasso e Laura Boldrini, di calendarizzare e votare la proposta di legge n. 559, presentata dall’on. Paolo Bolognesi – all’esame della Commissione Giustizia – che introduce, dopo l’art. 372 del codice penale, il reato di depistaggio per i pubblici ufficiali che occultano la veritÓ all’autoritÓ giudiziaria – totalmente o parzialmente – non solo per i fatti di terrorismo e strage, ma anche per vicende legate all’associazione mafiosa, traffico di droga, traffico illegale di armi e di materiale nucleare, chimico o biologico. Pena la sanzione della reclusione da sei a dieci anni.

╚ un appello che intendiamo promuovere in tutte le sedi istituzionali, coinvolgendo anche la societÓ civile, perchÚ non possiamo accettare che il nostro Paese continui a regalare ai depistatori in divisa l’immunitÓ penale e morale dalla veritÓ e dalla giustizia.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *